Lunedì 14 settembre, 258° giorno
dell’anno, 38^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 108 giorni (bisestile)

0
1029
Breve ma intensissima fu la vita di Amy Winehouse, morta a soli 28 anni non compiuti

FRASE DEL GIORNO – Le persone pazze come me non vivono a lungo, ma vivono come vogliono. (Amy Winehouse)

SANTI DEL GIORNOEsaltazione della Santa Croce, San Crescenzio di Roma (Martire), San Materno di Colonia, Santa Placilla (Ælia Flaccilla, Imperatrice).

EVENTO DEL GIORNO – Nel 1960 istituita l’OPEC. Il prezzo della benzina, cruccio di tanti automobilisti, dipende in buona parte dalle decisioni dell’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio, meglio nota con la sigla OPEC (Organization Petroleum Exporting Countries). Venne istituita il 14 settembre ’60 nel corso di una conferenza tenuta a Baghdad dai principali paesi arabi, produttori del cosiddetto “oro nero”. Nata come risposta allo strapotere delle compagnie petrolifere straniere (“sette sorelle”), l’OPEC raccolse Arabia Saudita, Kuwait, Iran, Iraq e VenezuelaOggi conta 14 membri: ai 5 iniziali si aggiunsero Emirati Arabi, Algeria, Angola, Libia, Nigeria, Qatar, Ecuador e, dal 2017, Gabon e Guinea Equatoriale. Dal ’65 ha sede a Vienna e le principali finalità sono monitorare il prezzo del petrolio al barile e promuovere una comune politica economica. Tra i produttori di petrolio che non ne fanno parte, i maggiori sono Russia, Stati Uniti, Canada e Norvegia.

NATI DEL GIORNO – Pietro Germi (1914-1974), Italia, regista. Al di qua e al di là della cinepresa lasciò, dal neorealismo alla commedia, pagine memorabili nella storia del cinema italiano. Nato a Genova, Germi esordì sul set come attore verso la fine degli anni ’40. Con “Il ferroviere” (’56), di cui fu regista e attore protagonista, inaugurò il filone della critica sociale che in seguito declinò in altri generi: dal dramma borghese di “L’uomo di paglia” (’58) al poliziesco “Un maledetto imbroglio” (’59), ispirato al romanzo ‘Quer pasticciaccio brutto de via Merulana’. Nella commedia satirica trovò la sua dimensione ideale girando  “Divorzio all’italiana” (’61), che gli valse il “premio per la miglior commedia” a Cannes nel ’62 e, l’anno dopo, l’Oscar per la “miglior sceneggiatura originale”. Ricordato anche per aver girato “Serafino” (’68, con Adriano Celentano) e “Alfredo, Alfredo” (’72, con Dustin Hoffman), scomparve a Roma nel dicembre del ’74.
Renzo Piano (1937), Italia, architetto. Nato a Genova, è sinonimo nel mondo della grande architettura italiana. Portano la sua firma opere straordinarie sparse per il pianeta: dal Centre Pompidou di Parigi allo stadio San Nicola di Bari, dal New York Times Building a una delle torri del Centro culturale Jean-Marie Tjibaou in Nuova Caledonia. Vincitore del premio Pritzker (il “Nobel” dell’architettura) nel ’98, due anni dopo fu protagonista alla Mostra del Cinema di Venezia, dove ricevette il Leone d’oro alla carriera. Ad agosto ’13 fu nominato  senatore a vita e a settembre ’18 donò alla sua città, Genova, il progetto del nuovo ponte in sostituzione del ‘Morandi’, inaugurato all’inizio di agosto.
Franco Califano (1938-2013), Italia, cantautore. Noto come “Er Califfo”, fu uno dei parolieri più prolifici di sempre (400 canzoni), cantore dell’amore e delle dinamiche di coppia. Nato a Tripoli (Libia) da genitori campani, Francesco Califano si affermò come autore di brani per altri artisti, su tutti Mina, Mia Martini, Ornella Vanoni, Peppino di Capri.  In prima persona portò al successo “Tutto il resto è noia”, “La musica è finita” e “Un tempo piccolo“. Saltuariamente recitò come attore in fotoromanzi e film. Arrestato a 32 anni per possesso di droga, fu successivamente assolto. Ricordato come inguaribile “latin lover”  soprattutto nelle imitazioni di Fiorello e Max Tortora, il Califfo morì a Roma il 30 marzo ’13.
Amy Jade Winehouse (1983-2011), Inghilterra, cantautrice. Carriera fulgida ma brevissima quella di Amy, nata a Londra da una famiglia ebraica (padre tassista e madre farmacista). Con la sua voce e lo stile tipico del Rhythm and blues era considerata una delle esponenti del ‘soul bianco’, del quale è ritenuta precorritrice. Debuttò nel 2003 con l’album “Frank”, raggiungendo il successo con il successivo “Back to Black”, i cui singoli “Rehab”, “Love Is a Losing Game” e “Back to Black” la proiettarono in cima alle classifiche.
Al centro delle cronache mondane per i suoi eccessi (droga, alcool, disordini alimentari), nel 2011 venne trovata senza vita nella sua residenza londinese.

Print Friendly, PDF & Email