Giovedì 31 dicembre, 366° e ultimo giorno del 2020, 53^ settimana. Domani comincia l’anno 2021

0
935
L'attore Paolo Villaggio (1932-2017) nei panni dell'indimenticabile personaggio "Ugo Fantozzi"

FRASE DEL GIORNO – Tutti i grandi comici, da sempre, si muovono e si comportano in maniera immatura, come bambini. (Paolo Villaggio)

SANTI DEL GIORNO – San Silvestro I (Papa, protettore di muratori, tagliapietre, animali domestici e bovini), Santa Melania la Giovane (Penitente), Santa Colomba di Sens (Vergine e Martire), Sante DonataPaolina, Rogata, Dominanda, Serotina, Saturnina e Ilaria (Martiri a Roma), Santa Paolina (Vergine e Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Ultimo dell’anno.  Alla mezzanotte si dà il benvenuto al nuovo anno e ci si dà gli auguri, festeggiando insieme a cavallo tra due anni. Una serie di riti scaramantici accompagnano la festa: in Italia si usa indossare biancheria intima rossa, mangiare lenticchie (che portano soldi) e baciarsi sotto il vischio per buon auspicio.
Nel 1861 1° censimento in Italia. Nella notte tra il 31 dicembre 1861 e il 1° gennaio 1862, a 9 mesi dalla nascita del Regno d’Italia, si cominciò a contare gli italiani, tracciando la prima radiografia della popolazione suddivisa per sesso, età e stato civile. Promotore dell’iniziativa fu il ministro dell’agricoltura, Filippo Cordova, che ne sottolineò l’urgenza, visto che in molte zone del paese non si censiva da oltre 30 anni. I dati raccolti furono questi: residenti 22.182.377 (26 milioni con Stato Pontificio e Triveneto, non ancora annessi), 51% di maschi. L’età media era di 27 anni, la percentuale oltre i 70 anni bassissima, i bambini con meno di 10 anni erano il 24% del totale e i nuclei familiari numerosi (4 in media). Le città più popolose erano Napoli (447.000), Torino (204.000) e Milano (196.000), il 78% degli italiani era “analfabeta”, con picchi del 90% al sud.

NATI DEL GIORNO – Paolo Villaggio (1932-2017), Italia, attore. Genovese doc, passò l’infanzia tra devastazioni e ristrettezze della guerra, stringendo poi una solida amicizia col cantautore Fabrizio De André, per il quale scrisse i testi di due canzoni. Dopo la gavetta da cabarettista approdò in RAI, grazie a Maurizio Costanzo, prima in radio e poi in TV. Nel ’68, con ‘Quelli della domenica’, ottenne i primi consensi con 2 personaggi, il ‘Professor Kranz’, aggressivo verso il pubblico, e il goffo ‘Giandomenico Fracchia’, versione “ante litteram” del ragionier Ugo Fantozzi che, a partire da metà anni ’70 e con 10 film, diede a Villaggio grande popolarità. Premiato con il Leone d’oro alla carriera nel ’92, collaborò con quotidiani e periodici e fu molto attivo come autore di romanzi e saggi. Nella vita privata sposò (’58) Maura Albites da cui ebbe i figli Elisabetta (’59) e Pierfrancesco (’65).
Alex Ferguson (1941), Scozia, ex-calciatore e allenatore. Nato a Glasgow, giocò da attaccante dal ’57 al ’74 con 6 squadre (317-170) mentre raccolse in panchina i suoi più grandi successi. Guidò infatti St Mirren (4 anni), Aberdeen (8 anni), nazionale scozzese (1 anno) e Manchester United (27 anni), per un totale di 2.149 partite. Vinse 3 scudetti, 4 Coppe nazionali e 1 Coppa di Lega scozzesi (Aberdeen), 13 scudetti, 5 Coppe nazionali, 4 Coppe di Lega, 10 Community Shields con lo United, mentre a livello internazionale portò a casa 2 Champions League (M.U.), 2 Coppe Intercontinentali (M.U.), 2 Coppe delle Coppe (1 Aberdeen, 1 M.U.) e 2 Supercoppe Uefa (1 Aberdeen, 1 M.U.).
Ben Kingsley (1943), Inghilterra, attore. Nato a Scarborough da padre indiano (medico) e madre inglese (attrice) col nome di Krishna Pandit Bhanji, lo ‘inglesizzò’ in Ben Kingsley. Avviato dalla madre alla recitazione prima a teatro e poi in TV, col film “Gandhi” (’82) divenne celebre e ottenne l’Oscar come “miglior attore protagonista”. Il grande pubblico lo ricorda anche per altri 2 ruoli: il contabile ebreo in “Schindler’s List” e il perfido Fagin in “Oliver Twist”. Nel ’13 prese parte al 3° capitolo della saga “Iron Man” e l’anno dopo recitò nel biblico “Exodus” di Ridley Scott. Con “Gandhi” vinse anche 2 Golden Globe, 2 Bafta e altri importanti premi. Nella vita privata Ben Kingsley si sposò 4 volte: con l’attrice TV  Angela Morant (’66-’72), la regista teatrale Alison Sutcliffe (’78-’92), Alexandra Christmann (’03-’05) e l’attrice brasiliana Daniela Lavender (’07). Quattro pure i figli: Jasmin e Thomas Alexis dalla Morant, Edmund e Ferdinand dalla Sutcliffe.

 

Print Friendly, PDF & Email