Happy hour?

0
970

Altro che “stuzzichini”: i buffet del dopo ufficio sono rischiosi per la salute. Perché assumiamo senza accorgercene più calorie che con un pasto completo. L’allarme dall’Obesity Day.

L’ora più felice della giornata? Quella dell’aperitivo; è chiaro. Il lavoro finisce; comincia la notte. C’è chi lo prende di rito; per forza in compagnia: un bicchiere e due stuzzichini; vera goduria della prima serata. Ma non c’è da stare troppo allegri: ridendo e scherzando; con l’happy hour; si assumono più calorie che con un pranzo completo. Lancia l’allarme Giuseppe Fatati; presidente della Fondazione ADI; coordinatore del progetto “Obesity Day”; l’iniziativa presentata oggi che dal 10 ottobre chiamerà a Roma esperti e curiosi per approfondire i rischi correlati a una alimentazione scorretta.

“Gli aperitivi – spiega Fatati – soprattutto quelli mascherati da succo di frutta debolmente alcolico; chiudono la giornata con quella accattivante allegria del ‘fine del lavoro’. E sono ormai di tendenza. Ma è difficile dire quante calorie si introducono quasi per gioco”. Il problema è proprio la disattenzione: ciotoline e vassoi ci fanno allungare la mano quasi senza accorgercene.

Attenti alla linea a pranzo; con un bicchiere in mano sembriamo scordarci cosa stiamo sgranocchiando; presi dalla fame delle sette di sera: “Facciamo due conti – propone Fatati – un aperitivo a base di vino sfiora da solo le 200 calorie e quelli serviti in un grande bicchiere ripieno di ghiaccio ma ricco di gin e bibite possono anche superarle. Poi le noccioline: 40/50 grammi sono almeno 300 calorie”. E siamo solo all’inizio: “Ci sono poi le patatine e glistuzzichini. Se va bene siamo tra le 600 e le 700 calorie. Se va male…”.

Un bel po’ di energia “inutile” se pensiamo a quanto assumiamo invece con un pasto completo: “Ricordiamoci che il classico pranzo all’italiana – spiega Fatati – e cioè 100 grammi di spaghetti al pomodoro; un insalata mista; e un gelato alla frutta sono in tutto 665 calorie. Nell’immaginario collettivo; nel primo caso abbiamo solo preso un aperitivo e nel secondo; invece; abbiamo mangiato. In realtà non è proprio così”. Distratti dalla compagnia; insomma; assumiamo un pasto in più del dovuto. E dopo una serata piacevole potremmo avere un brusco risveglio.

Print Friendly, PDF & Email