23 C
Alessandria
mercoledì, Settembre 22, 2021

L’origine del bicchiere

La storia del bicchiere affonda nella notte dei tempi: i primi esemplari di bicchiere erano degli “utensili naturali”, degli oggetti disponibili in natura e non sottoposti a nessuna lavorazione: cortecce di alberi, conchiglie, sassi scavati dall’acqua. Ricordiamo che il “bicchiere” rappresentava l’unità di misura di capacità dei liquidi, con valori differenti a seconda delle diverse città. Un primo esempio di bicchiere lavorato dall’uomo è rappresentato dai corni di animali che venivano scavati dagli antichi egizi, dai persiani e dalle popolazioni italiche. Furono però i fenici i primi a produrre i primi veri bicchieri in vetro trasparente. Durante l’epoca pompeiana la storia del bicchiere entra nella sua modernità di forme e decorazioni: realizzare i bicchieri diventa una vera e propria arte che impone nuovi canoni estetici ma anche pratici, con il fondo che inizia a essere non più piatto ma concavo e decorazioni con pietre preziose e altri materiali pregiati. Dal 1500 in poi i maestri artigiani veneziani saranno richiestissimi all’estero, dalla Germania all’Olanda, dalla Spagna alla Francia. I bicchieri veneziani sono sinonimo di raffinatezza e pregio, le coppe divengono più larghe, gli steli più lunghi, il tutto impreziosito da intagli e decorazioni, ali a forma di merletto ed eleganti sottocoppe. Famosi e ammirati o bicchieri in vetro di Murano alla corte di Caterina de’ Medici.

Articolo precedenteC come carciofo
Articolo successivoL’attività fisica fa bene anche ai reni
Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli