Sabato 12 ottobre, 285° giorno
dell’anno, 41^ settimana. Alla fine
del 2019 mancano 80 giorni

0
719
L'immenso Luciano Pavarotti, considerato da molti il più grande tenore di sempre

FRASE DEL GIORNO – Molti affetti sono abitudini o doveri che non troviamo il coraggio di interrompere(Eugenio Montale)

SANTI DEL GIORNO – San Serafino da Montegranaro (Religioso), San Massimiliano di Celeia (Arcivescovo di Lorch), Santi Amelio e Amico (Martiri), Santi Domnina (Donnina) di Anazarbo e Donnino (Martiri).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1492 Colombo scoprì l’America. Una data che cambiò la storia. Dopo 33 giorni di navigazione, convinto di fare rotta verso le Indie, Cristoforo Colombo approdò in un nuovo continente che più tardi prese il nome di America, in onore di Amerigo Vespucci. Il navigatore genovese, partito da Palos (Spagna) il 3 agosto con tre caravelle (Nina, Pinta e Santa Maria), non toccò la parte continentale, ma un’isola che battezzò San Salvador. In questa data, che si fa coincidere con la scoperta dell’America, si celebra il Columbus Day, festa nazionale molto sentita dagli italo-americani.
Nel 1810 nacque l’Oktoberfest. Tutto iniziò col matrimonio tra il principe Ludwig di Baviera e Teresa di Sassonia–Hildburghausen: 5 giorni di festeggiamenti con musica, balli, parate militari e buona tavola, chiusi da una corsa di cavalli. Nacque così la più popolare festa al mondo dedicata alla birra, bevanda che comparve solo nel 1818.
Nel 1931 fu inaugurato il Cristo Redentore di Rio. Una delle ‘sette meraviglie del mondo’, simbolo della città e del Brasile. La statua del Cristo Redentore, inaugurata dal presidente Getulio Vargas, è alta 38 metri e domina dalla cima del monte Corcovado lo splendido panorama della baia di Rio de Janeiro.

NATI DEL GIORNO – Eugenio Montale (1896-1981), Italia, letterato. Annoverato tra i grandi poeti del ‘900 europeo, lasciò una grande eredità letteraria tra poesia, prosa e giornalismo. Nato a Genova e scomparso a Milano nel 1981, fu il quarto italiano a vincere il Nobel per la Letteratura (1975). Ragionere appassionato di lirica, si avvicinò alla poesia da autodidatta. Le principali raccolte sono “Ossi di seppia” (1925) e “Le occasioni” (1939).
Luciano Pavarotti (1935-2007), Italia, tenore. Per il pubblico internazionale resterà per sempre ‘Big Luciano’. Nato a Modena, è ritenuto dalla maggior parte della critica il più grande tenore di tutti i tempi, sia per le capacità vocali, sia per la portata del successo riscosso in oltre 40 anni di carriera. Cantò in tutti i teatri del mondo e nella sua Modena, cui era molto legato, creò un evento internazionale a scopo benefico, il “Pavarotti & Friends”, che lo vide duettare con le grandi star del pop e del rock internazionale.
Massimo Ghini (1954), Italia, attore. Popolare al cinema e nelle fiction, romano doc e romanista, iniziò col teatro, dove lavorò con Zeffirelli e Strehler. Sul grande schermo, dopo l’esordio con “Compagni di scuola” (’88) di Carlo Verdone fu scritturato dai registi Virzì, Lizzani, Rosi, Vanzina e Muccino, diventando protagonista anche di molte serie TV.
Luca Carboni (1962), Italia, cantautore. Nato a Bologna, fa parte della folta schiera emiliana del settore. A 6 anni suonava il piano, a 22 anni esordì come musicista vincendo il Festivalbar con “Ci stiamo sbagliando”. Nella stessa kermesse estiva si consacrò a 30 anni con “Mare mare”. Il 1° ottobre 2013 festeggiò i 30 anni di carriera, pubblicando “Fisico & politico”, raccolta in cui duettò con Ligabue, Fabri Fibra, Jovanotti ed Elisa. Secondo stime recenti Carboni ha venduto circa 7 milioni di dischi. Nella vita privata convive dal 1989 con Marina Vanni, dalla quale ha avuto il figlio Samuele (’99).
Bode Miller (1977), Usa, ex-sciatore. Nato ad Easton (Pennsylvania), si ritirò il 31 ottobre 2017. Bravo in tutte le specialità dello sci alpino, tanto da vincere almeno una volta in ognuna di esse (solo 5 atleti nella storia), in carriera ha guadagnato 1 oro, 3 argenti e 1 bronzo alle Olimpiadi, più 4 ori e 1 argento ai Mondiali.

Print Friendly, PDF & Email