Domenica 7 giugno, 159° giorno
dell’anno, 23^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 207 giorni (bisestile)

0
1079
Sir Thomas Jones Woodward, meglio noto come Tom Jones, grande cantante, compie oggi 80 anni

FRASE DEL GIORNO – Mai si è troppo giovani o troppo vecchi per la conoscenza della felicità. A qualsiasi età è bello occuparsi del benessere dell’animo nostro. (Epicuro)

SANTI DEL GIORNO – San Roberto di Newminster (Abate), Sant’Antonio Maria Gianelli (Vescovo), Beata Anna di San Bartolomeo (Vergine), Beata Maria Teresa de Soubiran La Louvière (Fondatrice).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1349 fondata la città di Rotterdam. A più di un secolo dalle violente inondazioni che spopolarono l’area (1150), si aumentò la parte abitabile con la costruzione di una diga sul fiume Rotte. Da qui “Rotterdam” (nome del fiume unito al termine dam, ossia “diga”), nel 1328 ottenne le insegne civiche e 12 anni dopo si vide riconosciuti i diritti civili da Guglielmo IV d’Olanda. Oggi è il ‘porto d’Europa’.
Nel 1929 nacque lo stato ‘Città del Vaticano’. La nazione più piccola del mondo, custode della cristianità da oltre due millenni, nacque nell’Italia mussoliniana, creando un’eccezione unica al mondo sulla natura giuridica degli Stati. Il riconoscimento da parte del governo italiano avvenne l’11 febbraio ’29 con i Patti Lateranensi, così chiamati perché firmati nel palazzo di San Giovanni in Laterano da Benito Mussolini e dal card. Gasparri.
Quattro mesi dopo papa Pio XI emanò la legge fondamentale della Città del Vaticano, che disegnò la forma di governo del nuovo Stato: “Il Sommo Pontefice, Sovrano dello Stato della Città del Vaticano, ha la pienezza dei poteri legislativo, esecutivo e giudiziario”. In pratica una ‘monarchia assoluta elettiva’, di natura teocratica, i cui principali compiti di governo sono attribuiti al cardinale Segretario di Stato. Per la superficie che occupa (0,44 km²) e il numero dei cittadini residenti (825 nel 2019), il Vaticano detiene 2 primati mondiali: è lo stato più piccolo e il meno popoloso del pianeta.
Nel 1998 Pantani vinse il Giro d’Italia. L’indimenticabile ‘pirata’ vinse l’81° Giro, fatto di 22 tappe per 3.811 km. La corsa partì il 16 maggio da Nizza (Francia) e arrivò a Milano il 7 giugno. Pantani, maglia rosa per 6 tappe (17^-22^), arrivò davanti al russo Pavel Tonkov (a 1’33”) e all’italiano Giuseppe Guerini (a 6’51”). Il ‘pirata’ vinse 2 tappe e conquistò (89 punti) anche la ‘maglia verde’, ovvero la classifica degli scalatori. Ovviamente.

NATI FAMOSI – Paul Gauguin (1848-1903), Francia, pittore. Esponente di rilievo della pittura impressionista, fu un ‘maestro del colore’ attraverso cui espresse la profonda inquietudine interiore. Nato a Parigi, costretto a fronteggiare notevoli difficoltà economiche  cambiando spesso nazione, lavorò come attacchino di manifesti e sterratore al canale di Panama, ma non trascurò mai la sua passione: la pittura. Coi suoi viaggi arrivò a Papeete, capoluogo di Tahiti, e si stabilì in una capanna davanti all’Oceano per sfuggire alla civiltà.
Dopo il fallito suicidio con l’arsenico nel 1898, morì di sifilide a Hiva Oa nel 1903.
Pippo Baudo (1936), Italia, presentatore, conduttore, talent-scout, paroliere. Nato a Militello (CT) come Giuseppe Raimondo Vittorio Baudo, figlio di un avvocato, si laureò in legge. Sa suonare il piano e ha fatto la storia della TV italiana. Lavorò quasi sempre in RAI, a parte una parentesi a Mediaset a fine anni ’80, che risolse andandosene: come penale cedette a Berlusconi un palazzo a Roma, attuale sede di ‘Medusa Film’ e ‘TG5′. Presentò il Festival di Sanremo ben 13 volte (’68-’08), 172 spettacoli TV (’59-’19, fra cui “Fantastico” e “Canzonissima”), 32 spettacoli radiofonici, partecipò a 13 film, 4 fiction e 4 spettacoli teatrali, pubblicò 9 libri, 1 album e 2 singoli, scrisse per altri 15 canzoni, fu testimonial di 12 grandi marchi pubblicitari. Commendatore al merito della Repubblica Italiana, vinse 14 ‘Telegatti’ e 12 ‘Premi Regia Televisiva’. Che dire di più? Immenso.
Tom Jones (1940), Galles, cantante. Artista internazionale che ha venduto più di 100 milioni di dischi guadagnando, nell’89, la stella sulla mitica “Hollywood Walk of Fame”.
Nato a Pontypridd come Thomas Jones Woodward, fece il muratore, l’operaio e il venditore porta a porta, per mantenere la giovane moglie e il figlio Mark, mentre di notte cantava nei pub. Nominato nel ’99 “Ufficiale dell’Ordine dell’Impero Britannico” dalla regina Elisabetta, l’anno seguente Clinton lo chiamò a esibirsi per il Capodanno 2000 a Washington.
Enrico Montesano (1945), Italia, attore e regista. Interprete molto versatile, è uno dei più importanti personaggi dello spettacolo a cavallo tra XX e XXI secolo. Spaziò dal teatro alla TV al cinema, protagonista di 71 film (di cui 8 in TV), 28 spettacoli teatrali, 15 programmi TV e 3 in radio, pubblicò anche 3 libri e, in musica, 9 album e 15 singoli. Tifoso della Lazio, è sposato con Teresa Trisorio da cui ha 2 figli (Michele Enrico, Marco Valerio), cui si aggiungono altri 4 figli più grandi (Tommaso, Oliver, Lavinia, Mattia), avuti da precedenti unioni. A loro si aggiungono anche tre nipoti.
Prince (1958-2016), Usa, cantante e musicista. Prince Rogers Nelson, detto “il folletto di Minneapolis” per la statura (158 cm), fu osannato come “re del pop” e in carriera vendette circa 80 milioni di dischi. Artista poliedrico, restò profondamente legata alla tradizione nera, ma la sua musica risentì degli echi funk, rock classico e pop, ma anche di rap e rock sinfonico. Col successo di “Purple Rain” (’84), raggiunse contemporaneamente la 1^ posizione nelle classifiche di singoli, album e film; il brano “When doves cry” vinse 1 Golden Globe come ‘miglior canzone originale’, il film vinse l’Oscar per la “miglior colonna sonora”.

 

Print Friendly, PDF & Email