Mondo e ambiente

0
1187

L’ecologia come viene applicata in Australia, Singapore ed Indonesia

Secondo l’EPI l’Italia è al 22° posto nella graduatoria internazionale

TUTELA-AMBIENTE-02Lo scorso 5 giugno si è svolta la Giornata Mondiale dell’Ambiente, presentata ad Expo Milano 2015.
E proprio per collegarci al tema della sostenibilità e di un pianeta sempre più verde, abbiamo deciso di mettere a confronto tre Paesi diversi: Australia, Singapore ed Indonesia.
La situazione ambientale australiana è piuttosto contraddittoria.
Ad oggi, il Paese detiene il terzo posto mondiale nella classifica dell’EPI (Indice di sostenibilità ambientale), che stila una graduatoria di come fronteggiano i problemi ambientali.
TUTELA-AMBIENTE-03Inoltre, nel 2007 con il primo ministro Kevin Rudd, candidatosi con un progetto ambientalista, si era prevista un’era di importanti riforme.
Ora, con i mass media controllati da Rupert Murdoch e le sue ripetute dichiarazioni su una situazione climatica che tra l’altro non corrisponde al vero, l’Australia ha già dovuto rinunciare ad alcune delle sue politiche ambientaliste.
È stata infatti abolita la tassa sulle emissioni di carbonio, e l’Australia potrebbe tornare ad essere quella descritta nel 2010 dal professor Graham Currie, della Monash University di Melbourne: “Siamo la nazione più dipendente dalle auto con la più bassa densità urbana al mondo”, aveva spiegato.
TUTELA-AMBIENTE-04Per contro, l’Australia avrebbe le potenzialità per produrre energia rinnovabile sfruttando quella solare ed eolica, diventando autosufficiente in appena dieci anni. Esemplare in fatto di sostenibilità è la città di Adelaide, con 29 parchi naturali, e che mise in circolazione il primo bus elettrico ad energia solare.
Singapore, al quarto posto nell’indice EPI, investirà oltre un miliardo di dollari per sostenere programmi di sviluppo sostenibile.
E con i suoi Gardens by the Bay, un parco di 54 ettari composto da due laghi, due serre bioclimatiche e 18 supertrees, dà esempio di un attento studio di come è possibile mantentere il verde in una grande metropoli. L’Indonesia, al 112° posto nella graduatoria citata in precedenza, evidenzia problemi di gestione delle risorse ambientali e dell’ecologia in generale.
Le condizioni climatiche alimentano una ricca vegetazione, a prevalenza di foresta pluviale, ma c’è un grande problema di deforestazione in gran parte illegale ed incendi dolosi che contribuiscono all’inquinamento atmosferico.
E l’inquinamento ambientale ed urbano raggiunge i livelli più alti dell’Asia.
Problema base è sicuramente la densità della popolazione ed una rapida industrializzazione che non apporta, parallelamente, una corretta educazione del rispetto ambientale.

Ilaria Zanazzo

Print Friendly, PDF & Email