9.6 C
Alessandria
lunedì, Ottobre 18, 2021

Londra brucia; scontri a Notting Hill

Londra brucia ancora. Proseguono nella notte tra lunedì e martedì gli scontri che da sabato scorso sconvolgono la capitale britannica; toccando persino il quartiere centrale e benestante di Notting Hill. E la guerriglia si propaga anche fuori Londra; estendendosi a Manchester e Bristol; con incidenti anche a Birmingham e Liverpool. NELLA CAPITALE- Nel terzo giorno consecutivo di guerriglia urbana gli scontri toccano i quartieri di Croydon; Peckham e Lewisham; 44 agenti e 14 civili restano feriti. Tra loro; un uomo di 60 anni; ferito alla testa; in pericolo di vita; e un giovane di 26 anni; in gravi condizioni; dopo essere stato ferito da colpi di arma da fuoco a Croydon (sud di Londra). Lo riferisce la polizia; sottolineando di aver ricevuto; nelle ultime 24 ore; 28.000 chiamate contro le 5.400 della normale media giornaliera. IL RIENTRO DI CAMERON- Il primo ministro David Cameron interrompe le ferie in Toscana e torna a Londra. Nella giornata di martedì è prevista una riunione di emergenza presieduta dal numero uno di Downing Street con il ministro dell’Interno; il capo della polizia e i servizi di soccorso. La polizia metropolitana di Londra dispiegherà nella capitale britannica 13.000 agenti nelle prossime 24 ore per fronteggiare i disordini; riferisce Sky News. Scotland Yard ha annunciato di aver messo a disposizione altri 1.700 agenti supplementari. Dall’inizio delle violenze; scoppiate sabato dopo la morte di Mark Duggan; un 29enne ucciso a Tottenham dalla polizia; sono 334 le persone arrestate; tra cui un adolescente di undici anni. GLI SCONTRI -La mappa dei disordini si è intanto allargata a dismisura nel Regno Unito; dove nella notte anche Liverpool e Bristol sono state messe a ferro e fuoco da violenze e saccheggi. Lunedì sera toccato a Birmingham e nella capitale a Croydon e Hackney; mentre tra sabato e domenica a Enfield e Tottenham; dove tutto è iniziato sabato con le proteste per la morte di un 29enne ucciso dalla polizia. Questa è stata la terza notte di disordini; in cui edifici sono stati incendiati; così come auto e bidoni dell’immondizia. I negozi sono stati presi d’assalto e saccheggiati e la polizia ha dovuto affrontare schiere di persone; in parte ragazzini; che rompevano vetrine e rubavano dagli scaffali. Rivolta anche a Manchester e BristolGLI ARRESTI- La Polizia britannica ha inoltre fatto sapere che tre persone sono state arrestate a Londra per tentato omicidio nei confronti di un agente. I sospettati sono stati arrestati nel borgo londinese di Brent; nel nord della città; dopo che un poliziotto è stato investito da un’automobile e ricoverato in ospedale. Insieme con un collega; che ha riportato ferite non gravi; stava fermando alcune auto; ritenendo che gli occupanti fossero coinvolti nel saccheggio di un vicino negozio di articoli elettrici. In una dichiarazione; la polizia ha spiegato che uno dei veicoli fermati nel tentativo di fuggire ha colpito violentemente l’agente ricoverato. L’auto è poi stata individuata e gli occupanti arrestati. IL BILANCIO- È salito a 239 persone arrestate il bilancio dei disordini iniziati sabato a Londra; secondo l’ultimo bilancio della polizia. Tra i fermati; almeno 100 sono sotto i 21 anni e un accusato di furto ha 11 anni. In particolare; nella zona di Birmingham a nord della città la polizia ha confermato 35 arresti a causa dei disordini nel centro; dove negozi sono stati vandalizzati. «La violenza cui stiamo assistendo è semplicemente non scusabile. Gente normale ha trasformato la propria vita a causa di questa criminalità»; ha detto il comandante della polizia di Londra; Christine Jones. Centro Sony in fiamme a Londra INCENDIO ALLA SONY – Sony ha invece fatto sapere che un vasto incendio ha coinvolto il suo centro distribuzione vicino al quartiere di Enfield; a Londra. Stock di Dvd e altri prodotti sono stati danneggiati. Intanto la Thames Water; società privata che gestisce la distribuzione dell’acqua in gran parte della capitale britannica; ha avvisato i cittadini che la pressione dell’acqua nelle abitazioni potrebbe calare a causa del massiccio uso che se ne sta facendo per combattere i numerosi incendi appiccati in tutta la città durante la terza notte di proteste e scontri.

0 0 voti
Valutazione articolo
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Vedi tutti i commenti
- Advertisement -

Popolari

Social

4,523FansMi piace
3,520FollowerSegui
2,512FollowerSegui
Zapping sfoglia PDF online
Zapping Casa sfoglia PDF online
Zapping da Leggere sfoglia PDF online

Ultimi articoli

0
Vorremmo sapere cosa ne pensi, scrivi un commento.x
()
x