La giornata mondiale del diabete

0
853

In provincia di Alessandria 27.000 persone con diabete sono impegnate per far risparmiare lo Stato Nella Giornata Mondiale del Diabete 2014, Associazioni fra persone con diabete e Società Scientifiche fanno chiarezza: il diabete in sé non è un costo per la collettività. Lo diventa se le persone non ricevono dalla Regione i supporti necessari per combatterlo. Proiettando i dati regionali, si può stimare che in provincia di Alessandria 27.300 persone (il 6,2% della popolazione) abbiano il diabete. Diabete Italia, espressione delle Associazioni fra persone con diabete e delle Società Scientifiche della Diabetologia, coordina la Giornata Mondiale del Diabete e preme affinché le Regioni si mettano a fianco degli sforzi fatti ogni giorno dalle persone con diabete, ottenendo così risparmi ‘veri’ e non riduzioni solo contabili. «Le persone con diabete devono avere i mezzi per gestire al meglio il loro diabete: informazioni sulla loro condizione, assistenza specialistica, farmaci e presidi», spiega Claudio Bonamin Coordinatore Regionale della Giornata Mondiale del Diabete 2014, «la maggioranza delle persone con diabete combatte ogni giorno per prevenire malattie e condizioni potenzialmente gravissime per le famiglie e costosissime per la comunità». Se il diabete è ignorato, sottovalutato o gestito male, se la persona non è correttamente istruita e motivata, avrà spesso la glicemia alta e questo sul lungo termine potrà portare a dei danni. L’iperglicemia, infatti, danneggia arterie e capillari, moltiplicando il rischio di ictus, ischemie e infarti e provocando col tempo seri danni ai reni, alla vista e ai piedi. Se la persona con diabete è in grado di sedersi al posto di guida e di ‘pilotare’ la propria glicemia: misurarla, mangiare meno pane e pasta e dolci, più frutta e verdura e fare esercizio fisico, potrà prevenire queste complicanze e ridurrà anche il rischio legato ad altre condizioni che spesso si accompagnano al diabete. I Piemontesi con diabete finora in grande maggioranza hanno fatto così, tanto è vero che – se i casi di diabete sono aumentati in questi anni – il numero di persone finite in ospedale a causa del diabete si è ridotto nella nostra regione del 62% fra il 2001 e il 2010. Il diabete quindi costa sempre meno alla collettività grazie al lavoro delle persone con diabete, dei Team diabetologici, ai sistemi per misurare la glicemia e ai farmaci. «La gestione integrata in Piemonte funziona e questo è un punto di forza. La sfida ora è dire ‘No’ alla gara indetta dalla Regione per l’acquisto delle ‘strisce’. L’autocontrollo della glicemia fa parte della terapia e ogni persona deve ricevere lo strumento scelto per lui dal medico», afferma Claudio Bonamin, vicepresidente della AGD Piemonte-­‐Valle d’Aosta,, «è provato che affidare tutti i pazienti al miglior offerente non porta nessun risparmio per la Regione che potrebbe invece contrattare meglio i prezzi di rimborso delle ‘strisce’». La Giornata Mondiale del Diabete cade il 14 novembre ma la gran parte degli eventi si tengono sabato 15 e domenica 16 novembre. In 500 città in tutte le province d’Italia, compresa quella di Alessandria, si terranno incontri di informazione, sarà possibile valutare gratuitamente il proprio rischio di sviluppare il diabete e parlare con persone e con medici che da tempo vivono e affrontano il problema.

Gli eventi in provincia: 

Tortona
16 nov | 15.30-18.00
Valutazione gratuita del rischio di sviluppare il diabete, consulenza per la prevenzione e distribuzione di materiale informativo.
Palestra Coppi
Via Trento 31

Castelnuovo Scrivia
16 nov | 09.00-12.00
Valutazione gratuita del rischio di sviluppare il diabete, consulenza per la prevenzione e distribuzione di materiale informativo.
Piazza Vittorio Emanuele II

Acqui terme
15 nov | 09.00-12.00
Valutazione gratuita del rischio di sviluppare il diabete e di altri fattori di rischio cardiovascolare; consulenza per la prevenzione e distribuzione di materiale informativo.
Atrio dell’Ospedale
Adia Onlus

Ovada
15 nov | 09.00-13.00
Valutazione gratuita del rischio di sviluppare il diabete, consulenza per la prevenzione e distribuzione di materiale informativo.
Atrio Ospedale Civile
Via Ruffini 22

Print Friendly, PDF & Email