13 C
Alessandria
giovedì, Ottobre 21, 2021

Truffe assicurazioni; si piange e si ride

Carte fasulle; raggiri; descrizioni di incidenti improbabili; per non dire grotteschi. E’ la mappa che descrive la grande truffa dei falsi incidenti stradali; vera spina nel fianco delle compagnie di assicurazione. Davvero imbarazzanti alcune descrizioni di sinistri che i liquidatori hanno visionato: come la nonna 85enne che; ignara; impenna la propria Suzuki finendo contro un’auto; oppure i tre a bordo di una smart.Ma gli esempi; come riporta il Corriere della Sera; sono molti: dalle vittime di colpi di frusta che diventano testimoni di incidenti il giorno dopo; grazie a una miracolosa guarigione; alle auto che hanno decine di incidenti al mese; fino agli arti ingessati. Il tutto con tanto di documentazione; ovviamente fasulla; contraffatta o rubata.

“La truffa alle assicurazioni sta diventando come il contrabbando – dice l’assessore provinciale di Taranto. E’ come un ammortizzatore sociale”. Intanto però le inchieste; sempre più numerose; smascherano piccoli e grandi raggiri; che fanno salire ovviamente il costo delle assicurazioni. Che pagano tutti.

Finti poveri a Padova
Nell’autocertificazione per la borsa di studio si dichiaravano appartenenti ad una famiglia indigente; ma andavano a lezione in Porsche. E’ uno dei casi scoperti dalla Guardia di finanza di Padova nell’ambito dei controlli sulle dichiarazioni rese dagli universitari per richiedere contributi e benefici allo studio. Le erogazioni pubbliche al momento recuperate ai non aventi diritto ammontano ad oltre 280mila euro.Carte fasulle; raggiri; descrizioni di incidenti improbabili; per non dire grotteschi. E’ la mappa che descrive la grande truffa dei falsi incidenti stradali; vera spina nel fianco delle compagnie di assicurazione. Davvero imbarazzanti alcune descrizioni di sinistri che i liquidatori hanno visionato: come la nonna 85enne che; ignara; impenna la propria Suzuki finendo contro un’auto; oppure i tre a bordo di una smart.Ma gli esempi; come riporta il Corriere della Sera; sono molti: dalle vittime di colpi di frusta che diventano testimoni di incidenti il giorno dopo; grazie a una miracolosa guarigione; alle auto che hanno decine di incidenti al mese; fino agli arti ingessati. Il tutto con tanto di documentazione; ovviamente fasulla; contraffatta o rubata.

“La truffa alle assicurazioni sta diventando come il contrabbando – dice l’assessore provinciale di Taranto. E’ come un ammortizzatore sociale”. Intanto però le inchieste; sempre più numerose; smascherano piccoli e grandi raggiri; che fanno salire ovviamente il costo delle assicurazioni. Che pagano tutti.

Finti poveri a Padova
Nell’autocertificazione per la borsa di studio si dichiaravano appartenenti ad una famiglia indigente; ma andavano a lezione in Porsche. E’ uno dei casi scoperti dalla Guardia di finanza di Padova nell’ambito dei controlli sulle dichiarazioni rese dagli universitari per richiedere contributi e benefici allo studio. Le erogazioni pubbliche al momento recuperate ai non aventi diritto ammontano ad oltre 280mila euro.Carte fasulle; raggiri; descrizioni di incidenti improbabili; per non dire grotteschi. E’ la mappa che descrive la grande truffa dei falsi incidenti stradali; vera spina nel fianco delle compagnie di assicurazione. Davvero imbarazzanti alcune descrizioni di sinistri che i liquidatori hanno visionato: come la nonna 85enne che; ignara; impenna la propria Suzuki finendo contro un’auto; oppure i tre a bordo di una smart.Ma gli esempi; come riporta il Corriere della Sera; sono molti: dalle vittime di colpi di frusta che diventano testimoni di incidenti il giorno dopo; grazie a una miracolosa guarigione; alle auto che hanno decine di incidenti al mese; fino agli arti ingessati. Il tutto con tanto di documentazione; ovviamente fasulla; contraffatta o rubata.

“La truffa alle assicurazioni sta diventando come il contrabbando – dice l’assessore provinciale di Taranto. E’ come un ammortizzatore sociale”. Intanto però le inchieste; sempre più numerose; smascherano piccoli e grandi raggiri; che fanno salire ovviamente il costo delle assicurazioni. Che pagano tutti.

Finti poveri a Padova
Nell’autocertificazione per la borsa di studio si dichiaravano appartenenti ad una famiglia indigente; ma andavano a lezione in Porsche. E’ uno dei casi scoperti dalla Guardia di finanza di Padova nell’ambito dei controlli sulle dichiarazioni rese dagli universitari per richiedere contributi e benefici allo studio. Le erogazioni pubbliche al momento recuperate ai non aventi diritto ammontano ad oltre 280mila euro.

Articolo precedenteSilvio dimettiti
Articolo successivo20 NOVEMBRE: PARTE LA STAGIONE TEATRALE
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x