Domenica 26 gennaio, 26° giorno dell’anno, 4^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 340 giorni (bisestile)

0
1601
José Mourinho, lo 'Special One', solleva la Champions che sancì il 'triplete' dell'Inter nel 2010

FRASE DEL GIORNOUn vincente non è mai stanco di vincere e io non voglio perdere mai. (José Mourinho)

SANTI DEL GIORNO – Santi Timoteo e Tito (Vescovi), Santa Paola Romana (Vedova), San Teogene di Ippona (Martire), Sant’Alberico di Citeaux (Abate).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1956 inizio delle Olimpiadi di Cortina d’Ampezzo.
Furono le prime in Italia: arrivarono 821 atleti da 32 paesi, per gareggiare in 24 competizioni di 4 sport (bob, hockey su ghiaccio, pattinaggio e sci). Due furono le novità importanti di questa edizione: il debutto ai Giochi invernali dell’URSS e la trasmissione televisiva delle gare. Il medagliere vide primeggiare i sovietici con 16 medaglie (7 ori) mentre il bottino azzurro si limitò al bob con un 1 oro e 2 argenti. Nel 2026, esattamente 70 anni dopo, i Giochi Olimpici Invernali torneranno in Italia, a Cortina e Milano.

NATI FAMOSIPaul Newman (1925-2008), Usa, attore. “Gli occhi blu più famosi di Hollywood, uno degli attori più affascinanti della storia del cinema. Vinse 3 Oscar, 7 Golden Globe e 1 Emmy Award, oltre a ricevere una stella sull’Hollywood Walk of Fame.
Assieme a Ennio Morricone, Henry Fonda e Laurence Olivier, detiene il singolare primato di aver ricevuto l’Oscar prima alla carriera e poi come vincitore tra i candidati.
Eddie Van Halen (1955), Olanda, musicista. Uno dei big assoluti della chitarra, che rivisitò in chiave originale, sia nel modo di suonarla, sia per le sonorità inedite che ne derivarono, facendo scuola nel genere ‘rock’ ed ‘heavy metal’. Nato ad Amsterdam come Edward Lodewijk van Halen, prese confidenza con la chitarra da adolescente, ispirato dal fratello maggiore Alex, col quale lasciò l’Olanda per gli USA, dove fondò la band Van Halen.
Dalla fine degli anni ’70, con il successo della band, emerse l’innovativa tecnica di Eddie, in particolare il ‘tapping’, cioè suonare la chitarra con entrambe le mani sulla tastiera.
Tra i suoi meriti anche la creazione della ‘Frankenstrat’, nuovo tipo di chitarra che unì il suono di una ‘Gibson’ agli aspetti strutturali di una ‘Fender’.
Gian Piero Gasperini (1958), Italia, ex-giocatore e allenatore di calcio. Nato a Grugliasco (TO), giocò centrocampista in serie A, B e C (524-49). Le 615 panchine, invece, sono divise fra Crotone, Genoa, Inter, Palermo e Atalanta e dal 2007 allena ininterrottamente nella massima categoria. Tra le vittorie da ricordare 1 campionato di B (Pescara) e 1 di C2 Vis Pesaro) da giocatore e il Torneo di Viareggio ’03 (Juventus) da allenatore.

José Mourinho (1963) Portogallo, allenatore di calcio. “The Special One”personaggio straordinario, fra gli allenatori più vincenti della storia. Nato a Sétubal come José Mário dos Santos Mourinho Félix, si ritirò dal calcio giocato a 24 anni e si dedicò alla panchina. Dopo un ventennio da vice fra Portogallo e Spagna, guidò Benfica, Uniao Leiria, Porto, Chelsea, Inter, Real Madrid, ancora Chelsea, Manchester United e Tottenham, che ad oggi portano il suo numero di panchine a 925. Vinse 2 scudetti, 1 Coppa e 1 Supercoppa portoghesi (Porto), 3 scudetti inglesi (Chelsea), 4 Coppe di Lega inglesi (3 Chelsea, 1 Manchester), 2 Community Shields (Chelsea, Manchester), 1 Coppa d’Inghilterra (Chelsea), 2 scudetti, 1 Coppa e 1 Supercoppa in Italia (Inter), 1 scudetto, 1 Coppa e 1 Supercoppa in Spagna (Real Madrid), 2 Champions League (Porto, Inter), 2 Europa League (Porto, Manchester).
In tutto 25 ‘tituli’, come li chiama lui, cui vanno aggiunti 33 prestigiosi premi individuali e il favoloso ‘triplete’ con l’Inter ’09-’10. Professore di educazione fisica, cattolico, considerato uno dei migliori allenatori al mondo sotto il profilo comunicativo e motivazionale, parla 6 lingue: portoghese, inglese, italiano, francese, spagnolo e catalano.

Alessandra Sensini (1970), Italia, ex-velista. Nata a Grosseto, specializzata nel windsurf, alle Olimpiadi vinse 1 oro, 1 argento e 2 bronzi, che vanno sommati a 4 ori e 3 argenti Mondiali più 5 ori, 3 argenti e 1 bronzo Europei. Dopo il ritiro del 2014 diventò direttore tecnico della Nazionale giovanile di Vela e dal ’17 è vicepresidente del CONI.

 

Print Friendly, PDF & Email