Playoff: l’Alessandria ritrova Ciancio,
Marconi e Vitofrancesco.
Supercoppa: Venezia per il tris,
al Foggia basta il pari

0
1173

Lecce e Alessandria, due sfide in cinque giorni per decidere chi va in semifinale playoff.
Sarà appassionante, sarà emozionante, sarà difficile, ma è certamente affascinante. E’ una delle sfide più belle che l’urna del sorteggio potesse proporre, una sfida fra seconde.
I nomi pesanti erano tre: Alessandria (78 punti), Lecce (74), Parma (70), tutte arrivate alle spalle delle vincitrici dei gironi (i grigi addirittura a pari punti). La sorte propone un scontro fra le due migliori e il campo dirà chi resterà in Lega Pro (che tornerà Serie C) e chi continuerà a sognare. Eh sì, perché poi ci saranno altre due gare da vincere per salire in B.
Nella sfida col Lecce l’Alessandria ritroverà tre ‘ex’ che fra Tanaro e Bormida hanno lasciato il segno: Simone CiancioFerdinando Vitofrancesco e Michele Marconi.
Il primo è il più longevo (dal 2008 al gennaio 2012) con 92 presenze, 4 gol e 1 promozione C2-C1, ed è passato da Cittadella, Juve Stabia e Cosenza prima di arrivare a Lecce la scorsa estate; il secondo ha vestito il grigio per 2 stagioni (63 presenze, 2 gol, 14 assist) ed è approdato in giallorosso a luglio 2016; il terzo è rimasto mandrogno tre anni e mezzo (89 presenze, 19 gol, 6 assist) scendendo in Salento, in prestito, lo scorso gennaio.
Con l’attuale squadra il loro apporto è stato importante: Ciancio ha messo insieme 37 presenze da titolare e 2 assist, ‘Vito’ ha giocato quasi sempre dall’inizio in ‘regular season’ (33 gettoni e 2 assist) restando in panca nel doppio confronto playoff con la Samb, mentre Marconi è spesso partito dalla panchina ma i suoi gol (3) sono risultati decisivi nelle 13 presenze in campo. Ora saranno avversari del loro passato.

In attesa delle sfide playoff, che si giocheranno mercoledì 31 maggio e domenica 4 giugno, il weekend propone partite decisive e verdetti definitivi: oggi alle 16,30 si gioca l’ultima sfida di Supercoppa, col Venezia che se vince in casa fa il ‘triplete’, ma al Foggia basta il pari per aggiudicarsi il trofeo. Domani si giocheranno le gare di ritorno dei playout, che decideranno sei retrocessioni in serie D.

Promosse in serie B: CREMONESE, VENEZIA, FOGGIA.
Vincitrice Coppa Italia lega Pro: VENEZIA (in finale MATERA 0-1, 3-1)
SUPERCOPPA: Cremonese-Venezia 1-2; Foggia-Cremonese 3-1
;
Venezia-Foggia
(sab. 27 ore 16.30).

 

Retrocesse in serie D: RACING ROMA, ANCONA, TARANTO.

PLAYOUT (domenica 28 maggio)
Girone A: Carrarese-Lupa Roma (and. 1-0); Prato-Tuttocuoio (and. 2-2).
Girone B: Teramo-Lumezzane (and. 1-1); Fano-Forlì (and. 1-1).
Girone C: Akragas-Melfi (and. 0-0); Vibonese-Catanzaro (and. 2-3).

Print Friendly, PDF & Email