13.1 C
Alessandria
mercoledì, Ottobre 20, 2021

Leggi e regole dell’ecocompatibile

L’ argomento è diventato da tempo di dominio pubblico e se ne sente parlare in maniera sempre più approfondita: la sostenibilità ambientale si è inserita stabilmente nel settore edilizio, tenendo soprattutto conto delle problematiche ben note legate al surriscaldamento globale del pianeta, al cosidetto “effetto serra” (fondamentale, in questo senso, la necessità di ridurre l’utilizzo di sostanze che abbiano influenza sul ciclo dell’ozono) e alla scarsità di fonti di energia non rinnovabile. Non a caso, risulta sempre più frequente la costruzione di abitazioni prefabbricate in legno (un materiale naturale particolarmente adatto per una casa eco-compatibile, insieme alla lana di roccia per l’isolamento termico), magari appoggiate su una struttura in calcestruzzo. Un valore aggiunto è rappresentato anche dall’uso intelligente della tecnologia, con un sistema a bassa temperatura particolarmente adatto all’integrazione solare del riscaldamento del pavimento, grazie ad una moderna caldaia a condensazione: l’utilizzo di pannelli fotovoltaici risulta infatti fondamentale per sfruttare la temperatura dell’immediato sottosuolo, garantendo acqua calda e un importante serbatoio termico per tutto l’arco dell’anno. Risparmio energetico ma soprattutto economico, visto che le detrazioni fiscali per il fotovoltaico sono state confermate e prorogate fino al 31 dicembre 2014: la proroga di un anno è valida non solo per il fotovoltaico, ma anche per ciò che riguarda le ristrutturazioni, i mobili, gli elettrodomestici e i vari interventi per il risparmio energetico. Esiste infatti un tipo di detrazione del 50%, riservata alle ristrutturazioni edilizie ed all’installazione del fotovoltaico domestico (fino ad un massimo di 20 Kw di potenza – compreso anche l’acquisto di mobili ed elettrodomestici per un ammontare complessivo non superiore ai 10mila euro – che avvenga in maniera concomitante alla realizzazione dei vari lavori di ristrutturazione) ed una del 65%, che riguarda  gli interventi per il risparmio energetico degli edifici (il rifacimento dei serramenti, i cosidetti “cappotti termici”, l’isolamento termico degli edifici, i pannelli solari termici e le caldaie
a condensazione).

 
Gianmaria Zanier

Articolo precedenteLa casa riciclata
Articolo successivoLavoro: Annunci
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x