E’ stato l’ultimo ad andarsene, della vecchia squadra, dopo essere stato il primo della classe per 2 stagioni. Le ultime, quelle della promozione in B e della dolorosa retrocessione in C.
Protagonista assoluto del salto di categoria e poi ultimo bastione difensivo fra i cadetti, quello che più di tutti ha tenuta viva la speranza di arrivare alla salvezza.
Qualcuno dei suoi ex-compagni, partiti prima di lui, ha salutato in privato sui ‘social’, ma solo lui ha seguito una procedura ufficiale, inviando all’ufficio stampa dell’Alessandria il comunicato di saluto e chiedendo di renderlo noto ai media cittadini. Grande serietà dell’uomo e del professionista, al di là dei ‘social’, dove tutti sono liberi di scrivere.

“Mi trovo qui dopo due splendidi anni a dover lasciare una città che mi ha fatto da casa, e dove ho coronato un sogno: raggiungere un grande traguardo. Non posso dire che rimarrà nel cuore solo per questo perché sarebbe riduttivo. Porterò con me ogni singolo istante di vita e di campo, porterò con me ogni singola goccia di sudore, ogni piccola e grande soddisfazione, ogni  piccola e grande delusione, ogni sguardo di intesa con mister e compagni, ogni canto all’unisono con Voi, carissimi Tifosi. Grazie per esserci sempre stati, grazie per avermi sostenuto, apprezzato e voluto bene e questo bene che ricambio con tutto il mio cuore rimarrà per sempre. Con il cuore pieno di gratitudine canto ancora all’unisono con ciascuno di Voi: ‘Magico Orso alè, canto solo per te, ovunque andrai sarem, sempre nel mio cuore ti porterò!”
Matteo Pisseri

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x