13.9 C
Alessandria
giovedì, Ottobre 21, 2021

Presto un centro di smaltimento Raee a Casale Monferrato

Un investimento tra i 7 e gli 8 milioni di euro con una capacità lavorativa; a regime; di circa 50 persone. Sono queste le prime cifre del centro di smaltimento e riciclaggio Raee (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche) che potrebbe sorgere a Casale Monferrato.

Ma la notizia più importante è però l’ufficializzazione dell’azienda che ha manifestato il proprio interesse alla realizzazione dell’impianto: è il Gruppo Riccoboni di Parma; leader nelle attività di bonifiche ambientali; nello smaltimento di rifiuti industriali; nei global service ambientali e nella costruzione/gestione di impianti di trattamento e smaltimento di rifiuti.

«L’interesse – spiegano dall’azienda – deriva sia dalla tipologia di un mercato in crescita; caratterizzato da politiche europee e nazionali che incentivano la raccolta ed il recupero dei Raee; sia dalla scarsa presenza nella Regione Piemonte di impianti di questo genere che obbligano i centri di raccolta a smaltire nelle regioni limitrofe».

«Per Casale Monferrato sarà un’opportunità unica – ha sottolineato il sindaco Giorgio Demezzi – perché porterebbe in città innovazione e crescita. Dopo un lungo e articolato percorso; siamo quindi giunti ad un punto nodale e come Comune; e io in prima persona; ci si è spesi affinché questo progetto si concretizzasse. Si è partiti dalla stesura; grazie alla società consortile Lamoro; del business plan di un centro di recupero e smaltimento delle apparecchiature refrigeranti; per poi giungere; attraverso incontri e confronti continui; ad allargare il raggio d’azione su tutte le apparecchiature elettroniche ed elettriche; puntando così su un settore che nella nostra zona è carente».

Le tempistiche necessarie a garantire l’operatività possono essere stimate in un periodo compreso tra i 18 e 24 mesi; comprensivo dell’iter autorizzativo gestito dalla Provincia di Alessandria; la progettazione ed esecuzione delle opere civili e degli impianti.

«Da parte nostra potremmo; attraverso il Pti; il progetto territoriale integrato – ha proseguito il sindaco Demezzi – destinare i lotti del Pip5 a prezzi agevolati o con sconti sugli oneri di urbanizzazione; cercando di attirare investitori che vogliano portare qualità e innovazione nel nostro territorio; a partire dall’impianto Raee. L’obiettivo; infatti; è quello di rilanciare l’economia locale iniziando da progetti concreti e sostenibili».

L’area del Pip5 si estende nel quadrilatero descritto dal canale Lanza; la linea ferroviaria Casale Monferrato – Alessandria; e dal tratto della “Bretella Anas” di collegamento delle statali 31 e 457 con il casello autostradale. Il costo complessivo dell’opera è di oltre 16 milioni di euro; di cui 324 mila euro circa a carico del Comune e oltre 3 milioni 242 mila euro del contributo Fas e avrà un’estensione di 318 mila 817 metri quadrati; di cui 15 mila; estendibili a 30 mila metri quadrati; potrebbero essere quelli destinati al nuovo impianto.

«Non sarà un percorso facile quello che porterà; speriamo al più presto; il centro Raee a Casale Monferrato – ha concluso Giorgio Demezzi – ma continueremo con caparbietà su questa strada; perché crediamo fortemente in questo progetto e siamo convinti che il Gruppo Riccoboni potrà portare sul territorio quell’impulso ormai indispensabile per tornare a crescere. Per questo motivo è doveroso ringraziare l’azienda di Parma; perché sta credendo in questo progetto e lo sta dimostrando portando avanti l’iter per la creazione dell’impianto».

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x