Guida in stato d’ebbrezza: il fenomeno non diminuisce

0
695

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Alessandria hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza un cittadino italiano di 21 anni, residente in provincia di Alessandria. Il giovane veniva fermato alle ore 04.30 del 19 aprile alla guida di un’auto di sua proprietà lungo la SP 10 in frazione Spinetta Marengo in quanto zigzagava vistosamente, frenando improvvisamente senza alcun motivo. Nei suoi confronti sorgeva immediatamente il sospetto che avesse assunto sostanze alcooliche e veniva sottoposto al test dell’etilometro che evidenziava un risultato di oltre 1,00 g/l, cioè circa il doppio del limite massimo consentito per legge. Per lui, oltre la denuncia all’Autorità Giudiziaria, anche il ritiro immediato della patente. La sua auto era anche sprovvista di copertura assicurativa per la qual cosa veniva elevata una pesante sanzione amministrativa con conseguente sequestro amministrativo del veicolo che veniva affidato allo stesso proprietario con obbligo di custodirlo in un luogo privato e di non utilizzarlo. Nella stessa notte, alle ore 03.00 circa, sulla SS 35 Bis dei Giovi veniva fermato un 37enne di Novi Ligure i cui atteggiamenti sembravano quelli tipici di chi aveva assunto alcoolici. Sottoposto al test, risultava un tasso di circa 0,60 g/l che comportava all’uomo una pesante sanzione amministrativa e il conseguente ritiro della patente di guida. La sua auto veniva affidata a persona in quel momento idonea a guidare per condurla fino alla sua abitazione.
I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Alessandria hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza un cittadino italiano di 23 anni, residente in provincia di Alessandria. Una gazzella interveniva la notte del 29 marzo, alle ore 06.15 circa, a Casal Cermelli perché c’era stato un incidente stradale. La pattuglia arrivava sul posto e precisamente alla frazione Portanova dove l’uomo, alla guida di un’auto di proprietà del padre della fidanzata, aveva perso il controllo del mezzo finendo contro la recinzione di un’abitazione e ribaltandosi sul fianco destro. I due riuscivano ad uscire da un finestrino e attendevano i soccorsi. Sia l’uomo che la fidanzata, trasportata sul veicolo, riportavano lesioni. Lui aveva lesioni lievi alla spalla e alla testa, mentre la 19enne aveva lesioni agli arti inferiori per 30 giorni di cure. Trasportati entrambi all’ospedale, il 23enne veniva sottoposto ad esami clinici per accertare il suo tasso alcoolemico, visto che ai militari sembrava in condizioni fisiche non idonee alla guida. Infatti, gli esami di laboratorio hanno evidenziato un tasso di 1,13 g/l, cioè oltre il doppio del limite massimo consentito per legge e risultava positivo all’assunzione ai cannabinoidi, anche se non è stato possibile accertare che l’assunzione dello stupefacente fosse avvenuta prima di mettersi alla guida o nei giorni precedenti. Per lui, quindi, la denuncia all’Autorità Giudiziaria per la guida in stato di ebbrezza, il ritiro immediato della patente e la segnalazione alla Prefettura di Alessandria quale assuntore di sostanze stupefacenti, mentre l’auto veniva restituito al padre della fidanzata.

Print Friendly, PDF & Email