Sabato 2 novembre, 306° giorno
dell’anno, 44^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 59 giorni

0
498
L'inimitabile Gigi Proietti mentre racconta una barzelletta, una delle sue specialità

FRASE DEL GIORNO – Potrei esserti amico in un minuto, ma se non sai ridere mi allontano. Chi non sa ridere mi insospettisce. (Gigi Proietti) 

SANTI DEL GIORNOCommemorazione di tutti i defunti. Santi Acindino (Acendino), Pegasio, Aftonio, Elpidiforo, Anempodisto e compagni (Martiri in Persia).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1898 nacquero le cheerleadersJohnny Campbell, giovane studente di medicina del Minnesota, entrò nella storia il 2 novembre per aver dato vita al fenomeno del ‘cheerleading’, tipo di esibizione tra ginnastica e danza che precede incontri sportivi, oggi considerato uno sport a tutti gli effetti con gare specifiche. Se si pensa che attualmente è praticato per il 97% da donne, desta enorme sorpresa scoprire che sia stato un uomo a praticarlo per primo, in pantaloncini e gilet. Lo spettacolo piacque a tal punto che venne ripetuto per tutto il campionato, denominando il gruppo ‘cheerleader’  (da cheer, “evviva”). L’ingresso delle ragazze ci fu dal 1923 e il loro successo iniziò con la comparsa delle prime coreografie eseguite con i tradizionali ‘pon pon’.
Nel 1975 avvenne il ‘Delitto Pasolini’. All’alba, nei pressi dell’idroscalo di Ostia, fu ritrovato da alcuni residenti il corpo senza vita di Pasolini, martoriato e quasi irriconoscibile per i colpi subiti. Un delitto efferato di cui fu accusato Pino Pelosi, fermato poco prima dai carabinieri. Il movente sembrava a sfondo sessuale, ma la dinamica dell’omicidio, con altri elementi, fecero emergere più tardi un’altra verità: ad ammazzarlo furono più persone e il movente non era certo sessuale. Lo stesso Pelosi, nel 2005 in TV, confessò di non esser stato lui e di aver taciuto per paura di ritorsioni nei confronti della sua famiglia. Sulla base di queste dichiarazioni la Procura di Roma riaprì il caso, ma per mancanza di ulteriori prove archiviò di nuovo. Resta un velo d’ombra sulla morte di un intellettuale “scomodo” per i suoi tempi, che nelle opere e nelle interviste non mancava mai di denunciare il potere omologante della società dei consumi e dei mezzi di comunicazione di massa come la TV.

NATI DEL GIORNO – Burt Lancaster (1913-1994), Usa, attore. Dotato di straordinario fascino e di vis drammatica, Burton Stephen Lancaster nacque a New York e crebbe ad  Harlem, quartiere difficile. Da giovane aveva una sola, grande, passione: fare l’acrobata. Per questo si diede alla vita circense, fin quando nel ’45 non fu notato, per il fisico atletico, da un agente teatrale di Broadway che gli offrì una parte in un dramma bellico. Questo genere si rivelò il più adatto alle sue doti recitative, tanto da portarlo 9 anni anni dopo alla prima nomination con “Da qui all’eternità”. L’Oscar come “migliore attore protagonista” lo vinse nel ’61, con “Il figlio di Giuda”. Seguirono altri ruoli di spessore, in “L’uomo di Alcatraz” (’63) e “Atlantic City, USA” (’81), che gli valsero altre due nomination. Il pubblico italiano lo apprezzò anche ne “La rosa tatuata” (’55, con Anna Magnani che vinse l’Oscar) e ne “Il Gattopardo” (’58) di Luchino Visconti.
Enrico Albertosi (1939), Italia, ex-calciatore. Nato a Pontremoli (MC), fu un grande portiere di calcio che giocò con Spezia, Fiorentina, Cagliari, Milan, Elpidiense per 580 presenze totali. Vinse 2 scudetti (Cagliari, Milan), 3 Coppe Italia (2 Fiorentina, 1 Milan), 1 Coppa delle Coppe, 1 Coppa delle Alpi e 1 Mitropa (Fiorentina). In Nazionale giocò 34 volte, vincendo l’Europeo ’68 a Roma e finendo 2° ai Mondiali di Mexico ’70.
Gigi Proietti (1940), Italia, attore, cabarettista, doppiatore, conduttore, regista, cantante, insegnante. Tra i migliori eredi del teatro comico di Petrolini, è uno degli attori romani più popolari. Una lunga gavetta e il felice sodalizio artistico con lo scrittore Roberto Lerici lo lanciarono nei ’70 come ‘One-Man-Show’ e da lì passò al cinema, trasferendo la sua ‘vis comica’ in personaggi che gli diedero fama col grande pubblico. Poi, oltre al teatro, fu protagonista in famose fiction TV: “Il maresciallo Rocca”, “Preferisco il Paradiso”, “Una pallottola nel cuore”. Nel 2013 uscì l’autobiografia “Tutto sommato qualcosa mi ricordo”.
Lunetta Savino (1957), Italia, attrice. Per tutti è la “Cettina” nazionale, protagonista di “Un medico in famiglia” (’98-’16), che le diede massima popolarità. Nata a Bari, dopo teatro e cinema trovò la sua dimensione nelle fiction: “Casa Martini” con Lino Banfi,  “Raccontami” e “Il figlio della luna”. Poi tornò al cinema con Ozpetek in “Saturno contro” (’07) e “Mine vaganti” (’10). Nel ’15 ottenne il “Premio Flaiano” come migliore attrice per la miniserie TV “Pietro Mennea – La freccia del Sud”.

Print Friendly, PDF & Email