13 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 18, 2021

Pensione di vecchiaia: quando 15 anni bastano

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato del Patronato ACLI di Alessandria.

È ancora possibile, in presenza di determinati requisiti, avere la pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi. Lo ha precisato l’Inps stabilendo che le deroghe al requisito contributivo dei 20 anni introdotte dalla riforma Amato del ’92 (Dlgs 503/1992) continuano a essere operanti in quanto non abrogate dal decreto Salva Italia.

Sino al 31 dicembre 2011, il Dlgs 503/1992 consentiva ad alcune categorie di lavoratori la possibilità di accedere alla pensione di vecchiaia con soli 15 anni di contributi. Dopo l’entrata in vigore della riforma Monti-Fornero, l’Inps si era limitata a precisare che il diritto alla pensione di vecchiaia si matura solo in presenza di un’anzianità minima di 20 anni, non ritenendo più operanti le deroghe previste dalla riforma del 1992.

In seguito, dopo i dovuti approfondimenti, l’Inps ha rivisto la posizione, confermando la validità delle deroghe contributive anche dopo il 2011, in quanto non espressamente abrogate.

Il requisito minimo contributivo è confermato a 15 anni per:

  • lavoratori dipendenti e autonomi che al 31/12/1992 hanno maturato il requisito contributivo minimo di 15 anni di contribuzione. Sono validi a tale scopo contributi obbligator, figurativi, volontari e da riscatto o ricongiunzione;
  • lavoratori ammessi alla prosecuzione volontaria da una data anteriore al 31 dicembre 1992. In questo caso non è necessario che siano stati effettuati versamenti prima della predetta data;
  • lavoratori “discontinui”, cioè che possono far valere un’anzianità assicurativa di almeno 25 anni e risultano occupati per almeno 10 anni per periodi inferiori a 52 settimane. Lo scopo è salvaguardare i lavoratori con anzianità assicurativa rilevante (almeno 25 anni dal versamento del primo contributo) e che hanno lavorato in modo discontinuo.

La conservazione dei requisiti vigenti prima del 1992 non risparmia dal dovere maturare i nuovi requisiti di età previsti dalla riforma Monti-Fornero, sia per l’aumento dell’età pensionabile sia per l’applicazione dal 2013 degli incrementi connessi alle aspettative di vita.

Nella provincia di Alessandria sono presenti i seguenti sportelli del Patronato ACLI presso cui è possibile rivolgersi per ulteriori informazioni:

Sede Provinciale di ALESSANDRIA

Via Faà di Bruno 79 -15121 Alessandria

Tel. 0131/25.10.91Cell. 333.29.94.285

Sede Zonale di CASALE MONFERRATO

Via Biblioteca 2 -15033 Casale Monferrato

Tel. 0142/41.87.11Cell. 366.54.93.82

Sede Zonale di TORTONA

Via Emilia 244 -15057 Tortona

Tel. 0131/81.21.91 – Cell. 333.29.94.285

Segretariato Sociale di NOVI LIGURE

Via P. Giacometti 24 -15067 Novi Ligure

Tel. 0143/74.66.97 – Cell. 331.57.46.362

Segretariato Sociale di VALENZA

c/o Comunità Parrocchiale

Via Pellizari 1 -15048 Valenza

Tel. 0131/94.34.04 – Cell. 392.70.51.519

Segretariato Sociale di ACQUI TERME

Via Nizza 60/B – 15011 Acqui Terme

Lunedì, Martedì e Giovedì ore 9-12.00

Tel. 345.16.19.239

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x