6 C
Alessandria
venerdì, Gennaio 21, 2022

Salgono i costi della frutta sugli scaffali; crollano i prezzi pagati agli agricoltori

Dati alla mano; non certamente terrorismo psicologico. I prezzi pagati agli agricoltoriper la frutta estiva sono crollati con un calo medio del 29 per cento; ma sugli scaffali per iconsumatori continuano incredibilmente a salire con un aumento medio dell’1;6 per cento.Solo per fare qualche esempio nel 2011 le pesche e le nettarine vengono pagate la metàrispetto a dieci anni fa al produttore agricolo che per potersi permettere un caffè al bar nedeve vendere cinque chili.Mentre i prezzi della frutta riconosciuti al produttore in campagna crollano – denuncianoil presidente e il direttore della Coldiretti alessandrina Roberto Paravidino e Simone Moroni- per i consumatori sugli scaffali del supermercato aumentano. Si tratta del risultato delledistorsioni e delle speculazioni che si verificano nel passaggio della frutta dal campo allatavola. A causa delle inefficienze e delle eccessive intermediazioni nel passaggio della fruttadall’azienda agricola al carrello della spesa i prezzi almeno triplicano; ma possono aumentareanche di 5 o 6 volte”. Quest’estate si è allargata senza giustificazioni la forbice dei prezzi della frutta frescatra produzione e consumo. Una situazione che danneggia gli agricoltori costretti a lavorare inperdita; ma anche i consumatori che potrebbero acquistare maggiori quantità e a condizionipiù vantaggiose. Gli esempi non mancano secondo le elaborazioni Coldiretti su dati del servizioSms consumatori del Ministero delle Politiche Agricole. La scomparsa del frutteto italiano ha effetti economici; ambientali; paesaggisticied anche per la salute perché rischia di privare i consumatori della freschezza di prodottiindispensabili per il benessere raccolti vicino a casa.Le motivazioni della crisi attuale sono congiunturali come l’andamento meteorologico cheha provocato la maturazione contemporanea di produzioni e l’emergenza dell’ “EscherichiaColi” che ha causato il contenimento dei consumi; ma sotto accusa ci sono soprattuttol’inadeguatezza delle normative comunitarie per la prevenzione e la gestione delle crisi dimercato e la distribuzione commerciale che non è riuscita fino ad ora ad arrivare ad offrireprodotti di qualità al giusto grado di maturazione e ad un prezzo equo per produttori econsumatori. Interventi per il settore ortofrutticolo:Predisposto un documento comune. In considerazione della grave crisi di mercato che sta attraversando il settoreortofrutticolo; con particolare riferimento alle pesche e alle nettarine; le quattro organizzazioniagricole; Coldiretti; Cia; Confagricoltura; e Copagri; hanno predisposto un documentocomune.Il documento nasce in forma congiunta; in quanto le organizzazioni firmatarie si sonopresentate al presidente Coldiretti Sergio Marini chiedendo di poter lanciare un progettocomune. Le organizzazioni agricole hanno condiviso che la crisi è dovuta ad una componentecongiunturale e soprattutto a fattori strutturali in quanto si sono dimostrate inefficaci lemisure relative alla programmazione; commercializzazione e promozione che hanno favoritoprevalentemente; ancorchè indirettamente; il sistema della distribuzione. Pertanto; secondole organizzazioni; è necessario intervenire con un piano di ristrutturazione del settore chepreveda un adeguamento della strategia nazionale dell’attuazione dell’organizzazione dimercato dell’ortofrutta; che tenga conto in particolare della prevalenza delle risorse destinatealle fasi di produzione agricola. Occorrono; inoltre; l’attivazione di un fondo mutualisticoper affrontare le crisi; lo sviluppo di polizze multirischio; una riconversione varietale; laristrutturazione delle attività commerciali delle organizzazioni dei produttori per evitare conflittie concorrenza; rivedendo la normativa nazionale per la loro costituzione unicamente su baseagricola; una migliore trasparenza della filiera commerciale; la razionalizzazione delle modalitàdi confezionamento; la definizione di un soggetto nazionale che in trasparenza asseveri leprevisioni produttive; di mercato e di consumo; misure il contrasto alla concorrenza sleale eil sostegno nei confronti di Bruxelles dell’aumento dell’indennità di ritiro. Le organizzazioniagricole ritengono urgentissimo un autorevole intervento del Ministero per le Politiche agricole;alimentari e forestali nei confronti della Grande Distribuzione Organizzata (Gdo) finalizzatoa sottoscrivere l’accordo interprofessionale pesche e nettarine; a regolamentare l’uso delsottocosto e della scontistica e a ridurre i tempi di pagamento sui prodotti deperibili. Inoltre ènecessario che il Ministero per le Politiche agricole; alimentari e forestali; con il coinvolgimentodelle Regioni; attivi tutti i meccanismi previsti dalla regolamentazione comunitaria per le crisidi mercato. Nella difficile situazione di crisi vanno peraltro agevolati gli interventi sul credito afavore delle aziende agricole.

Articolo precedenteLa Satta paparazzata con Mammucari
Articolo successivoLA SPAGNA E F.G.LORCA
0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x