12.8 C
Alessandria
venerdì, Ottobre 22, 2021

Come il mining di Chia distrugge le SSD

Un nuovo rapporto emerso dalla Cina suggerisce che il mining di criptovaluta Chia potrebbe logorare gli SSD a un ritmo veramente allarmante.

 

Questo succede perché invece di utilizzare la potenza di elaborazione, il sistema di estrazione di Chia si basa prevalentemente sulla capacità di archiviazione e sulla velocità. Tuttavia, la natura ad alta intensità di scrittura dell’estrazione di Chia potrebbe mettere a dura prova alcune unità, le quali magari non sono progettate per resistere a carichi di lavoro così elevati

 

Secondo MyDrivers, il Chia-mining potrebbe distruggere un SSD da 512 GB in soli 40 giorni (meno di sei settimane), con un volume di scrittura presunto di 256 terabyte. Le unità più grandi da 1 TB dovrebbero sopravvivere per 80 giorni, mentre i modelli da 2 TB potrebbero gestire circa 160 giorni di mining continuo. Numeri assolutamente assurdi.

 

La rete Chia è stata progettata da Bram Cohen, fondatore di BitTorrent, come antidoto alla crescente centralizzazione dell’industria mineraria delle criptovalute, che ha visto individui schiacciati dai grandi sindacati minerari.La valuta è progettata anche per affrontare una delle principali critiche al Bitcoin, che ha a che fare con il “prezzo” ambientale del mining. Ciò che distingue Chia dalle altre principali criptovalute in questo senso è il meccanismo utilizzato per mantenere e proteggere la rete.

 

Bitcoin, ad esempio, utilizza un meccanismo di consenso proof-of-work (PoW), che è una forma di prova crittografica a conoscenza zero in cui una parte (il prover) dimostra agli altri (i verificatori) che una certa quantità di sforzo computazionale è stata spesa per qualche scopo, e che mette i minatori l’uno contro l’altro, risultando essere estremamente dispendioso in termini di energia. Uno studio dell’Università di Cambridge suggerisce che Bitcoin consuma più energia su base annua rispetto al paese della Svezia.

 

Gli architetti della rete Chia hanno optato per un sistema completamente diverso, chiamato proof of space, che si basa sulla capacità di archiviazione anziché sulla potenza di calcolo. Qui, i cosiddetti agricoltori mettono da parte lo spazio di archiviazione per contenere numeri crittografici, chiamati trame. Tuttavia, una nuova analisi della durata di vita degli SSD utilizzati per l’estrazione di Chia metterà in dubbio sia le credenziali ecologiche della criptovaluta sia la sua missione di ringiovanire la scena mineraria per i “lupi solitari”.

 

Sebbene MyDrivers non menzioni su quali SSD specifici si basano i dati, è probabile che per i test siano stati utilizzati modelli consumer. Sebbene le unità di livello aziendale siano molto più durevoli e se la caveranno molto meglio sotto sforzo, sono anche molto più costose, il che significa che le persone potrebbero essere valutate dal mining di Chia sin dall’inizio.

 

Quindi, se siete intenzionati ad iniziare a fare crypto mining, informatevi bene su quali siano le caratteristiche di ogni criptovaluta e su quali siano i feedback di chi già “mina” quel tipo di valuta, di modo da potervi equipaggiare al meglio.

 

 

Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli