Un censimento per monitorare il patrimonio arboreo casalese

0
736

«Quello che stiamo portando avanti, con una programmazione e pianificazione di durata pluriennale, è un progetto di mantenimento del verde, in modo che la città di Casale Monferrato possa continuare ad essere abbellita dalle sue numerose aree verdi, senza che ciò si trasformi in un pericolo per le persone».

Queste le parole dell’assessore all’Ambiente Vito De Luca, che ha presentato l’ultima iniziativa dell’Amministrazione comunale in campo ambientale: un Censimento fitostatico del patrimonio arboreo casalese, così da poterlo monitorare con maggior efficacia.

Delle 7 mila piante presenti nelle alberate e nelle aree verdi, circa 2 mila sono state finora oggetto degli studi della società torinese SEACoop, che si occupa di consulenza e progettazione in campo agro-forestale e ambientale.

Le informazioni raccolte, inserite in un apposito programma informatico, consentiranno la programmazione della gestione delle alberate urbane anche sotto il punto di vista della sicurezza dei cittadini, consentendo di individuare quegli alberi che presentano problematiche che possono avere ripercussioni sulla loro stabilita.

«Grazie a questo ulteriore censimento e al lavoro dei nostri Uffici – ha continuato l’assessore De Luca – è stato possibile eseguire una precisa catalogazione di 2 mila piante cittadine, creando così un database costantemente aggiornato con le schede valutative di ciascun esemplare, seguendone così il ciclo vitale con ancor più attenzione».

Circa 250 degli alberi censiti presentano difetti o anomalie tali da richiedere ulteriori indagini per individuare con precisione la classe di stabilita’, 9 necessitano di interventi (come, ad esempio, rimozione del cimale o monitoraggio dell’evoluzione vegetativa) mentre 47 richiedono la sostituzione. Nei giorni scorsi sono stati individuati anche tre ippocastani morti ed anche per questi è stato disposto l’abbattimento per evitare pericoli.

«Tutte le piante abbattute saranno sostituite con nuove piantumazioni, come sta avvenendo in viale Giolitti e come già avvenuto in passato nelle zone dove era stato necessario operare» ha concluso De Luca.

Nella sezione Ambiente ed ecologia del sito internet del Comune (www.comune.casale-monferrato.al.it) nei prossimi giorni sarà inoltre possibile visionare le specifiche e le immagini delle 47 piante da abbattere.

I 250 esemplari che necessitano di un approfondimento di valutazione saranno oggetto di Vta strumentale (Visual Tree Assessment – la Valutazione di Stabilità delle Alberature) nei prossimi mesi da parte di personale specializzato appositamente incaricato.

Print Friendly, PDF & Email