13 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 18, 2021

Una vita tranquilla

Il film “Una vita tranquilla” è una pellicola datata 2010 del regista Claudio Cupellini, con Toni Servillo nel ruolo di protagonista.
Antonio De Martino (Servillo) è uno dei tanti italiani immigrati nella vicina Germania in cerca di fortuna; fortuna che per lui si traduce in una moglie tedesca, un figlio ed un’attività di hotel ristorante ben avviata: una vita tranquilla.Un giorno al ristorante arrivano da Napoli due ragazzi sulla trentina, Diego ed Edoardo, che non sono arrivati lì per caso; Diego infatti è il figlio di Antonio, nato nel corso di una precedente relazione, è un camorrista ed è in Germania per “lavoro”.Antonio, che si scopre essere un ex malavitoso fuggito all’estero, è preoccupato per la scelta di vita del figlio e nel corso dei giorni prova a recuperare un rapporto che in realtà non c’è mai stato: Diego serba parecchio rancore nei confronti del padre colpevole di aver abbandonato la famiglia e tradito la camorra. La situazione precipita quando Antonio scopre il reale motivo del viaggio del figlio: uccidere un industriale tedesco che sta per stipulare un contratto per smaltire rifiuti provenienti dalla Campania. Il titolo del film ironizza sull’intreccio di vicende che contrappongono il padre al figlio, Antonio e Diego sono simili e diversi allo stesso tempo, accomunati da una vita che tranquilla di certo non lo è; la pellicola offre uno spaccato poco verosimile ma molto interessante sulla vita dei disertori della malavita che non sono morti o pentiti, sospesi tra la paura di una rappresaglia e la volontà disperata di vivere serenamente un pezzo di esistenza.

Nicholas Capra

Articolo precedenteRadio Vertigo One
Articolo successivoI gatti persiani
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x