Lunedì 25 maggio, 146° giorno
dell’anno, 22^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 220 giorni (bisestile)

0
1328
La saga di "Guerre Stellari", iniziata nel 1977, ha visto uscire al cinema ben 11 episodi

FRASE DEL GIORNO – Per i campioni sportivi, niente fumo, niente vino e niente donne. Ma allora che vincono a fare? (Totò)

SANTI DEL GIORNO – San Beda detto il Venerabile (Sacerdote e Dottore della Chiesa, protettore degli studiosi), San Gregorio VII (Papa), Sant’Agostino Caloca Cortes (Sacerdote e Martire), San Canio (Canione) di Atella (Vescovo e Martire), San Gerio (Venerato a Montesanto), San Senzio di Bieda (Martire), San Zanobi (Zenobio, Vescovo di Firenze), Sant’Adelmo (Abate e vescovo), Santa Maddalena Sofia Barat (Vergine).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1977 uscì Guerre Stellari“È un periodo di guerra civile. Navi spaziali ribelli, colpendo da una base segreta, hanno ottenuto la loro prima vittoria contro il malvagio impero galattico”. Così cominciò il film: fu l’inizio del primo atto di una saga che dischiuse nuovi orizzonti del genere ‘fantascienza’.  Tra mito e antica spiritualità si collocava l’organizzazione monastica degli Jedi (derivato dal termine giapponese jidaigeki, usato per i drammi storici con protagonisti i samurai), impegnati a mantenere pace e giustizia nell’universo concepito da Lucas. Ma il suo progetto non convinceva le ‘Majors’: dopo il rifiuto di ‘Universal’ e ‘United Artists’, Lucas ottenne un budget di 8 milioni di dollari dalla ‘Twentieth Century Fox’, più i futuri diritti sul merchandising, settore ancora inesplorato all’epoca. Poi passò al cast, che compose con attori più o meno noti, terminandolo con la scelta di un inserviente ospedaliero, Peter Mayhew, alto 2.20 m, perfetto per la parte di Chewbecca, il peloso co-pilota della nave spaziale ‘Millennium Falcon’. Dopo continui ritardi e sforamenti di budget, i produttori imposero i tempi a Lucas, prevedendo il lancio per la primavera ’77 ma temendo il ‘flop’, per le critiche di molti addetti ai lavori che lo giudicavano un prodotto per bambini.
E invece… la gente uscì per strada stropicciandosi gli occhi per l’esperienza vissuta, e cominciando a familiarizzare con il tema musicale principale e passaggi memorabili come “Che la forza sia con te!”. Nacque così un fenomeno destinato a durare negli anni, mentre per la ‘Twenthieth Century Fox’ fu una gallina dalle uova d’oro che incassò oltre 775 milioni di dollari, di cui ben 461 milioni solo negli USA. L’exploit del botteghino anticipò il trionfo ai Premi Oscar del ’78: con 10 ‘nominations’, portò a casa 7 statuette (costumi, sonoro,  scenografia, montaggio, effetti speciali, colonna sonora, più l’Oscar speciale a Ben Burtt per gli effetti sonori). Nell’80 e nell’83 uscirono i due ‘sequel’, “L’impero colpisce ancora” e “Il ritorno dello Jedi”, che conclusero l’iniziale trilogia che Lucas aveva in mente, ma che poi si rivelò la seconda parte dello sviluppo della storia. Infatti essi divennero gli episodi Iv, V, VI, mentre tra il ’99 e il ’05 uscirono 3 tre ‘prequel’, gli episodi I, II, III: “La minaccia fantasma”, “L’attacco dei cloni” e “La vendetta dei Sith”. Passati 10 anni seguirono altri 3 film della popolarissima saga, e cioè “Il risveglio della Forza” (’15), “Gli ultimi Jedi” (’17), “L’ascesa di Skywalker” (’19), alternati con 2 episodi della serie ‘Anthology’: “Rogue One: a Star Wars Story” (’16) e “Solo: a Star Wars Story” (’18).

NATI FAMOSI – Enrico Berlinguer (1922-1984), Italia, politico. Fu lo storico segretario del Partito Comunista Italiano, stimato da alleati ed avversari per lo spiccato rigore morale e la profonda passione per la politica. Sardo di Sassari e con lontane origini aristocratiche, fu presentato dal padre a Togliatti, riscuotendone da subito la fiducia e assumendo prestigiosi incarichi nel partito. Fautore di un’evoluzione liberale e indipendente del PCI da Mosca e dall’URSS, morì di ictus nel giugno ’84, durante un comizio a Padova.
Gaetano Scirea (1953-1989), Italia, calciatore e allenatore. Nato a Cernusco sul Naviglio (MI) e morto a Babsk (Polonia), giocò da libero con Atalanta e Juventus, vincendo con quest’ultima 7 scudetti, 2 Coppe Italia, 1 Coppa UEFA, 1 Coppa dei Campioni, 1 Coppa delle Coppe e 1 Coppa Intercontinentale. In Nazionale totalizzò 78 presenze e 2 gol e vinse il Mondiale del 1982 in Spagna.
Stefano Baldini (1971), Italia, maratoneta. Nato a Castelnovo di Sotto (RE), vinse l’oro Olimpico della maratona ad Atene ’04. E’ ancora suo il primato italiano di 2h7’22” stabilito alla maratona di Londra il 23 aprile ’06. Durante la carriera, terminata dopo Pechino ’08, vinse anche 2 bronzi Mondiali e 2 ori Europei, più 2 ori Mondiali di mezza maratona.

Print Friendly, PDF & Email