16.1 C
Alessandria
sabato, Ottobre 16, 2021

Scuola Bella – Inutile l’appello alla Provincia, lo sdoppiamento è certezza

Il no dei genitori

Invece di una scuola nuova gli acquesi ne avranno due a metà

Dopo l’avvio del procedimento che vedrà la scuola media sdoppiata nei due circoli esistenti non potevano non mancare le proteste di alcuni genitori contrari a questa decisione. In particolare un gruppo di mamme dell’istituto delle ex suore francesi che hanno protestato nel penultimo consiglio comunale riunito nella sala consiliare di Palazzo Levi. Una protesta che si è conclusa con l’uscita improvvisa dalla sala del Consiglio comunale dei genitori contrari al provvedimento sul ridimensionamento scolastico in discussione in aula.

“Ci siamo resi conto che si discute sempre sulle stesse argomentazioni, dette e ripetute senza suggerire altra soluzione” si erano dette le mamme in quel momento. “Uno sdoppiamento, a discapito della continuità didattica, deciso in modo frettoloso dal Comune” aggiungono i membri del centro-sinistra acquese all’opposizione, che hanno richiesto l’intervento della Provincia.

“Considerate le ripetute e disattese richieste da parte dei genitori e insegnanti della scuola di poter avere un confronto con  l’amministrazione comunale che potesse chiarire le perplessità e i dubbi, e considerata la forte tensione venutasi a creare in città e l’importanza e la delicatezza della questione, chiediamo che si possa attivare con urgenza un tavolo di confronto anche con l’Ente provinciale” avevano ribadito alcuni consiglieri d’opposizione e alcuni genitori. Un confronto che c’è stato tra l’assessore comunale Salamano e l’assessore provinciale Graziano Moro ma che non ha portato a nulla se non al ritardo dell’approvazione dell’iter previsto.

Ora che la scuola sarà “divisa” c’è un po’ di perplessità in città sull’intervento di costruzione di una nuova scuola nelle ex vetrerie della Miva in zona Borma. “Ci avevano promesso una scuola nuova nuova ma ora ne fanno due?” si legge in uno striscione appeso sul cornicione di un palazzo della caserma in corso Roma. Se da una parte si perde un’autonomia scolastica qual era la “Bella”, ora si pensa a farne una nuova?

 

Giampi Grey

Articolo precedente…Anche i muri parlano
Articolo successivoScuola “Bella” divisa
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x