2.8 C
Alessandria
venerdì, Dicembre 3, 2021

New Trolls evergreen

L’incontro con uno dei fondatori di un gruppo simbolo della musica italiana

Vittorio De Scalzi: “Lunga vita al prog-rock!”

Nell’ambito di una serie di manifestazioni itineranti promosse anche quest’estate da Franco Taulino insieme alla Beggar’s Farm (Official Jethro Tull Tribute Band), la recente serata della Festa della Birra a Cantalupo ha rappresentato l’occasione imperdibile di vedere insieme sul palco Aldo Tagliapietra (voce storica de Le Orme) e Vittorio De Scalzi. Proprio con quest’ultimo abbiamo voluto ripercorrere 45 anni di gloriosa carriera dei New Trolls e non solo.

Copertina-45-giri-(fine-anni-'60)Vittorio, ho qui con me una serie di dischi originali. Partiamo con i primi 45 giri dei New Trolls del 68/70: “Una miniera”, “Cosa pensiamo dell’amore”…
(Sorride, indicando una foto presente sul disco, n.d.r.) Questa l’abbiamo scattata a Boccadasse, un antico borgo di Genova. Di lì a poco, dopo aver fatto ascoltare alcuni brani a Fabrizio De André, uscì l’album “Senza orario, senza bandiera”…

Prima metà dei ’70: la stagione d’oro del rock progressivo. Concerto Grosso 1 e 2 con il futuro Premio Oscar Luis Bacalov, la fondazione dell’etichetta Magma e la rilettura de “Una notte sul Monte Calvo di Mussorgski”.
Con Bacalov ci siamo misurati per la prima volta con la musica classica e lui scoprì il rock. Un periodo irripetibile: erano appena nati una serie di gruppi che poi avrebbero lasciato il segno e che sono conosciuti tuttora in tutto il mondo!

Nella seconda metà dei ’70 e nei due decenni successivi avete virato verso il pop di qualità, “Quella carezza della sera”, “Quella luna dolce”, collaborando anche con alcune Signore della musica italiana come Ornella Vanoni, “Noi”, e Mina, “Una canzone”.
Beh, in quel periodo puntammo sulle nostre qualità vocali notevoli e sugli arrangiamenti, scrivendo anche molte canzoni per delle grandissime cantanti.

Arriviamo al nuovo millennio, con “The seven season” e il recente Concerto Grosso n° 3.
Certo. È molto stimolante proporre in concerto dei brani come “Dance with the rain” o “La nuova preghiera di Padre O’Brien” che non eseguivo da tempo, quando ci sono dei musicisti preparati come il gruppo di Franco Taulino. E poi, che bello vedere in mezzo al pubblico tanti giovani che stanno riscoprendo il prog-rock!

Come ha infatti ricordato lo stesso Taulino “indubbiamente c’è l’orgoglio di riuscire sempre a coinvolgere grandi nomi. Dato che abbiamo lavorato bene in passato, questi musicisti, sapendo che abbiamo suonato con i loro colleghi importanti, spesso e volentieri sono molto contenti di partecipare a queste serate”.

 

Gianmaria Zanier

Articolo precedenteMilan e Inter in mostra
Articolo successivoI nuovi sindaci dell’Acquese

5 COMMENTI

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
Paolo Calori
Paolo Calori
8 anni fa

Vittorio De Scalzi ho avuto la fortuna di sentirlo tante volte, con i New Trolls e in vari progetti paralleli… anche recentemente… ed è sempre una GRANDE EMOZIONE! Intervista forse un po’ breve, ma molto esaustiva e titolo quanto mai azzeccato: LUNGA VITA AL PROG-ROCK !!! PAOLO

Beba
Beba
8 anni fa

Anch’io li ho visti tante volte, anche con la Vanoni e la OXA. Semplicemente UNICI e la voce calda e armoniosa di Vittorio non ha eguali. Complimenti per la bella foto che li ritrae sulla copertina del 45 giri: non sapevo fosse stata scattata vicino ad Albaro! Una menzione speciale per l'”ultimo a destra”, ovvero Nico Di Palo: non mollare, anche per i concerti dei prossimi anni! A presto! B.

Andrea
Andrea
8 anni fa

Buona giornata: mi chiamo Andrea e vivo a Valenza. Ho assistito anch’io a quella stupenda serata: volevo solo dire che è davvero molto bello assistere ancora oggi a spettacoli di questo livello ed è una piacevole sorpresa poter rivivere quelle emozioni rileggendo le dichiarazioni rilasciate da grandi personaggi come Vittorio De Scalzi e Aldo Tagliapietra. Un saluto a tutti coloro che amano e ascoltano la buona musica!

Giaampaolo Bellini
8 anni fa

Spett.le Redazione, sono Giampaolo Bellini, ho 38 anni e sono un grande appassionato di rock italiano anni 70 e 80. Il miei gruppi preferiti sono i New Trolls e la pfm, quindi non posso che complimentarmi con l’intervista qui riportata. Bella anche quella su Elton John: peccato poi abbia rinunciato alla data ! Speriamo torni al più presto dalle nostre parti. Giampaolo – Tortona

antonino freni
antonino freni
8 anni fa

Variazioni sul tema senza svarioni di sorta. Si va dal Calcio all’Atletica al Rock e dintorni con assoluta padronanza. Giamma è veramente un grande talento tanto quanto quelli da lui trattati.

- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

5
0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x