21.2 C
Alessandria
venerdì, Giugno 18, 2021

Tennis: l’alessandrino Matteo Donati
e il suo lungo momento di crisi

Raccontare le sconfitte è sempre più difficile che raccontare le vittorie, ma viverle è certamente peggio. Soprattutto se hai 22 anni, sei pieno di forze e in ascesa. Ma la storia di Matteo Donati, terzo alessandrino ‘all-time’ per classifica ottenuta (dopo Barazzutti e Caratti), negli ultimi tre anni è fatta di alti e bassi, di ascese verticali e di discese perentorie che, al momento, nella graduatoria mondiale ATP, lo collocano al n. 324 in singolo e al n. 279 in doppio. Tanta roba, per carità, ma per uno che il 27 luglio 2015, due anni fa, era n. 159 in singolo con l’obiettivo di entrare nella ‘Top 100’, è certamente un passo indietro.
Il bilancio 2017 è negativo, con 28 matches disputati e solo 12 vittorie contro 16 sconfitte, e la classifica mobile ATP non perdona: il risultato ottenuto porta punti per salire, ma un anno dopo i punti scadono e si perdono, e se non se ne fanno altri si scivola verso il basso. Infatti l’anno in corso è cominciato al n. 207 e in sette mesi Matteo ha perso 127 posizioni. Ma anche nel 2016 ci sono stati problemi, partendo dal 180 e chiudendo al 207. Però quel calo fu considerato fisiologico: dopo la punta massima di rendimento, ci stava.

Molta parte di questa crisi l’hanno avuta gli infortuni, che hanno condizionato il rendimento di Donati per mesi, obbligandolo a stare fermo per curarsi e guarire, perdendo posti in classifica e quindi autostima, ricominciando sempre da capo. Nel 2015 fu il polso a fermarlo proprio sul più bello: due mesi penalizzanti nel momento migliore, che hanno inciso molto a livello psicologico. Nell’inverno scorso lo bloccò la schiena: altri due mesi dopo il periodo di ‘carico’ in allenamento, che vuol dire cinque mesi lontano dalle gare. Troppo, decisamente.

“Ci sono stati momenti difficili – spiega Matteomomenti in cui avevo perso la fiducia, avevo il chiodo fisso dell’infortunio, della ricaduta, e questo ti toglie energie e attenzione. Ora va meglio”.
Avete cambiato qualcosa a livello di gestione globale, tu e il tuo coach Massimo Puci? “Si, qualcosa abbiamo corretto a livello di impostazione, soprattutto dopo gli infortuni: se una cosa mi portava dolore, facevamo piccole modifiche per eliminare il problema senza intaccare il rendimento”.
La mancanza di risultati ha mai portato problemi fra di voi? “No, non è mai venuta meno la fiducia reciproca. C’è sempre stata grande sintonia”.
In doppio sta andando bene, anche se non lo giochi molto. La classifica sorride (n. 279 contro il n. 430 di gennaio); vuol dire che quella è la via d’uscita? “Mi aiuta molto, anche se non è l’attività principale. Non ci sono nemmeno obiettivi di classifica. Solo che giocare il doppio ti serve a rimanere nel torneo, tiene alta l’adrenalina, ti allena ed è meno faticoso. Ma lo gioco solo con Cecchinato o Napolitano.

L’attenzione del settore tecnico federale su Matteo Donati è sempre alta, tant’è che in questa settimana si sta allenando a Tirrenia. Sabato partirà alla volta di Pordenone, dove sarà in tabellone in un torneo da 50.000 $ di montepremi. Si gioca da lunedì.
Alla ricerca delle vittorie per risalire.

Raimondo Bovone
Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.
- Advertisement -

Articoli Correlati

G7: un’alternativa al “secolo cinese”

G7: un’alternativa al “secolo cinese” Dall’11 al 13 giugno si è riunito il quarantasettesimo vertice del G7. L’organizzazione internazionale riunisce i rappresentanti dei sette paesi...

Covid: nessun nuovo contagio in provincia e nessun decesso in Piemonte

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 72 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 2 dopo test antigenico), pari allo 0,4% di 17.497 tamponi eseguiti, di...

Rissa tra giovanissimi, i Carabinieri identificano tutti i partecipanti

Rissa tra giovanissimi, i Carabinieri identificano il quarto partecipante. Nel primo pomeriggio del 26 maggio scorso era scoppiata una violenta lite tra alcuni ragazzini. Il...

Social

4,523FansMi piace
2,512FollowerSegui
3,520IscrittiIscriviti
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

G7: un’alternativa al “secolo cinese”

G7: un’alternativa al “secolo cinese” Dall’11 al 13 giugno si è riunito il quarantasettesimo vertice del G7. L’organizzazione internazionale riunisce i rappresentanti dei sette paesi...

Covid: nessun nuovo contagio in provincia e nessun decesso in Piemonte

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 72 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 2 dopo test antigenico), pari allo 0,4% di 17.497 tamponi eseguiti, di...

Rissa tra giovanissimi, i Carabinieri identificano tutti i partecipanti

Rissa tra giovanissimi, i Carabinieri identificano il quarto partecipante. Nel primo pomeriggio del 26 maggio scorso era scoppiata una violenta lite tra alcuni ragazzini. Il...

L’infermiere e il miglioramento della qualità della vita del paziente

L’ideatrice del modello messo a punto negli Stati Uniti ospite alla XIV Giornata Scientifica Nell’intenso programma della Giornata scientifica in programma il 24 giugno, ‘Attività...

Venerdì 18 giugno: frase del giorno, i santi del giorno, i nati famosi, cosa accadde oggi

Frase del giorno  Non si può mangiare ciò che ha un volto. (Paul Mc Cartney) Santi del giorno San Gregorio Barbarigo (Vescovo), Santa Marina (Monaca), San Calogero (Eremita), ...