Domenica 8 marzo, 68° giorno
dell’anno, 10^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 298 giorni (bisestile)

0
1781

FRASE DEL GIORNO – È incredibile come un bipede di genere femminile possa ridurre un uomo. (Totò)

SANTI DEL GIORNO – San Giovanni di Dio (Religioso, protettore di malati, infermieri, medici, cardiopatici, librai, rilegatori di libri e ospedali), San Litifredo di Pavia (Vescovo),  San Ponzio di Cartagine (Diacono), San Probino di Como (Vescovo), San Senano (Abate), San Teofilatto di Nicomedia (Vescovo), San Veremondo (Abate), Sant’Unfrido di Therouanne (Vescovo), Santi Apollonio e Filemone (Martiri).

EVENTI DEL GIORNO – L’8 marzo è la ‘Festa della Donna’. Istituita dall’ONU nel dicembre ’77 come “Giornata Internazionale”, venne scelta questa data perché nella storia si verificarono numerosi eventi con protagoniste le donne. Il primo risale al 1908, quando a New York migliaia di operaie marciarono sotto lo slogan “pane e rose”, per rivendicare pari dignità sul lavoro, diritto al voto e abolizione del lavoro minorile.
Nel 1917 si tenne a San Pietroburgo una manifestazione simile, stavolta per chiedere la fine della guerra e la caduta dello zarismo. Altri episodi verificatisi in date e luoghi diversi (come il tragico rogo di una fabbrica di Manhattan in cui persero la vita 129 lavoratrici) vennero successivamente inclusi nel patrimonio storico di questa celebrazione. Simbolo floreale della festa è la mimosa, utilizzata per la prima volta da 3 attiviste italiane nel ’46.

Nel 1817 venne fondata la Borsa di New York. Ombelico degli affari finanziari del pianeta, ha una storia legata a filo doppio con la strada su cui si affaccia, ‘Wall Street’.
Si cominciò a vendere e comprare ogni cosa in un piccolo bar, per finire con operazioni miliardarie in grado di condizionare i mercati di tutti paesi.

NATI FAMOSIBruno Pizzul (1938), Italia, giornalista. Storico commentatore sportivo della RAI, la sua voce fece da colonna sonora alle gesta calcistiche della serie A e della Nazionale. Nato a Udine, giocò da centromediano con Udinese, Cremonese e Catania; un infortunio al ginocchio lo condannò al ritiro, ma seguì il “rettangolo verde” da lontano vincendo un concorso RAI come telecronista. Realizzò negli anni oltre 2.000 telecronache, raccogliendo dall’86 l’eredità del grande Nando Martellini, commentando tutte le partite degli azzurri fino al 2002 (5 Mondiali e 4 Europei). Conduttore della versione estiva della “Domenica Sportiva” ’75 e di “Domenica Sprint” (’76-’90), partecipò al film comico “L’arbitro” (’74), interpretando sé stesso. Gli anni Duemila lo videro lontano dalla TV, tranne poche eccezioni come la Coppa Italia ’07-’08 commentata per LA7.
Antonello Venditti (1949), Italia, cantautore. Con più di 30 milioni di album venduti è un cantautore italiano tra i più prolifici, le cui canzoni hanno accompagnato due generazioni.  Romano doc, a 14 anni dimostrò la sua abilità scrivendo “Sora Rosa” (dedicata alla nonna) e “Roma Capoccia”. All’inizio degli anni ’70 nacque l’amicizia con De Gregori, con cui nel ’72 pubblicò il primo album “Theorius Campus”. La sua vena creativa inarrestabile lo portò a pubblicare un album all’anno per diverso tempo. Primo cantautore italiano a “cantare” di politica (“Compagno di scuola”), droga e sesso (“Lilly”), nel ’75 iniziò il successo e negli anni ’80 e ’90 arrivarono brani romantici e sentimentali, entrati nel repertorio classico della canzone italiana: “Notte prima degli esami”, “Ricordati di me”, “Ci vorrebbe un amico”, “Alta marea”. Il cavallo di battaglia più popolare lo compose però in occasione del 2° scudetto della Roma (’83) di cui è tifosissimo: “Grazie Roma” è ancora oggi l’inno di chiusura delle gare casalinghe dei giallorossi all’Olimpico. Nel ’13 duettò con Max Pezzali in “Max 20” e interpretò sé stesso in un cameo nel film “La grande bellezza”.
Timo Boll (1981), Germania, pongista. Nato a Erbach, è l’unico giocatore europeo in grado di competere coi campioni cinesi di tennistavolo. A livello di club gioca nel Borussia Düsseldorf, campione d’Europa. Nel ’05 vinse la Coppa del Mondo battendo Wang Liqin ai quarti, Ma Lin in semifinale e Wang Hao in finale. Il suo medagliere conta 1 argento e 2 bronzi Olimpici, 5 argenti e 2 bronzi Mondiali, 16 ori, 4 argenti e 3 bronzi Europei.

 

Print Friendly, PDF & Email