Controlli delle pompe di benzina da parte della guardia di finanza

0
720

Negli ultimi giorni, il Gruppo della Guardia di Finanza di Tortona ha eseguito controlli nei confronti di diversi impianti minori di distribuzione di carburante. Le attività ispettive hanno interessato, oltre l’aspetto prettamente fiscale e l’esame dei registri di carico e scarico, anche le licenze d’esercizio, le certificazioni di prevenzione incendi e la disciplina sulla corretta esposizione dei prezzi. I Finanzieri hanno verificato, mediante apposito decalitro, il regolare funzionamento delle singole colonnine di erogazione e le giacenze effettive dei prodotti petroliferi, queste ultime calcolate, con l’utilizzo della c.d. asta metrica, tramite la misurazione dell’altezza del prodotto contenuto in ogni singolo serbatoio.
Raffrontando le giacenze contabili con quelle effettive, in due casi sono state riscontrate deficienze, sia di benzina che di gasolio (per un totale di circa 1.500 litri), oltre la soglia di tolleranza ammessa dalla vigente normativa. Pertanto, i titolari degli impianti non in regola sono incorsi nella sanzione di cui all’art. 50, comma 2 del Testo Unico sulle Accise, che prevede il pagamento di un importo fino ad un massimo di €. 3.000; inoltre, i corrispettivi non annotati verranno soggetti al recupero dell’IVA con conseguente applicazione di ulteriori sanzioni.
I verbali redatti sono ora a disposizione dell’Agenzia delle Entrate e dell’Agenzia delle Dogane di Alessandria. Gli interventi delle Fiamme Gialle tortonesi si inseriscono tra i normali piani di controllo economico del territorio e sono principalmente volti a reprimere una sleale concorrenza determinata dal mancato rispetto delle regole.
_________________________________________________

Print Friendly, PDF & Email