Sabato 21 dicembre, 355° giorno dell’anno, 51^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 10 giorni

0
460
Il famoso 'rovescio a 2 mani' della grande tennista americana Chris Evert

FRASE DEL GIORNO – Meditare bisogna su ciò che procura la felicità, poiché se essa c’è abbiamo tutto, se essa non c’è facciamo tutto per possederla. (Epicuro)

SANTI DEL GIORNO – San Pietro Canisio (Sacerdote e Dottore della Chiesa), San Glicerio di Nicomedia (Martire), San Michea (Profeta), San Temistocle di Licia (Martire), Sant’Anastasio il Giovane (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1900 Landsteiner scoprì i gruppi sanguigni. Nei secoli passati subire una trasfusione di sangue voleva dire, nel 90% dei casi, andare incontro a morte certa, tranne rarissimi casi. E nessun medico si spiegava il perché. A fare chiarezza fu un biologo austriaco, Karl Landsteiner, che nel dicembre del 1900 scoprì che a distinguere i tipi di sangue era la capacità di agglomerare i globuli rossi. Di qui la classificazione in quattro gruppi sanguigni umani: A, B, AB e 0. La straordinaria scoperta gli valse, nel 1930, il premio Nobel per la medicina e la fisiologia. Più tardi, in collaborazione con il medico americano Alexander Wiener, individuò nel sangue un antigene, di carattere ereditario, chiamato “fattore Rh” o “fattore Rhesus”. Il gruppo sanguigno che lo conteneva venne denominato “Rh positivo”, in caso di assenza “Rh negativo”.
Nel 1913 le prime parole crociate. Nel supplemento domenicale del quotidiano ‘New York World’ (di proprietà di Joseph Pulitzer, cui è dedicato il premio omonimo) il giornalista britannico Arthur Wynne pubblicò un nuovo gioco enigmistico denominato “word-cross puzzle”. A distanza di tempo fu considerato il primo esempio di “parole crociate”.
Nel 1937 primo lungometraggio Disney. La prima assoluta di “Biancaneve e i sette nani” fu proiettata al Carthay Circle Theater di Los Angeles (“Snow White and the Seven Dwarfs”). Ispirato alla celebre fiaba dei fratelli Grimm, fu il 1° lungometraggio prodotto dal genio insuperabile di Walt Disney e il 1° film d’animazione completamente a colori.
Ebbe 1 candidatura agli Oscar del ’38 per la “miglior colonna sonora” e permise a Walt Disney di conquistare l’anno seguente l’Oscar alla carriera.

NATI DEL GIORNO – Jane Fonda (1937), Usa, attrice. Nata a New York, è figlia d’arte: suo padre, il grande Henry Fonda, star del genere western, la introdusse nell’ambiente di Hollywood, dove Jane esordì nel ’60. Salì alla ribalta come ‘sex symbol’ grazie al film  “Barbarella” (‘68), conquistando nel ’72 il 1° Oscar come “migliore attrice protagonista” di “Una squillo per l’ispettore Klute”. Negli anni ’70 fu attivista politica contro la guerra del Vietnam e recitò in “Tornando a casa” (’79), che le portò il 2° Oscar. Vincitrice di 6 Golden Globe e 1 Emmy Award, tra le sue passioni c’è anche l’aerobica, su cui tenne corsi attraverso una collana di home-video. Nel 2017 partecipò, fuori concorso, alla Mostra del cinema di Venezia col film “Le nostre anime di notte”, di cui fu protagonista con Robert Redford. In quell’occasione a entrambi fu assegnato il Leone d’oro alla carriera.

Frank Zappa (1940-1993), Usa, musicista. Artista di straordinario talento, è annoverato tra i maggiori compositori del ‘900. Nato a Baltimora (Maryland) e morto a Los Angeles nel ’93, fu noto come chitarrista e direttore d’orchestra, lavorando anche nel cinema come regista, sceneggiatore e attore. Con la sua band “The Mothers of Invention” scrisse un pezzo di storia del rock, grazie ad album come “Freak Out!” (’66). Carattere poliedrico, si districò in contesti musicali vari come rock, blues, jazz e musica classica.

Chris Evert (1954), Usa, ex-tennista. Nata a Fort Lauderdale (Florida), negli anni ’70 e ’80 fu una grande campionessa di tennis, tra le migliori di tutti i tempi. Da quando vinse a 19 anni il Roland Garros, inanellò una serie impressionante di successi: 7 Open di Francia (+ 1 in doppio), 6 US Open, 3 Wimbledon (+ 1 in doppio), 2 Australian Open e 5 Internazionali d’Italia. In quasi 20 anni di carriera vinse il 90% delle gare disputate (1304 su 1448), percentuale che non ha eguali nemmeno in campo maschile, vinse 125 matches di fila sulla stessa superficie, rimanendo imbattuta sulla terra per 6 anni, dal ’73 al ’79 (record imbattuto) e vinse almeno 1 prova del Grand Slam per 13 anni consecutivi, dal ’74 all’86 (record assoluto). Fu numero 1 del mondo per 7 anni (’74-’78 e poi ’80-’81).
Nella vita privata ebbe molte relazioni con personaggi famosi, sposò il tennista John Lloyd,  divorziò nell’87 e sposò lo sciatore Andy Mill (’88). Ebbero 3 figli: Alexander James (’91),  Nicholas Joseph (’94) e Colton Jack (’96). A dicembre ’06 divorziarono, e la Evert  pagò all’ex marito 7 milioni $ in contanti e gli lasciò la casa di Aspen (Colorado) del valore di 4 milioni. Nel 2008 sposò il golfista australiano Greg Norman, ma divorziò l’anno dopo.

Print Friendly, PDF & Email