Parte ‘Alimentaria’, rassegna del gusto e della qualità

0
879

Punta decisamente sulla qualità la “Fiera Alimentaria”, vera e propria rassegna del gusto che prenderà il via il 6 aprile prossimo e interesserà il centro storico della città per l’intera giornata. La manifestazione, organizzata dal Comune di Novi Ligure in collaborazione con Regione Piemonte ed il Consorzio “Il Cuore di Novi”, diventerà un appuntamento fisso che si ripeterà ogni primo sabato del mese, ad eccezione dei mesi estivi di luglio e agosto.

La qualità non riguarda solo i prodotti in vendita e in degustazione, ma anche l’allestimento degli stand e le varie proposte di animazione collegate. Hanno aderito con entusiasmo al progetto due Associazioni altamente specializzate nel settore alimentare.
La prima è “Gustitalia”, che raggruppa una decina di operatori e occuperà un tratto di corso Marenco (tra i portici vecchi e via Peloso) e la zona dei portici. L’Associazione, già presente al “Mercatino della Repubblica” allestito in occasione della ricorrenza del 2 giugno 2011, propone alimenti tipici di varie regioni italiane insieme a merceologie del settore non alimentare che tuttavia attengono alla cucina ed all’arredo casa.
Quindici, invece, saranno gli stand del “Mercatino Regionale Piemontese”, il cui allestimento occuperà il primo tratto di viale Saffi e rimarrà in città anche nella giornata di domenica. Espositori accuratamente selezionati proporranno un gran numero di prodotti di eccellenza piemontese, sempre più rari da trovare sulle tavole degli italiani in quanto considerati prodotti di nicchia.
Solo per fare qualche esempio, si potranno trovare formaggi con riconoscimenti DOP quali Castelmagno, Bra, Raschera, Toma Piemontese, Testun, Gorgonzola. Tra i vini ci si potrà sbizzarrire assaggiando Nebbiolo, Barbera, Arneis e i rari Cisterna d’Asti e Timorasso dei colli tortonesi. Tra i salumi, ci saranno anche quelli al tartufo bianco di Alba, al barolo e il “Nobile del Giarolo”; non mancheranno i settori dei dolci, del cioccolato artigianale, del miele e dei prodotti sottovetro.
Saranno gli stessi produttori a creare il mercatino e a promuovere attraverso le degustazioni e la vendita i loro prodotti tipici, naturalmente come si conviene in questo periodo di crisi, con un occhio di riguardo ai prezzi. Nelle due giornate i bambini potranno tornare a giocare, come facevano i loro genitori e i loro nonni, cimentandosi con i giochi di legno di una volta messi a disposizione gratuitamente dall’Associazione.

Il Cuore di Novi organizzerà momenti di intrattenimento ed animazione nel centro storico e si occuperà della realizzazione di spazi espositivi in via Girardengo, all’altezza della chiesa di S. Nicolò, da riservare a consorzi ed aziende vitivinicole del nostro territorio. Tra le varie proposte, ci sarà anche la possibilità di percorre le vie del centro storico a bordo di una carrozza d’epoca trainata da cavalli.

Infine, una curiosità: la manifestazione prende il nome da un manifesto della Fiera di Santa Caterina del 1930, dove, nel ricco programma di quell’edizione, si proponeva una “Mostra dell’Alimentaria” con premi, medaglie e diplomi. La scelta non è casuale, l’intenzione, infatti, è quella di promuovere una vera e propria rassegna enogastronomica realizzata su area pubblica.

Print Friendly, PDF & Email