Domenica 28 giugno, 180° giorno
dell’anno, 26^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 186 giorni (bisestile)

0
1050
Pietro Mennea a Mexico City nel giorno del suo primato mondiale, 19"72, sui 200 m

FRASE DEL GIORNO La mia longevità sportiva è un punto d’orgoglio perché è figlia di sacrifici, fatica, allenamenti massacranti. (Pietro Mennea)

SANTI DEL GIORNO – Sant’Ireneo di Lione (Vescovo e Martire), San Paolo I (Papa),  Santa Vincenza Gerosa (Vergine), Sant’Argimiro di Cordova (Martire), Sant’Attilio (Soldato e Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1846 brevettato il sassofono. Se la musica jazz ha conosciuto sonorità immortali di artisti fenomenali, il merito va al belga Antoine Joseph Sax, che ereditò dal padre l’arte di costruire strumenti musicali, iniziò a sperimentare nuove varianti di strumenti già esistenti e arrivò nel 1840 alla sua più grande invenzione, il sassofono, brevettato a Parigi nel 1846 e a cui diede il suo nome. Il brevetto includeva 14 varianti del modello base, raggruppate in due categorie da 7 strumenti ciascuna (dal ‘sopranino’ al ‘contrabbasso’). Il sassofono fu inserito, ed è ancora, nella famiglia dei legni e non degli ottoni poiché, nonostante il corpo dello strumento sia normalmente di ottone, ha tra i suoi antenati flauto e clarinetto, da cui ereditò la struttura.
Nel 1914 assassinato a Sarajevo l’arciduca d’AustriaFrancesco Ferdinando, erede al trono dell’Impero austro-ungarico, in visita a Sarajevo con sua moglie Sofia, rimase vittima di un attentato in cui lo studente Gavrilo Princip esplose due colpi di pistola che ferirono mortalmente la coppia reale. La notizia dell’attentato scosse l’Europa e nel giro di un mese scoppiò la Prima guerra mondiale, nota anche come “Grande Guerra”. L’omicida morì in carcere di tubercolosi con un complice, gli altri 3 finirono impiccati.
Nel 1946 De Nicola 1° capo dello Stato italiano. Dopo il referendum che premiò la Repubblica, l’Assemblea Costituente ritenne opportuno designare, come Capo dello Stato provvisorio, una figura che fosse in grado di mediare tra le diverse anime del Paese e raccogliesse il maggior consenso possibile. Qualità che furono individuate in Enrico De Nicola, avvocato napoletano di idee liberali giolittiane, già Presidente della Camera.

NATI FAMOSI – Luigi Pirandello (1867-1936), Italia, scrittore e poeta. Nacque ad Agrigento, morì a Roma e vinse il premio Nobel per la Letteratura nel ’34 “per il suo coraggioso e ingegnoso rinnovamento dell’arte drammatica e teatrale”. Massimo esponente della Letteratura italiana del ‘900, considerato uno dei più grandi drammaturghi mondiali del XX secolo, fu padre del ‘relativismo psicologico’, secondo cui l’uomo non può capire né se stesso né gli altri, poiché ognuno vive portando, consapevolmente o no, una maschera che copre personalità diverse e inconoscibili.
Muhammad Yunus (1940), India, finanziere. Soprannominato il ‘banchiere dei poveri’, fu l’ideatore del ‘microcredito moderno’, concepito per dare sostegno agli imprenditori più poveri, ignorati dalle banche tradizionali. Nato a Chittagong (Bengala), studiò e insegnò economia negli Usa, poi nel ’74, scosso dall’estrema povertà dell’India, decise di investire nella piccola imprenditoria locale, attraverso la fondazione della ‘Grameen Bank’, prima banca al mondo a prestare soldi basandosi non sulla solvibilità del cliente, ma sulla fiducia. Il ‘sistema Yunus’ creò negli anni un circolo virtuoso, sensibilizzando anche la Banca Mondiale sulla pratica del microcredito. Nel ’06 lui e la Grameen Bank ricevettero il Nobel per la Pace, grazie ai loro “sforzi per creare lo sviluppo economico e sociale dal basso”.
Marco Columbro (1950), Italia, presentatore. Toscano di Viareggio (LU), fu a lungo uno dei volti più noti delle reti Mediaset. Iniziò a teatro a metà anni ’70, poi continuò in TV come conduttore di varietà, spesso a fianco di Lorella Cuccarini, con la quale presentò la maratona di beneficenza “Trenta ore per la vita”. Un aneurisma cerebrale nel 2001 ne rallentò la carriera televisiva.
Pietro Mennea (1952-2013), Italia, velocista. Nato a Barletta come Pietro Paolo Mennea, figlio di un sarto e di una casalinga, a 15 anni, su uno stradone di Barletta, sfidò in velocità una Porsche e un’Alfa 1750 sui 50 metri, battendo entrambe e guadagnando 500 lire per pagarsi il cinema o il panino. Mennea fu campione olimpico dei 200 m a Mosca ’80 e detentore del primato mondiale di specialità dal ’79 al ’96, col tempo di 19″72, tuttora primato europeo. Il suo 10″01 sui 100 m, stabilito a Città del Messico il 4 settembre ’79, rimase record italiano fino al 22 giugno ’18 quando il 20enne Filippo Tortu fermò il cronometro a 9’99, primo italiano sotto i 10 secondi. Nella storia dell’atletica leggera “la Freccia del Sud” (il suo soprannome) fu l’unico duecentista a qualificarsi per 4 finali olimpiche di fila. Il suo medagliere è completato da 2 bronzi Olimpici, 1 argento e 1 bronzo Mondiali, 3 ori, 2 argenti e 1 bronzo Europei. Dopo aver appeso le scarpette da corsa, svolse attività politica (parlamentare europeo dal ’99-’04), scrisse molti saggi di vari argomenti ed esercitò come avvocato e commercialista, con le sue 4 lauree (scienze politiche, legge, scienze motorie, lettere). Morì a Roma il 21 marzo ’13.
Sabrina Ferilli (1964), Italia, attrice. Romana doc, bellissima e sensuale, comunista e romanista, nel ’01 fece uno spogliarello al ‘Circo Massimo, per festeggiare lo scudetto della sua squadra, davanti a centinaia di migliaia di tifosi. Interprete di 42 film, 41 serie e programmi TV, nel ’13 fu nel cast de “La grande bellezza” di Sorrentino, che vinse l’Oscar come “miglior film straniero”. In carriera vinse 5 Nastri d’argento, 1 Globo d’Oro, 4 Ciak d’Oro ed ebbe 4 candidature ai David di Donatello.

Print Friendly, PDF & Email