14.8 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 25, 2021

Almanacco di sabato 6 febbraio,
37° giorno del 2021, 5^ settimana

FRASE DEL GIORNOÈ sempre stato facile odiare e distruggere. Costruire e amare è molto più difficile. (Elisabetta II)

SANTI DEL GIORNO – San Paolo Miki e Compagni (Martiri), Santa Dorotea (Martire di Cesarea di Cappadocia, protettrice di giardinieri, fiorai, birrai e giovani sposi), San Brinolfo Algotsson (Vescovo), San Vedasto (Gastone) di Arras (Vescovo), San Geraldo di Ostia (Vescovo), San Melis di Ardagh (Vescovo), Sant’Antoliano (Martire), Sant’Amando di Maastricht (Vescovo), Santa Dorotea di Alessandria, Santa Renilde (Badessa).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1952 iniziò il regno di Elisabetta II sul trono d’Inghilterra. Nata nel 1926, principessa di York, divenne regina a 26 anni alla morte del padre Giorgio VI. “God save the Queen” cantò il popolo britannico, e le portò fortuna, perché Elisabetta II regna ancora oggi ed è la più longeva della storia. La sovrana si fregia anche dei titoli di regina di Antigua e Barbuda, Australia, Bahamas, Barbados, Belize, Canada, Giamaica, Nuova Zelanda, Papua Nuova Guinea, Saint Kitts e Nevis, Saint Lucia, Saint Vincent e Grenadine, Isole Vergini Britanniche, Isole Salomone, e Tuvalu. E’ anche capo del Commonwealth, della Chiesa d’Inghilterra, capo delle Forze Armate, Signora  dell’Isola di Man, Baliva di Guernsey e Jersey. Ha circa 143 milioni di sudditi nel mondo e ha visto passare 15 primi ministri. Il suo regno è il 4º fra i più lunghi della storia.

NATI FAMOSIUgo Foscolo (1778-1827), Italia, poeta. Uno dei massimi autori della letteratura italiana e principale esponente della corrente pre-romantica, concepì la poesia come impegno in nome degli ideali di patria, libertà, arte e bellezza. Nato nell’isola di Zante come Niccolò Foscolo, prese il nome d’arte Ugo dal capostipite della sua famiglia. Dopo gli studi a Spalato, nel 1793 si trasferì con la madre a Venezia, frequentò i salotti letterari e approfondì lo studio degli autori greci. Si arruolò nelle truppe napoleoniche e sposò gli ideali della Rivoluzione francese, ma deluso dagli eventi si trasferì a Londra dove morì. Il tema dell’esilio segnò le sue opere, trovando espressione sublime nel carme “Dei Sepolcri”. Col romanzo epistolare “Ultime lettere di Jacopo Ortis” anticipò i temi del romanticismo europeo, come il rapporto ‘intellettuale-società’ e il conflitto ‘natura-intelletto’.
François Truffaut (1932-1984), Francia, regista e intellettuale. Nato a Parigi, fece la storia del cinema d’oltralpe nel periodo ’60-’70. In carriera fu regista, sceneggiatore, attore, produttore e critico. Iniziò come articolista per ‘Cahiers du cinéma’, prestigiosa rivista cinematografica francese, poi si mise dietro la cinepresa, dando vita con altri colleghi alla corrente cine ‘Nouvelle vague’, inaugurata dal film “I Quattrocento colpi”. Ammalato di tumore al cervello, morì il 21 ottobre 1984 nell’Ospedale Americano di Parigi a Neuilly-sur-Seine. Cremato, le sue ceneri si trovano al cimitero di Montmartre a Parigi.
Bob Marley (1945-1981), Giamaica, cantante e musicista. Nato a Nine Mile come Robert Nesta Marley, da padre britannico (Norval Sinclair Marley) e madre giamaicana (Cedella Booker), nel ’57 emigrò con la madre a Kingston in cerca di una vita migliore. A 15 anni lasciò la scuola e iniziò a lavorare come saldatore e verso i 17 scoprì di voler diventare un ‘rasta’. Eroe nazionale di Giamaica, fu incontrastato ‘re della musica reggae’, che trasformò in linguaggio universale per veicolare in tutto il mondo le grandi sfide contro povertà, emarginazione e razzismo. Tra le sue migliori tracce vocali ci sono “I shot the sheriff”, “No woman no cry”, “In this love”, “One love”, “Africa Unite”, Could you be loved”, “Jammin”, Redemption song”. Nel ’78 ricevette, a nome di 500 milioni di africani, la medaglia della pace dell’ONU. Nella vita privata Marley ebbe 13 figli: 3 con la moglie Rita, 2 adottati da due relazioni di Rita, gli altri 8 da relazioni con donne da cui si è poi separato.
Morto di cancro, volle essere sepolto in una cappella eretta accanto alla sua casa natale di Nine Mile, con la sua chitarra, il suo pallone da calcio, una pianta di marijuana con i semi, un anello donatogli dal principe etiope Asfa Wossen e una Bibbia.

Raimondo Bovone
Ricercatore instancabile della bellezza nel Calcio, caparbio "incantato" dalla Cultura quale bisettrice unica di stile di vita. Si definisce "un Uomo qualunque" alla ricerca dell'Essenzialità dell'Essere.
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli