Lunedì 6 luglio, 188° giorno
dell’anno, 28^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 178 giorni (bisestile)

0
1374
Tientsin Gyatso, XIV Dalai Lama del Tibet attualmente in carica, compie oggi 85 anni

FRASE DEL GIORNO – Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani. Perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere. (Dalai Lama)

SANTI DEL GIORNO – Santa Maria Goretti (Vergine e Martire, protettrice delle ragazze), Sant’Isaia (Profeta), San Palladio (Vescovo degli Scoti), San Romolo di Fiesole (Vescovo e Martire), San Sisoes il Grande (Eremita), San Tranquillino di Roma (Martire), Santa Domenica (Ciriaca, Venerata a Tropea).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1785 gli Usa adottarono il dollaro. Nove anni dopo la  Dichiarazione d’indipendenza, con la Guerra civile in corso, il Congresso stabilì che gli Stati Uniti dovevano avere una moneta propria. La scelta cadde sul ‘dollaro’, il cui nome riprese quello del ‘doleras’, moneta d’argento delle colonie spagnole e del nord America. L’adozione del dollaro ($) segnò un primato storico: per la prima volta una nazione adottò una valuta col sistema decimale. All’inconfondibile colore “verde”, adottato all’inizio, si sono aggiunti dal 2003 altri colori anti-contraffazione ($ 10, 20, 50).
Nel 1885 primo test sull’uomo del vaccino antirabbico. Fino ad allora il morso di un cane ‘idrofobo’ era fatale e si finiva all’altro mondo dopo giorni di atroci sofferenze. L’idrofobia era molto diffusa in Europa ad inizio XIX secolo, ma il chimico e biologo francese Louis Pasteur scoprì la cura adatta, intuendo il modo in cui il virus si propagava negli organismi, scatenando la malattia. Intenzionato a testarlo su di sé, dopo i risultati positivi sugli animali, si trovò costretto a provarlo per la prima volta su un caso disperato: un bambino alsaziano di 9 anni, Joseph Miester, era ridotto allo stremo delle forze. Nel laboratorio di rue d’Ulm, a Parigi, gli fu somministrata la prima dose (di 12) del vaccino antirabbico, che gli salvarono la vita. La notizia fece il giro del mondo e nell’arco di 3 mesi vennero vaccinate circa 2.500 persone. Destinatario di riconoscimenti e onori da tutta Europa, Pasteur, poco prima di morire, vide intitolare a suo nome l’Istituto antirabbico.

NATI DEL GIORNO – Frida Kahlo (1907-1954), Messico, pittrice. La più popolare artista sudamericana di sempre, protagonista della scena artistica internazionale ad inizio ‘900.
Nata a Coyoacán, e qui morta, Magdalena Carmen Frieda Kahlo y Calderón fu influenzata nello stile artistico da due eventi della propria esistenza: un grave incidente, che la costrinse a stare a letto per diversi anni e a prediligere il genere dell’autoritratto, in cui rappresentava spesso il suo corpo martoriato e sofferente, e il rapporto tormentato con il marito e pittore Diego Rivera, maestro del muralismo messicano.
Tenzin Gyatso (1935), Tibet, monaco. Di religione buddista, è il 14° Dalai Lama (“oceano di saggezza”), massima autorità istituzionale e religiosa del Governo del Tibet in esilio (perché fondato in India a seguito della repressione cinese). Nato a Taktser, fu costretto a rifugiarsi in India dal feroce massacro perpetrato dall’esercito comunista cinese nel ’59; là, con 120.000 tibetani, diede vita a un governo in esilio, diventando il primo Dalai Lama costretto a vivere, a tempo indefinito, fuori dalla propria terra. Sostenitore del dialogo e della non-violenza per la liberazione del Tibet, nell’89 ricevette il Nobel per la pace. Appoggiato da molte celebrità di Hollywood, tra cui Richard Gere, Harrison Ford e Barbra Streisand, il Dalai Lama si dimise da capo del governo tibetano in esilio nel 2011.
Sylvester Stallone (1946), Usa, attore. Nato a New York, è anche sceneggiatore e regista nonché icona dei film d’azione, interprete di due personaggi che hanno segnato la storia del cinema: “Rocky Balboa” (saga di 8 film) e “John Rambo” (saga di 5 film). Dall’84 ha la stella sulla ‘Hollywood Walk of Fame’, ma la sua storia familiare è un mix di povertà e immigrazione: figlio di emigranti italiani baresi (di Gioia del Colle), padre barbiere e madre astrologa, grazie allo sport superò l’infanzia infelice e riuscì a iscriversi al corso di arte drammatica presso l’Università di Miami. Dopo aver accettato piccole parti in film di bassa categoria, nel ’76 fu protagonista di “Rocky”, che gli valse una nomination agli Oscar come “miglior attore protagonista”. Gli anni ’80, segnati dall’uscita del primo capitolo dell’altra saga di successo, “Rambo”, videro nascere una presunta rivalità con un altro “duro” del cinema, Arnold Schwarzenegger, che nella vita reale divenne invece suo grande amico. Nel ’16 vinse il Golden Globe come “migliore attore non protagonista” (sfiorando l’Oscar) con “Creed, nato per combattere”, nei panni di Rocky Balboa allenatore. Gli ultimi capitoli delle 2 serie sono “Creed II” (’18) e “Last Blood” (’19).

Print Friendly, PDF & Email