Consumo di suolo: tutelare il territorio e riconoscere l’importanza dell’attività agricola

0
316

Obiettivo delle Nazioni Unite? Fermare il degrado di suolo a livello globale entro il 2030.

L’ultima generazione è responsabile della perdita in Italia di oltre 1/4 della terra coltivata (-28%) per colpa della cementificazione e dell’abbandono provocati da un modello di sviluppo sbagliato che ha ridotto la superficie agricola utilizzabile in Italia negli ultimi 25 anni ad appena 12,8 milioni di ettari. E’ quanto emerge dall’ultimo “Rapporto sul consumo del suolo in Italia dell’ Ispra” dal quale emerge che nel 2017 la superficie naturale si è ridotta di ulteriori 52 Km quadrati.

Si parlerà di questo, di tutela del territorio, ma anche come preservare, ripristinare e valorizzare gli ecosistemi connessi all’agricoltura e alla silvicoltura”, durante l’incontro organizzato da UeCoop Piemonte nell’ambito della Misura del Psr dedicata all’informazione che si svolgerà lunedì 24 settembre a Novi Ligure, a Villa Pomela, a partire dalle 8.30.

Fondamentali le tecniche per una corretta gestione e il contenimento dei fenomeni erosivi:  in Piemonte il consumo di suolo complessivo è di circa  175.000 ettari pari quindi al 6,9% della superficie totale regionale che è di 2.540.000 ettari In termini assoluti e la provincia di Torino con oltre 59.800 ettari di superficie consumata è la provincia con il valore più alto, seguita nell’ordine da Cuneo (37.800), Alessandria (26.450), Novara (15.100), Asti (11.507) Vercelli (10.600), Biella (7.400) e in ultima posizione dalla provincia del Verbano CusioOssola con circa 6.500 ettari. La provincia di Torino si conferma, quindi, come l’ambito che contribuisce maggiormente al fenomeno di consumo complessivo regionale incidendo per il 34,1% seguita da Cuneo (21,6%), Alessandria (15,1%), Novara (8,6%), Asti (6,6%), Vercelli, (6,1%), Biella (4,3%) e VerbanoCusio Ossola (3,7%). Infine, circa il 70% delle aree consumate insistono su suoli agricoli.

Su un territorio meno ricco e più fragile per il consumo di suolo si abbattono  i cambiamenti climatici con le precipitazioni sempre più intense e frequenti con vere e proprie bombe d’acqua che il terreno non riesce ad assorbire. In Piemonte, rispetto agli ultimi anni, si è verificato un leggero aumento dello 0,23% della superficie di suolo consumato pari a 400 ettari anche se, in confronto ad altre regioni del nord Italia, il Piemonte ha valori percentuali più bassi e questo è sicuramente un dato confortante. Il nostro impegno per tutelare la terra fertile disponibile con i metodi più adeguati perché terra coltivata significa produzione agricola di qualità, sicurezza alimentare e ambientale per i cittadini.

Print Friendly, PDF & Email