Venerdì 6 dicembre, 340° giorno dell’anno, 49^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 25 giorni

0
410
L'incendio all'acciaeria Thyssen-Krupp di Torino avvenne il 6 dicembre 2007

FRASE DEL GIORNO – Ognuno di noi è una luna. Ha un lato oscuro che non mostra mai a nessun altro. (Mark Twain)

SANTI DEL GIORNO – San Nicola di Mira (di Bari, Vescovo, protettore di naviganti, pellegrini, pescatori, profumieri, poveri e scolari), Sant’Asella di Roma (Vergine), Santi Dionisia, Dativa, Leonzia, Terzo, Emiliano, Bonifacio, Maiorico e Servo (Martiri),  Sant’Obizio da Niardo.

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1768 prima edizione dell’Enciclopedia Britannica. Considerata per oltre 2 secoli la fonte più autorevole del sapere universale, l’Enciclopedia Britannica vide la luce nel ‘secolo dei lumi’ per opera di 2 scozzesi: il libraio Colin Macfarquhar e l’incisore Andrew Bell. I due, dietro lo pseudonimo “Society of Gentlemen”, pubblicarono l’opera nell’arco di 3 anni, divisa in 100 parti e 3 volumi, con 2.391 pagine e 160 illustrazioni. Dalla fine degli anni ’90 venne riprodotta in versione digitale e sul web.

Nel 2007 incendio all’acciaieria Thyssen-Krupp di Torino. All’una di notte, sulla linea 5, si scatenò un drammatico incendio che investì 8 operai in servizio. All’origine del disastro la fuoriuscita di olio bollente, utilizzato per raffreddare i laminati. Inutile l’uso degli estintori: a contatto con l’idrogeno liquido e l’olio, il getto d’acqua provocò una spaventosa fiammata che trasformò in torce umane gli operai. Morirono in sette: Antonio SchiavoneRoberto Scola, Angelo Laurino, Bruno Santino, Rocco Marzo, Rosario Rodinò, Giuseppe Demasi. Sopravvisse solo Antonio Boccuzzi, che ancora oggi non dimentica.
Dalle indagini emerse che un incidente simile si era verificato nel 2003: 4 giorni per spegnere l’incendio, senza conseguenze per gli operai. Per questo la proprietà tedesca aveva deciso di chiudere la fabbrica torinese, trasferendo la produzione a Terni, ma la chiusura slittò a giugno 2008. Destino. L’accordo tra azienda e familiari delle vittime, cui fu riconosciuto un risarcimento di 13 milioni di euro, non fermò il processo. La sentenza di 1° grado condannò l’a.d. a 16 anni e 6 mesi, per altri 5 dirigenti pene tra 10 e 13 anni.
La Corte d’Appello però modificò il giudizio, derubricando il reato di omicidio da ‘volontario’ a ‘colposo’, e ridusse le pene (9 anni e 8 mesi, 6 anni e 10 mesi). La Cassazione confermò. I quattro dirigenti italiani stanno scontando la pena, i due tedeschi no: l’iter di applicazione della sentenza si è fermato nei tribunali teutonici. E poi ci fanno la morale…..

NATI DEL GIORNO – Antonella Clerici (1962), Italia, giornalista e conduttrice.
Star della TV tra le più amate dal pubblico italiano, è nata a Legnano (MI). Debuttò in RAI con il calcio, conducendo “Dribbling” e “Domenica Sprint” (’89-’96). Lasciato lo sport si avvicinò “ai fornelli” e si consacrò con “La prova del cuoco”, condotta dal 2000 al 2018. Trascinata dal successo di programmi in prima serata, tra cui “Il treno dei desideri” e “Ti lascio una canzone”, condusse l’edizione 2010 del Festival di Sanremo. Nell’autunno ’18 lasciò la cucina di RAI 1 per il ‘remake’ di “Portobello”, programma lanciato da Enzo Tortora. Nella vita privata la Clerici sposò il cestista Giuseppe Motta (’89-’91) e Sergio Cossa (’00-’05), cui seguirono le relazioni con Paolo PercivaleEddy Mertens (di 13 anni più giovane e padre della figlia Maelle, nata nel ’09) e con l’attuale compagno Vittorio Garrone, patron della ERG. La famiglia abita ad Arquata Scrivia (AL).

Irene Grandi (1969), Italia, cantante. Anima fiorentina del rock femminile, partita dai pub e oggi protagonista dei grandi palcoscenici. Nata a Firenze, dopo la gavetta a 25 anni fu una delle “Nuove Proposte” di Sanremo ’94 con “Fuori”, ma il successo arrivò l’anno dopo con “Bum Bum”, “In vacanza da una vita” e “Dolcissimo amore”. Gli anni Duemila la videro trionfare sul palco dell’Ariston (2^ al Festival ’00 con “La tua ragazza sempre”) e al Festivalbar, dove arrivò sul podio con hit vincenti come “Lasciala andare” (’05) e “Bruci la città” (’07). La Grandi ha venduto 5 milioni di dischi ed è la prima donna ad aver interpretato un intero album natalizio in Italia. In carriera ebbe collaborazioni con Vasco Rossi, Jovanotti, Pino Daniele e scrisse l’autobiografia “Diario di una cattiva ragazza” (’08).

 

 

Print Friendly, PDF & Email