Pallavolo Acqui: l’Araldica Vini strappa solo un punto contro le torinese del Safa 2000

0
1139

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI – SAFA 2000 2-3 (26/24, 23/25, 25/21, 16/25, 14/16)

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI: Zenullari, Sergiampietri, Maló, Lombardi, Garzero, Narzisi, Raimondo (L), Bobocea. N.e.: Moretti, Boido, Pastorino, Sacco, Passo. All.Volpara

La contesa parte con le Lombardi che porta subito avanti di due lunghezze le padrone di casa. Le torinesi inseguono e pareggiano ai cinque. Punto a punto sino ai 12, quando le termali riescono nuovamente a portarsi avanti allungando di cinque punti. Le avversarie, però, non mollano approfittando di ogni minimo errore acquese, accordiamdo da 22/17 a 22/20, e pareggiando ai 23. Botta e risposta, poi attacco di Sergiampietri ed ace di Bobocea ed il primo set è acquese. Nella seconda frazione triplo botta e risposta, poi 8/3 per le torinesi. Le ragazze di accorciano subito, portandosi a due punti di distacco e successivamente ad uno, trovando poi il pareggio ai 13 e, dopo un doppio punto il 18/15. Ai 19 il risultato è nuovamente pari. Botta e risposta, e poi ancora Araldica Rombi al comando che, però, poi si fa rimontare da 23/21 a 25/23. Nel terzo set le ragazze di Volpara sono subito avanti, allungando man mano sino al 10/6. Le ospiti riescono ad accorciare, trovando il pareggio ai 14 ed il successivo vantaggio. Le termali si fanno ancora una volta rimontare, passando da un 14/12 sopra a uno svantaggio 17/14. Nuovo colpo di scena e le termali sono di nuovo avanti 21/19, riuscendo poi a rimanere in testa sino alla fine. Nel quarto set punto a punto sino ai 4, poi le torinesi avanzano e chiudono con un netto 25/16 ed è tie break. Partenza in salita anche nel set finale per le ragazze di Volpara che, però, proprio proprio nel momento di maggiore difficoltà riescono a riprendersi, ribaltando un 8/4 in un 9/8 ed avanzando sino al 14/11. Sul 14/12 la squadra acquese segna l’ultimo punto, ma il direttore di gara vede un fuori assegnando quindi la lunghezza alla squadra avversaria che, dopo il 14 pari, chiude. Sicuramente nel quarto e quinto set si poteva fare di più. Questo il parere del tecnico acquese. “Dovrei essere contento per aver fatto un punto contro la seconda, invece sono veramente arrabbiato perché potevamo e dovevamo fare di più. – commenta coach Volpara – Accontentarmi non fa parte del mio DNA. Il fatto che siamo giovani non è più una scusante. Fare tre set bene non basta, dobbiamo fare di più.”

Print Friendly, PDF & Email