19.2 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 18, 2021

Iper coop o Facebook?

Iper Coop o Facebook? Quando entro in casa la seconda cosa che faccio : la pip. La prima: mi connetto a Facebook. Digito il Login e osservo se cambiato qualcosa. Osservo con una di quelle occhiate come farebbe un vecchio lupo di mare quando scruta il cielo sereno e il mare piatto e ad un certo punto; con una voce resa roca da milioni di sigarette profetizza: QUESTA SERA; BURRASCA!. E tu quasi sempre ridi. E lo abbandoni sul molo con pensieri di compassione verso quel babbeo senile; pensieri di cui dovrai pentirti; diciamo verso le 19.30; quando un violento e imprevisto temporale distrugger il tuo barbecue; organizzato da mesi e al quale avevi invitato quattro tuoi cari amici dinfanzia provenienti dai quattro punti cardinali della penisola. Cosa stavo dicendo? Giusto;il mio profilo. Gli do unocchiata e realizzo che: ho sempre i soliti tre amici; nessuno mi ha scritto e le mie foto sono sempre senza commento (sigh!). Forse qualcuno non sa che MOLTO difficile farsi degli amici su Facebook e quasi impossibile delle amiche. TEORIA PERSONALE: se cerchi di farti degli amici pensano che tu sia gay; se cerchi di farti delle amiche pensano che tu ti voglia far loro ERGO: non ho amici su Facebook! Il meccanismo di questo social network semplice: vedi una foto; ti piace la tipa o il tipo quindi clicchi; su INVIA UN MESSAGGIO. Dopodich devi aspettare ( a volte anche settimane) che il/la futuro/a amico/a ti annoveri tra i suoi amici informandoti del lieto evento con una mail alla tua casella di posta elettronica. Ti puoi divertire a digitare un nome e cognome a caso tanto per vedere a quante foto corrispondono quelle due parole. Una sorta di omonimia catartica che si srotola davanti ai tuoi occhi. Un vero e proprio catalogo umano di facce. Alcune belle. Altre stupide; volgari; rozze; orrende; con sguardi ebeti e vacui che sembrano sciogliersi lungo lo schermo. Vabb; neanche mezzora dopo ho gi spento il pc. Ho bisogno di vedere gente reale. Apro il frigo. E vuoto. Ho bisogno di fare la spesa. Decido di andare allIper Coop di Carasco. Carasco; che un piccolo paesino nellentroterra di Lavagna; ospita sul suo territorio lIperCoop; detto anche I Leudi. Esso una costruzione di scarsa importanza architettonica ma di grande interesse antropologico. Nel suo interno vi un sacco di gente che occupata allacquisto di generi alimentari e non. E di vitale importanza imparare a zigzagare ; affinandosi nellarte dello sgusciare verso la via di fuga pi vicina. I primi che ti saltano agli occhi sono i fotofobi; coloro che inforcano scurissimi occhiali da sole per tutta la durata della spesa ( sintomatico splendore; carismatico mistero. Battiato docet.). Poi ci sono i modaioli un po tamarri che non fanno altro che vagare inconcludenti tra le corsie. In pratica non fanno nulla ma lo fanno con estrema eleganza. Ho anche visto 2 gigol ( li conosco; bazzicano certe discoteche a Genova delle quali pietoso e saggio tacerne il nome) che scannerizzano la fauna femminile. Ma il pezzo forte sono: LE FAMIGLIE! Ah; Ges mio; si potrebbe scrivere unenciclopedia per ognuna di esse. Le famiglie hanno: 1) i carrelli sempre zeppi di cose che piacciono solo ai figli; 2)almeno un genitore obeso; 3) almeno un genitore magro che ha 30 anni o poco pi ma che ne dimostra 50 o poco meno; 4) mediamente 2 figli; 5) almeno uno dei loro figli obeso; 6) almeno uno dei loro figli magro ma iperattivo. I genitori di tutte le famiglie; allinterno del supermercato; sempre e sistematicamente: URLANO! Cose tipo: VIENI QUA! COSA FAI? NON TOCCARE! NON SI FA! DOVE VAI? STAI VICINO A ME! STAI VICINO A PAPA! GUARDA DOVE VA TUO/A FIGLIO/A! NON CORRERE! GUARDA CHE POI LE BUSCHI! CATTIVO/A! NON TE LO COMPRO! CE LABBIAMO GIA! LA MAMMA NON HA PIU SOLDI! LA MAMMA NON HA INTENZIONE DI SPRECARE SOLDI! CHIEDI I SOLDI A PAPA! E PAPA CHE HA I SOLDI! STO PERDENDO LA PAZIENZA! APPENA SIAMO FUORI LE PRENDI! Le famiglie non lo sanno ma i loro figli sono gi dei teppisti a 8 anni infatti; quando credono di non essere visti da nessuno: 1) INFILANO LE DITA NEL CAMEMBERT; 2) APRONO LA NUTELLA; 3) MANGIANO LE CARAMELLE E RICHIUDONO IL SACCHETTO PRECISO PRECISO; 4) SI PULISCONO IL NASO SUI CAPI APPESI; 5) SI SCACCOLANO E LANCIANO LE PALLINE APPENA CREATE DENTRO I BANCONI DEI SURGELATI; 6) PRENDONO LE BARRETTE DI CIOCCOLATO; LE TENGONO PER 1 ORA IN MANO E POI LE ABBANDONANO( SCIOLTE) DOVE CAPITA; 7) STRAPPANO LE FOGLIE ALLE PIANTE NEL REPARTO GIARDINAGGIO; 8) SPUTANO PER TERRA E ATTACCANO I CHEWING GUM NELLE VASCHE DELLE LAVATRICE VICEVERSA LI SPUTANO DIETRO LE TELEVISIONI ESPOSTE NEL REPARTO HI FI. Potrei andare avanti per ore ma ho finito di fare la spesa. Vado alla cassa e pago. La cassiera mi dice ad alta voce: IL SUO RESTO AMMONTA A 1 EURO E 35 CENTESIMI! Grazie biascico io. Poi esco. Un ragazzo al cellulare urla: OHISONO ALL IPER; STASERA CI VEDIAMO SU FACEBOOK?. Ma vaffanculo; penso. Hal.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x