Pallavolo Acqui: altro punto prezioso per l’Arredo Frigo, cade l’Araldica Vini

0
900

ARREDO FRIGO MAKHYMO – ACCIAITUBI PICCO LECCO 2-3 (25/17, 26/28, 25/13, 20/25, 5/15)

ARREDO FRIGO MAKHYMO: A.Mirabelli 24, Rivetti 6, Cicogna 27, Martini 11, F.Mirabelli 10, Cattozzo 3, Ferrara (L), Oddone, Sergiampietri 1. N.e: Sassi, Pricop. All. Marenco

ACCIAITUBI PICCO LECCO: Civitico 6, Stomeo 6, Lancini 16, Badini 9, Sironi 6, Santini 9, Garzoni (L), Mainetti 1, Ferrario 8, Martinelli 6. N.e: Ronzoni, Dell’Oro, Mandaglio, Brivio, Ramini, Ronconi, Rusconi, Gatti. All.Milano.

Non c’è il due senza il tre per l’Arredo Frigo Makhymo. Dopo aver conquistato un punto contro quarta e terza, anche con la seconda in classifica arriva il punto al tie break per le ragazze di coach Marenco che, dopo quattro set giocati ai massimi livelli, 27 punti di Cicogna e 24 di A.Mirabelli, cedono al quinto set contro la corazzata Acciaitubi Picco Lecco. Partenza sprint delle termali che con quattro colpi di Cicogna, uno di Martini, un muro di Rivetti ed un ace di A.Mirabelli si portano sul 7-0. Le lecchesi però si riprendono, arrivando a sfiorare il pareggio sul 14-13. Le termali, però, allungano nuovamente, riportandosi al comando e, guidate da una serie di punti di Cicogna riescono a mantenersi al comando e a chiudere 25/17. Nel secondo set, subito vantaggio delle termali 3/1, pareggio delle avversarie, poi botta e risposta e, ribaltone dell’Acciaitubi Picco Lecco che da 4/3 sotto, guidata da Stomeo in battuta avanza di dieci punti. Le termali riescono a riavvicinarsi, passando da 8/17 a 13/17. Picco Lecco avanza, ma la squadra acquese non demorde, accorciando ancora da 15/21 a 20/21 riuscendo a ritrovare poi il pareggio ai 22. Poi, parte un botta e risposta al cardiopalma con le termali che vanno in vantaggio sul 26/25 ma, alla fine, a spuntarla è Picco Lecco 28/26. Nel terzo parziale, dopo un vantaggio delle lombarde 2/4,  A.Mirabelli riporta il punteggio in parità, dopodiché tre attacchi di Cicogna, ancora uno di A.Mirabelli ed un ace di Cattozzo portano l’Arredo Frigo Makhymo a quota 10 mettendo in crisi le avversarie. Il vantaggio di Martini e compagne aumenta ulteriormente e, poi, sul finale, con due punti di Rivetti e due di Cicogna le termali chiudono con un netto 25/13. Brutta partenza nella quarta frazione per ragazze di Marenco che vanno subito sotto 1/7, ma, si riprendono dopo poco e, ai 10 la situazione torna in parità. L’Acciaitubi Picco Lecco torna avanti, ma ai 15 la situazione è ancora di parità. Ancora avanti Picco Lecco ed ancora pari ai 19. Dopodiché, la squadra lombarda riesce a riportarsi avanti, chiudendo poi con cinque punti di vantaggio. Dopo quattro set alla pari, le termali cedono definitivamente alle avversarie che chiudono definitivamente con un netto 5/15. “Sono tre partite contro quarta, terza e seconda che prendiamo un punto. Nelle ultime due partite, forse, avremmo dovuto vincere. Sono molto contento del punto, di come stiamo giocando. – commenta coach Marenco – Abbiamo giocato molto bene. Poi nel quinto set siamo crollate. Ci sono momenti in cui bisogna chiudere. Loro, comunque, sono seconde ed un motivo ci sarà. Dovremmo forse essere un po’ più continue e più capaci a gestire l’attenzione. Stiamo giocando di nuovo come l’anno scorso nella seconda parte del campionato”

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI – PIZZA CLUB NOVARA 0-3 (18/25, 9/25, 22/25)

ARALDICA VINI ROMBI ESCAVAZIONI: Zenullari, Pastorino, Garzero, Moretti, Passo, Lombardi, Malò, Bobocea, Narzisi, Raimondo, Sacco, Moretti. N.e.: Faudella, Riccone. All. Volpara

Sconfitta netta per le ragazze della serie D Araldica Vini Rombi Escavazioni contro la super capolista del girone Pizza Club Novara, dopo due set che sono stati in gran parte un monologo per la squadra novarese, nel terzo le termali riescono parzialmente a riprendersi recuperando uno svantaggio e rimanendo in gioco sino alla fine.

La gara parte molto male per la squadra acquese che, in poco tempo vanno sotto 3/12. Le novaresi mantengono costante il loro vantaggio sino al 11/21, quando le ragazze si riprendono, iniziando man mano ad accorciare sino a dimezzare il loro vantaggio sul 18/23, dopo i quali il Pizza Club Novara riesce a trovare i due punti necessari a chiudere il set. Partenza negativa anche nella seconda frazione per la squadra termale che, dopo un botta e risposta iniziali vanno sotto 1\4 Coach Volpara da una scossa alle sue e Bobocea, Garzero e Sacco, riportano il risultato in parità. Botta e risposta, poi nuovo allungo delle novaresi che avanzano, imperterrite. Le termali concludono il set con solamente 9 punti. La terza frazione parte con una fase di equilibrio sino al 3/3, dopodiché la squadra novarese comincia la sua fase di allungo sino al 9/17. Quello che sembrava un monologo si interrompe con una fase positiva delle termali che, approfittando di qualche superficialità avversaria iniziano ad avvicinarsi e cominciano a crederci sul serio, sino a portarsi sotto di un punto sul 17/18. Le ospiti avanzano di tre, ma le ragazze di Volpara tornano nuovamente a ridosso sul 22/23, lottando sino alla fine ma alla fine le novaresi riescono a chiudere definitivamente i giochi.

Si sapeva che sarebbe stata una partita dura, e così è stata – commenta coach Volpara – Nei primi due set secondo me siamo entrati in campo con la testa alla final four under 16. È stato molto importante nel terzo set uscirne e metterci un po’ di grinta. Sono soddisfatto”

Print Friendly, PDF & Email