Brevi di cronaca

0
594

1. I Carabinieri della Stazione di Solero hanno denunciato per falsità materiale commessa da privato e guida senza patente un cittadino rumeno di 34 anni, pluripregiudicato, residente ad Alessandria. L’uomo veniva fermato lungo la SS 10 a bordo di un’auto con targa rumena di proprietà del fratello e con a bordo la moglie e il figlio di soli 9 anni. Al momento del controllo esibiva una patente di guida che subito risultava strana perché mancante delle microscritture e dell’elemento ottico raffigurante lo stemma della Repubblica. Da un accertamento attraverso la banca dati, la patente in questione non risultava essere mai stata emessa. L’uomo però sosteneva di essere in possesso di regolare patente e sosteneva che l’aveva conseguita il 5 novembre, cioè soli 15 giorni fa, a Napoli come in effetti riportava il documento. Veniva allora contattata la motorizzazione civile di Roma che confermava che la patente non esisteva perché mai emessa e anzi veniva fatto notare che il numero seriale della stessa era troppo alto. A quel punto, l’uomo veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria per i reati di falsità materiale e guida senza patente, l’auto veniva sottoposta a fermo amministrativo e il fratello proprietario dell’auto verrà sanzionato amministrativamente per incauto affidamento dell’auto a persona sprovvista di patente di guida. Da evidenziare la professionalità e l’importanza dell’intervento dei militari di pattuglia che hanno condotto gli accertamenti con determinazione in considerazione del pericolo che l’uomo poteva creare agli altri utenti della strada, ma soprattutto a sé stesso e ai suoi familiari visto il fatto che l’uomo, incurante della mancanza del titolo abilitativo alla guida, trasportava in macchina anche il figlio di soli 9 anni.
2. I Carabinieri della Stazione di San Giuliano Vecchio hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza un cittadino rumeno di 42 anni, residente ad Alessandria. La sera di domenica 9 novembre la pattuglia veniva inviata in frazione Casalbagliano perché era stata segnalata un’auto che, a seguito di fuoriuscita dalla sede stradale, era adagiata all’interno di un canale di scolo costeggiante la via principale. Sul posto era presente personale dei Vigili del Fuoco che riferiva di avere trovato la macchina in quella posizione con un uomo dentro che non era cosciente, provvedendo a richiedere il personale del 118 per farlo accompagnare presso il pronto soccorso. Da un rapido controllo, l’auto risultava però intestata a una donna e non risultava coperta da assicurazione. Per comprendere meglio i fatti, la pattuglia si recava presso il pronto soccorso dove era stato trasportato il conducente del veicolo, identificandolo nel rumeno poi denunciato e contestualmente i militari presentavano alla direzione dell’ospedale una richiesta di accertamenti sul tasso alcoolemico dell’uomo in considerazione che aveva avuto un sinistro stradale. L’accertamento effettuato presso il laboratorio analisi ha evidenziava che l’uomo guidava l’auto avuta in prestito in evidente stato di ebbrezza avendo raggiunto il considerevole livello di 3,28 g/l, ossia oltre 6 volte il limite massimo previsto. Per questo motivo, conclusi gli accertamente, l’uomo veniva denunciato all’Autorità Giudiziaria, veniva ritirata la sua patente di guida e il veicolo veniva sottoposto a sequestro amministrativo per mancanza di copertura assicurativa.
3. I Carabinieri della Stazione di Oviglio hanno denunciato per tentato furto un cittadino italiano di 52 anni, residente in provincia di Asti e pregiudicato. All’inizio del mese di novembre, nella tarda serata, a Carentino, presso una fonderia scattava l’allarme a seguito dell’intrusione di estranei all’interno dello stabilimento. Giungeva sul posto personale della vigilanza privata che notava la presenza di un furgone provenire da un strada sterrata che costeggia lo stabilimento in questione e, in quella occasione, veniva rilevata la targa del veicolo. Il furgone risultava intestato all’indagato residente in provincia di Asti e i militari di Oviglio approfondivano quindi le indagini in merito alla sua presenza in Carentino. Sentito l’uomo, lo stesso dichiarava di trovarsi quella sera nel capoluogo e precisamente in un determinato locale pubblico, dove in realtà non era mai stato visto fornendo quindi una falsa giustificazione sulla sua presenza sul posto. Veniva quindi denunciato all’Autorità Giudiziaria per il tentato furto.
4. I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile di Alessandria hanno denunciato per guida in stato di ebbrezza un cittadino albanese pregiudicato, 47enne, residente ad Alessandria. L’uomo veniva notato nel quartiere Cristo alla guida di un’auto non di sua proprietà e i militari riconoscevano nel conducente un uomo controllato poco prima nel corso di un intervento effettuato per due persone che discutevano animatamente e ben ricordavano che l’uomo aveva evidentemente bevuto. Veniva quindi sottoposto al test dell’etilometro perché alla guida di un veicolo, non riuscendo ad eseguirlo per diverse volte. Veniva quindi accompagnato presso l’ospedale di Alessandria per essere sottoposto ai prelievi dei campioni biologici che hanno dato esito positivo con un tasso alcoolemico di oltre 4 volte superiore al consentito. Per lui, oltre la conseguente denuncia all’Autorità Giudiziaria, l’immediato ritiro della patente di guida mentre l’autovettura, di proprietà di una terza persona, veniva affidata al proprietario.
5. I Carabinieri della Stazione Alessandria Cristo hanno denunciato per violazione delle norme sull’immigrazione due cittadini marocchini entrambi 27enni. La notte del 19 novembre veniva segnalato un litigio tra due persone in via Martiri della Benedicta e le pattuglie, giunte sul posto, accertavano che i due marocchini stavano litigando perché uno aveva prestato all’altro un letto e in quella circostanza ne pretendeva la restituzione. Ne scaturiva un litigio che veniva sedato dai militari i quali, all’atto dell’identificazione dei giovani, verificavano che entrambi si trovavano sul territorio nazionale pur essendo privi del permesso di soggiorno. Accertata la violazione della normativa sull’immigrazione perché si intrattenevano illegalmente sul territorio nazionale, per entrambi, oltre alla denuncia all’Autorità Giudiziaria, venivano anche avviate le pratiche amministrative per l’espulsione dal territorio nazionale.
6. I Carabinieri della Stazione di Oviglio hanno denunciato per inosservanza del divieto di ritorno nel comune di Masio un cittadino italiano di 46 anni, pregiudicato, della provincia di Asti, perché dal controllo emergeva che non poteva trovarsi nel paese a seguito di una misura di prevenzione emessa nei suoi confronti e valida per 3 anni. L’uomo veniva controllato dai militari in quella località incurante delle disposizioni imposte nei suoi confronti dal Questore. Per lui ovviamente la conseguente denuncia alla Autorità Giudiziaria.
7. I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Alessandria hanno eseguito una perquisizione domiciliare alla ricerca di sostanze stupefacenti, anche con l’ausilio di personale della Polizia Locale di Alessandria e della loro unità cinofila antidroga. Veniva perquisita l’abitazione di un cittadino dominicano di 24 anni il quale in camera da letto deteneva circa 12 grammi di hashish, una dose del peso di 0,5 grammi di cocaina e circa 2 grammi di marijuana. Accertato che lo stupefacente era detenuto per uso personale, veniva posto sequestro e l’uomo veniva segnalato alla Prefettura quale assuntore di stupefacenti.

Print Friendly, PDF & Email