8.8 C
Alessandria
mercoledì, Ottobre 27, 2021

ASCA nella bufera

L’Associazione Socio Assistenziale dei comuni dell’Acquese fornisce ogni giorno una serie di servizi utili al cittadino soprattutto in difficoltà.
Servizi che vengono erogati e pagati dai comuni aderenti tra cui quello di Acqui Terme e numerosi comuni dell’Acquese, della Valle Bormida e dell’Alto Monferrato. In occasione del rinnovo della convenzione di questi servizi, l’ASCA è stata al centro di forti polemiche tra gli stessi soci “pubblici”, che lamentano perplessità su alcuni aspetti economici e gestionali ed anche sulla metodologia con la quale viene determinato il peso di ciascun Comune nell’associazione. In particolare il dibattito si è sviluppato dalla richiesta del Comune di Acqui, che chiede da tempo una posizione “di pari dignità” rispetto a tutti gli altri Paesi limitrofi aderenti all’associazione. “Acqui ha rinunciato alla posizione capofila nonostante il suo peso in numero di abitanti – fanno sapere i responsabili ASCA della città termale – ma reclama il diritto ad esprimersi allo stesso modo degli altri comuni per la scelta dei propri rappresentanti nei vari comitati decisionali. Nell’ultima riunione di metà aprile, tutti i comuni hanno trovato l’accordo, anche sul superamento di due centri di costo e di gestione, e sulla gestione del personale amministrativo-contabile.”

Giampi Grey

Articolo precedenteBrevi Web-tech
Articolo successivoSceriffo dei rifiuti
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x