dialessandria.it - no photo

In un piacevole pomeriggio soleggiato, accarezzato da un benefico venticello, un folto gruppo di persone, perlopiù donne, ha partecipato alla passeggiata creativa organizzata dalla psicoterapeuta e ricercatrice artistica Monica Delmonte. L’evento faceva parte del percorso bianco della Festa del Pensiero ed è partito dall’Istituto d’Istruzione Superiore Saluzzo-Plana.

Fili in(visibili) 2

La prima tappa del percorso ha visto una permanenza prolungata nell’esclusivo giardino di Villa Guerci: in questa splendida location, i partecipanti hanno ricevuto dalla Delmonte un tris di biglietti, sui quali riportare le sensazioni che quel luogo e gli altri visitati suscitavano negli osservatori, annotare i ricordi legati a tali location e rivelare i “fili in(visibili)”, cioè i pensieri più reconditi di ogni persona.

Fili in(visibili) 4

Fili in(visibili) 5

La passeggiata ha poi visto il passaggio in altri luoghi del centro cittadino, cui è stata accompagnata la lettura di alcuni passi de “Le città invisibili” di Italo Calvino. Passando per via Parma e via Cavour, la comitiva di osservatori ha raggiunto altre punte di diamante della zona, tra cui piazza Duomo e l’interno poco conosciuto quanto affascinante di Palazzo Ghilini.

Stefano Summa

@Stefano_Summa

Foto di Leonardo Saggiorato

Fili in(visibili) 6

 

Fili in(visibili) 8

Fili in(visibili) 10

Fili in(visibili) 11

image

Fili in(visibili) 13

Fili in(visibili) 14

Fili in(visibili) 15

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x