Venerdì 9 ottobre, 283° giorno
dell’anno, 41^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 83 giorni (bisestile)

0
1220
Un mito senza tempo: l'indimenticabile ex-Beatles John Lennon ai tempi di "Imagine" (1971)

FRASE DEL GIORNO – Non ho paura di morire, sono preparato alla morte perché non ci credo. Penso che sia solo scendere da un’auto per salire su un’altra. (John Lennon)

SANTI DEL GIORNOSan Dionigi (Vescovo e Martire), San Donnino di Fidenza (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1963 crollò la diga del Vajont. Era un tranquillo mercoledì autunnale nella valle del Vajont (BL), con tutti gli abitanti raccolti nelle case e nei bar davanti alla TV per il match di Coppa dei Campioni tra il grande Real Madrid di Puskas e Di Stefano e gli scozzesi dei Glasgow Rangers. Dopo le 22 successe qualcosa, 200 metri più su, che mise in allarme il guardiano della diga: un pezzo del Monte Toc stava franando. Alle 22.45 un sordo boato scosse la valle e in pochi attimi un fiume di fango e detriti si abbatté sui paesi di Longarone, Erto e Casso, cancellandoli e trascinando corpi e cose per decine di metri. Furono 2.000 le vittime di quella che venne definita una tragedia annunciata, fatta di dati occultati, perizie abbandonate nei cassetti, voci di giornalisti e denunce di cittadini ignorate. Colpevolmente, perché la diga, costruita a fine anni ’50 dalla SADE, colosso elettrico dell’epoca, si rivelò un progetto folle fin dall’inizio: che quel terreno fosse franoso, infatti, i contadini della valle lo sapevano. Da sempre.
Il processo fece emergere la triste verità: omissioni e complicità tra impresa, funzionari pubblici e periti. Si chiuse con la condanna a 21 anni di galera per tutti gli imputati (uno si suicidò prima del verdetto). Alla tragedia furono dedicati due film, nel ’97 e nel ’01.

NATI DEL GIORNO – John Lennon (1940-1980), Inghilterra, cantante e musicista.  Icona culturale senza tempo, figura simbolo dei movimenti pacifisti nel mondo, John Winston Lennon è una colonna portante della storia della musica, di cui scrisse una pagina fondamentale sia come leader dei Beatles, che come solista. Nato a Liverpool, fece le prime esperienze musicali fondando a 16 anni una propria band, i Quarrymen. L’incontro con Paul McCartney diede inizio alla parabola dei leggendari Beatles, di cui, con Paul, compose la maggior parte delle canzoni. Come solista, poi, incise brani immortali come “Imagine” (’71) e “Woman” (’81). Fu assassinato l’8 dicembre ’80 da un fan, Mark David Chapman, che gli sparò davanti a casa sua, a New York. Nella vita privata Lennon conobbe Cynthia Powell al liceo e la sposò nel ’62: nacque Julian (’63). Poi divorziò nel ’69 e subito sposò l’artista giapponese Yoko Ono, di 7 anni più vecchia: dopo 3 aborti nacque Sean (’75).
Guillermo del Toro (1964), Messico, regista. Nato a Guadalajara, iniziò come disegnatore e debuttò alla macchina da presa a 20 anni. Il genere ‘horror’ è quello a lui più congeniale: dalla prima opera “Cronos” (’93), premiata a Cannes, al capolavoro “Il labirinto del fauno”, che nel ’07 vinse 3 Oscar (fotografia, scenografia e trucco). Col suo cinema, in cui mescola poesia e inquietudine, bambini, mostri e insetti, conquistò altri premi: nel ’17 “The Shape of Water” (La forma dell’acqua) vinse il Leone d’oro a Venezia per il “miglior film”. La stessa pellicola ottenne 13 candidature all’Oscar 2018 e ne vinse 4: ‘miglior film’, ‘miglior regista’, ‘migliore scenografia’ e ‘migliore colonna sonora’.
Caparezza (1973), Italia, cantautore. Nato a Molfetta (BA) come Michele Salvemini, con questo nome si presentò sulla scena musicale, debuttando al Festival di Castrocaro e al Festival di Sanremo. Nel nuovo millennio la metamorfosi: fece crescere capelli e pizzetto e prese il nome d’arte Caparezza, cioè “testa riccia” in dialetto molfettese. Nel ’03 sfondò con l’album “Verità supposte” e i singoli “Fuori dal tunnel”, “Il secondo secondo me” e “Vengo dalla Luna”. Partecipò alla “Notte della Taranta” ’08 e a tre Concerti del 1° Maggio (’09, ’11, ’12), mentre al cinema comparve nel film “Che bella giornata” di Checco Zalone. Ad aprile ’14 lanciò il 6° album, “Museica”, anticipato dal singolo “Non me lo posso permettere”, seguito tre anni dopo dal settimo album “Prisoner 709″.

Print Friendly, PDF & Email