9.9 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 18, 2021

Calcio-scommesse: arrestati 16 tra calciatori; ex e dirigenti di societ

MILANO – Ritorna l’ombra del calcio-scommesse. Sedici persone; tra cui ex giocatori di serie A; calciatori di serie B e Lega Pro; ancora in attivit e dirigenti di societ di Lega Pro; sono stati arrestati dalla polizia a conclusione di un’indagine sul calcio scommesse condotta dalla squadra mobile di Cremona e coordinata dal Servizio centrale operativo. Dall’inchiesta emerso che gli arrestati avrebbero fortemente condizionato negli ultimi mesi il risultato di alcuni incontri dei campionati di serie B e di Lega Pro. Nei loro confronti la magistratura di Cremona ha emesso sette ordinanze di custodia cautelare in carcere e nove agli arresti domiciliari. Per tutti le accuse sono associazione a delinquere finalizzata alla truffa e alla frode in competizioni sportive. Secondo gli investigatori l’organizzazione criminale si assicurava affari fino a diverse centinaia di migliaia di euro a partita. I FERMATI – Tra gli arrestati vi sono anche titolari di agenzie di scommesse e liberi professionisti; mentre gli indagati a piede libero sarebbero in tutto 28. Gli arresti sono stati eseguiti dagli uomini della polizia a Bari; Como; Bologna; Rimini; Pescara; Ancona; Ascoli; Ravenna; Benevento; Roma; Torino; Napoli e Ferrara. Nel corso dell’operazione sono state eseguite anche una serie di perquisizioni nelle abitazioni degli indagati; in alcune ricevitorie e presso uno studio di commercialisti che avrebbero consentito di acquisire ulteriori elementi utili alle indagini. GIP – Il gip di Cremona Guido Salvini; nell’ordinanza di custodia cautelare riguardante le partite truccate; spiega che la frequenza delle manipolazioni impressionante e si giunge a situazioni in cui sono gestite contemporaneamente fino a 5 partite di calcio da manipolare. Dalle intercettazioni; inoltre; emerge l’esistenza di una sorta di tariffario di massima per la compera delle partite. I NOMI – Cominciano intanto ad emergere i nomi dei fermati. Tra di loro c” anche l’ex capitano della Lazio ed ex attaccante della Nazionale; Beppe Signori che stato posto ai domiciliari. Arrestati anche il difensore dell’Ascoli Vittorio Micolucci; il centrocampista della stessa squadra Vincenzo Sommese (finiti ai domiciliari) e Gianfranco Parlato; ex giocatore di serie B e C; attualmente collaboratore del Viareggio calcio (che in carcere). Nell’ambito dell’inchiesta risulta indagato anche Stefano Bettarini; ex marito della conduttrice tv Simona Ventura e commentatore della trasmissione di Rai 2 Quelli che il calcio. Bettarini era stato condannato dalla giustizia sportiva a 5 mesi di squalifica per aver truccato delle partite nel 2004. Indagato anche il capitano dell’Atalanta; Cristiano Doni. E’ stato arrestato anche Mauro Bressan ex calciatore di Fiorentina; Genoa; Venezia; Foggia; Bari; Cagliari e Como. Bressan vinse nel 2001 la Coppa Italia con la Fiorentina. In manette anche Antonio Bellavista; ex capitano del Bari. Due arresti anche in Abruzzo. Si tratta di Massimo Erodiani; di Pescara; proprietario di una tabaccheria a San Giovanni Teatino (Chieti) e gestore per interposta persona di due sale scommesse; una a Pescara e l’altra ad Ancona. Con lui in manette anche il portiere del calcio a 5 Cus Chieti Gianluca Tuccella; impegnato anche come allenatore nelle minori del calcio locale. Arrestato anche Marco Paoloni; di 27 anni; originario di Civitavecchia; portiere titolare del Benevento che sta disputando i play off per l’accesso in serie B. ORGANIZZAZIONE CRIMINALE – I calciatori e gli ex giocatori professionisti arrestati dalla polizia erano; secondo l’accusa; parte integrante di una vera e propria organizzazione criminale nella quale ognuno aveva specifici compiti e ruoli; il cui obiettivo era quello di manipolare gli incontri a loro vantaggio. Gli indagati; secondo l’indagine; sarebbero anche riusciti a condizionare alcune partite; attraverso accordi verbali e impegni di carattere pecuniario. Nei confronti dei sedici arrestati; sostengono gli investigatori; ci sono prove importanti ed inconfutabili. L’indagine; partita sei mesi fa; avrebbe consentito inoltre di individuare la responsabilit dell’organizzazione in un grave evento verificatosi in occasione di un incontro di calcio disputatosi al termine dello scorso anno proprio a Cremona. Secondo il capo della mobile di Cremona Sergio Lo Presti nel novembre del 2010 6 giocatori della Cremonese sarebbero stati intossicati a causa dell’assunzione di alcune bevande. Per il dirigente della polizia il fatto sarebbe stato intenzionale: si voleva modificare il risultato della partita. Quanto avvenuto in occasione di quell’incontro ha permesso ai poliziotti di allargare l’indagine a diversi soggetti gravitanti nel mondo del calcio che; grazie ai contatti diretti ed indiretti; erano in grado di condizionare i risultati di alcuni incontri per poi effettuare puntate di consistenti somme di denaro attraverso i circuiti legali delle scommesse sia in Italia che all’estero. CALMANTI AI GIOCATORI – Come detto i risultati degli incontri sarebbero stati truccati anche dando anche dei calmanti ai calciatori; in modo che giocassero al di sotto delle loro possibilit. Un episodio; come spiegato; si sarebbe verificato durante la partita Cremonese-Paganese del 14 novembre 2010 finita comunque 2-0 per la squadra di casa. Secondo quanto accertato dalle indagini; un calciatore della squadra di casa durante l’intervallo; avrebbe somministrato ai suoi compagni un sedativo per peggiorarne le prestazioni. Cinque di essi sarebbero rimasti intossicati. Uno di questi sarebbe poi uscito di strada con la sua auto; altri due avrebbero avuto malori. Da quell’episodio partita l’inchiesta. INTER-LECCE – Come emerge dall’ordinanza firmata dal gip di Cremona; Marco Paoloni; ex portiere della Cremonese attualmente al Benevento; arrestato nell’inchiesta della Procura di Cremona; aveva fatto credere ad altre persone che sarebbe riuscito a contattare alcuni giocatori del Lecce per combinare la partita. Tra gli scommettitori nell’ordinanza viene indicato anche Stefano Bettarini. Sulla partita era stato scommesso che l’Inter avrebbe dovuto vincere segnando almeno tre gol; ma il match termin con il risultato finale di 1-0. LEGA-PRO – Il presidente della Lega Pro; Mario Macalli – si legge in una nota – ha dato mandato ai propri legali di costituirsi parte civile nei confronti di tutti i responsabili per il danno di immagine subito e a tutela della regolarit dei campionati.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x