Frase del giorno 

Nessun insegnamento vale quanto l’esempio. (Robert Baden-Powell)

Santi del giorno

Santo Stefano I (Papa), Sant’Eusebio di Vercelli (Vescovo), Sant’Alfreda (Etelreda) di Crowland (Monaca Benedettina).

Accadde oggi

  • Festa degli Uomini. Per una romanzata vicenda, in epoca napoleonica la calzamaglia dei soldati era stretta, per cui i ‘testicoli’ stavano a sinistra della cucitura. Così il detto “les deux à gauche” (“i due a sinistra”) in dialetto divenne “i doi d’agùst”, cioè il 2 di agosto. Che in forma scherzosa diventa la ‘festa dei coglioni’. O degli uomini.
  • 1980 strage alla stazione di Bologna. Alle 10.25 una bomba esplose uccidendo 85 persone e ferendone 218. Gli esecutori materiali furono individuati tra i neofascisti dell’epoca, ma i mandanti no. Le indagini furono ostacolate e depistate. Nel 2007 uscì l’ipotesi di 2 tedeschi ‘indirizzati’ dall’ala comunista del terrorismo palestinese.
  • 1990 guerra del Golfo Persico. L’Iraq invase il Kuwait con 100.000 uomini e 300 carri armati, su ordine di Saddam Hussein. Iniziò così la 1^ Guerra del Golfo, la ‘prima in diretta TV’. Alle rivendicazioni irakene rispose una coalizione capeggiata dagli USA del presidente George Bush sr. L’interesse principale fu, in realtà, il controllo della gestione del petrolio e del conseguente equilibrio geopolitico mondiale.
  • 1998 Pantani vinse il ‘Tour’. Dopo il Giro d’Italia il grande e sfortunato campione italiano vinse anche il Tour. Dietro il Pirata si piazzarono Ullrich (3’21”) e Bobby Julich (4’08”). Pantani fu il 2° italiano a realizzare la doppietta dopo Gimondi nel ’65.

Nati famosi

  • Corrado Mantoni (1924-1999), Italia, presentatore. Nato a Roma, con ironia ed eleganza entrò nei cuori degli italiani, per i quali era ‘Corrado’. Entrò 20enne all’EIAR come speaker radiofonico, annunciando al paese la ‘fine della guerra’ e la ‘nascita della Repubblica’. Nei ’60 approdò in TV con ‘L’amico del giaguaro’,Canzonissima’, ‘Fantastico’ e Sanremo’ ’74. Come autore ideò ‘Domenica in’ (RAI) e ‘Il pranzo è servito’ (Mediaset). La creatura più famosa fu però ‘La Corrida’, in radio dal ’68 e in TV dall’86. Come cantante ebbe enorme successo con la canzone ‘Carletto’ (’82), con cui vinse un Disco d’oro.
  • Bort (1926-2019), Italia, vignettista. Nato a Salzano (VE), Mario Bortolato si trasferì a Voghera e poi ad Alessandria, città adottiva dove visse fino alla morte. Laureato in Legge a Pavia, impiegato nell’ufficio Contributi Agricoli Unificati, da vignettista esordì su riviste satiriche e divenne famoso su quelle più lette ’50-’60: ‘Epoca’, ‘L’Europeo’, ‘Le Ore’. Nel ’55 vinse il Dattero d’Argento al Festival dell’Umorismo di Bordighera. Per ‘La Settimana Enigmistica’ creò ‘Le ultime parole famose’ (1962-2013), ma le sue vignette uscirono fino al 1° gennaio ’17 grazie all’archivio accumulato negli anni. La frase del titolo diventò un modo di dire italiano.
  • Fabio Testi (1941), Italia, attore. Nato a Peschiera del Garda (VR), iniziò come controfigura per ‘Il buono, il brutto, il cattivo’, poi ebbe una piccola parte in ‘C’era una volta il West’. Il primo ruolo di prestigio arrivò con ‘Il Giardino dei Finzi Contini’ di De Sica (Oscar). Considerato un bellissimo, recitò anche nelle ‘fiction’ e nelle ‘soap’. Partecipò a diversi reality show e oggi vive in Spagna.
  • Isabel Allende (1942), Cile, scrittrice. Nata a Lima (Perù), figlia di un diplomatico cileno cugino del presidente Salvador, fu voce poetica dell’universo femminile. Giornalista e scrittrice, pubblicò diversi libri, tra i quali ‘Paula’, scritto in ricordo della figlia morta di una malattia rara. Nel 2010 ricevette il Premio Nazionale Cileno per la Letteratura. Dal 1989 la Allende vive in California e dal 2003 è cittadina Usa.

Di Raimondo Bovone

Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.