11.2 C
Alessandria
domenica, Ottobre 24, 2021

Tentano di truffare il parroco. Presi dai carabinieri

I Carabinieri della Stazione di Valenza nel pomeriggio del 27 maggio hanno arrestato per truffa aggravata in concorso, falsità materiale, sostituzione di persona e possesso di arnesi da scasso M. M., di 59 anni, L. M., di 55 anni, e L. C., di 36 anni, tutti di Casale Monferrato, i primi due pregiudicati anche per reati analoghi commessi sempre ai danni di sacerdoti. L’arresto nasceva dalla richiesta di aiuto avanzata ai carabinieri del posto da Don Merlano, 83enne parroco del Duomo di Valenza, il quale riferiva che il 26 maggio aveva ricevuto una telefonata di un uomo che si era presentato come il notaio Bellingeri di Genova, il quale lo avvisava che era beneficiario di un lascito testamentale da parte di una signora di Valenza da poco deceduta. Il falso lascito consisteva in un appartamento ad Arenzano e in una somma di denaro di 92 mila euro, ma per beneficiarne il notaio chiedeva la somma di 3750 euro necessaria per gli adempimenti burocratici. Don Merlano, insospettito, chiedeva di vedere il testamento e si accordavano per un incontro alle 13.30 del 27 maggio, ma non credendo all’interlocutore chiedeva nel frattempo l’intervento dei militari. I carabinieri, il 27 maggio, si appostavano per tempo dentro la casa del prete in borghese in attesa del fantomatico notaio e, insieme al parroco, avevano preparato una busta contenente 500 euro quale acconto dei 3750 euro richiesti. Alle 13.40 arrivava presso la casa del parroco un uomo, il 36enne, il quale si presentava quale segretario del notaio Bellingeri, riferendo che quest’ultimo era andato per motivi urgenti in un’altra località. Saputo che il parroco aveva solo 500 euro, il 36enne cercava in più occasioni, non riuscendoci, di contattare al telefono i complici fingendo di chiamare il notaio, e dopo vari tentativi uno di loro parlava direttamente con Don Merlano accettando quella somma iniziale, ma richiedendo il resto dei soldi per sbloccare i 92.000 euro del lascito. Il parroco consegnava i soldi al 36enne il quale addirittura compilava una ricevuta riportante l’intestazione dello studio notarle Bellingeri. A quel punto, i militari che erano appostati nella stanza attigua a quella dove il prete aveva ricevuto l’uomo, intervenivano e lo bloccavano con i soldi tra le mani. L’uomo aveva con sé il blocchetto per stilare ricevute e un falso testamento che aveva fatto visionare al parroco da raggirare, il quale aveva chiesto di leggerlo preventivamente. Intanto, intervenivano altri militari in uniforme che bloccavano i due complici, il 59enne e il 55enne, in attesa all’esterno della chiesa a bordo di un’auto i quali alla vista della pattuglia tentavano di scappare, ma venivano immediatamente bloccati. Venivano sequestrati i telefoni dei tre arrestati, il blocchetto delle false ricevute intestate, il falso testamento olografo e degli oggetti da scasso rinvenuti nel cofano dell’auto ovvero pinze, cacciaviti, tenaglie, forbici, fili di ferro piegati ad uncino e lunghi 30-40 centimetri e una bomboletta di spray al peperoncino. I tre venivano arrestati per i reati commessi e venivano trattenuti nelle camere di sicurezza delle caserme dell’Arma in attesa del rito direttissimo previsto per la mattina del 29 maggio.

Fausta Dal Monte
Giornalista professionista dal 1994, amante dei viaggi. "La mia casa è il mondo"
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x