Ospedale Acqui, martedì 29 dicembre la città in piazza contro la Regione

0
870
19.516 firme dei cittadini depositate in regione da parte dei sindaci dell'acquese per la salvezza dell'ospedale

Cittadini contro Istituzioni, Istituzioni contro Istituzioni. E’ battaglia aperta tra acquesi, comune e Regione per la difesa dell’ospedale Galliano di Acqui Terme.

Dopo la chiusura del reparto maternità, la perdita di “ruolo” cardine dell’ospedale per molte attività (pneumologia, oncologia, anestesia e radiologia) con la definizione di struttura semplice, ora tocca alla cardiologia. Da febbraio l’Azienda sanitaria locale inizierà i primi spostamenti in altre realtà sanitarie della provincia poiché il nosocomio termale sarà ridimensionato.

L’Amministrazione comunale ha indetto una protesta, martedì 29 dicembre, alle ore 10, nella piazza antistante l’ospedale alla quale ha invitato tutti i 41 mila abitanti dell’acquese. Il Sindaco Enrico Bertero, promotore della raccolta di oltre 10 mila firme, ha annunciato che lotterà fino alla fine contro la Regione Piemonte per la delibera adottata sull’ospedale “Monsignor Galliano”.

Print Friendly, PDF & Email