Giovedì 9 gennaio, 9° giorno dell’anno, 2^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 357 giorni (bisestile)

0
1625
Domenico Modugno a Sanremo nel 1958, quando trionfò con "Nel blu dipinto di blu"

FRASE DEL GIORNOQuando vedo giocare Pirlo, quando lo vedo col pallone tra i piedi, mi chiedo se io posso essere considerato davvero un calciatore. (Gennaro Gattuso)

SANTI DEL GIORNO – San Marcellino di Ancona (Vescovo), San Vitale (Martire durante le persecuzioni di Decio), Sant’Eustrazio (Abate), Sant’Onorato di Buzançais.

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1900 fu fondata la Lazio. Il bersagliere Luigi Bigiarelli, con 8 amici, fondò la ‘Società Podistica Lazio’ in Piazza della Libertà (Roma), dove un secolo dopo fu apposta una lapide. Nel ’25 divenne ‘Società Sportiva Lazio’. Nel terzo millennio è una delle 3 squadre italiane (con Roma e Juve) ad essere quotata in borsa. In 120 anni di storia i biancocelesti romani hanno vinto 2 scudetti, 7 Coppe Italia, 5 Supercoppe italiane, 1 Coppa delle Coppe, 1 Supercoppa Uefa, 1 Coppa delle Alpi e 1 Campionato di serie B.
Nel 2007 Steve Jobs presentò l’iPhone. “Con questo prodotto rivoluzionario abbiamo fatto un salto in avanti di almeno 5 anni rispetto alla concorrenza: abbiamo reinventato il telefono”. Cominciò dunque dal ‘genio’ della Apple la grande rivoluzione nel modo di utilizzare il cellulare. Il progetto, avviato 3 anni prima dallo stesso Jobs, portò ad un un ‘dispositivo multifunzione’ con possibilità diverse: ‘navigazione in internet’, ‘foto ad alta risoluzione’, ‘chat in diretta’, ‘download di musica e film’, ‘invio di email’, ‘utilizzo di Google Maps’. Altrettanto innovativo il funzionamento, legato a uno ‘schermo touchscreen’ molto sensibile e a un’interfaccia semplice e intuitiva. Un gesto destinato a fare scuola fu il ‘pinch to zoom’, tecnica che permette di ingrandire e rimpicciolire un’immagine semplicemente allargando o avvicinando due dita. Nella serata del lancio Steve Jobs si presentò sul palco sulle note di “I feel good” di James Brown con il solito abbigliamento casual (dolcevita nera e jeans), esordendo così: “Siamo qui per scrivere un pezzo di storia”. Due mesi più tardi il 1° modello toccò il milione di vendite soltanto negli Usa, poi seguirono, fino al 2011, 4 generazioni di iPhone che spostarono sempre più in alto l’asticella della spinta rivoluzionaria. Nel 2012, quindi già dopo la morte di Jobs, fu la volta dell’iPhone 5, che vendette nel primo fine settimana 5 milioni di esemplari. Si passò poi al “5S” e al “5C” seguiti dalle versioni “6” e “6plus”. Il 28 luglio 2016 Tim Cook (CEO Apple) annunciò la vendita di un miliardo di iPhone, mentre a settembre arrivarono le versioni “7” e “7plus”. Nel ’17 ecco “8”, “8plus” e “X” e a settembre ’18 si arrivò ai modelli “XS”, “XS Max” e “XR”.

NATI FAMOSIKarel Capek (1890-1938), Repubblica Ceca, scrittore. Nato a Malé Svatoňovice nell’allora Boemia (Impero austro-ungarico), nel teatro raggiunse la fama con la sua maggiore opera, “R.U.R.” (‘Rossumovi univerzální roboti’, ossia “i robot universali di Rossum”), dramma in 3 atti che denuncia i pericoli di scientismorazionalismo in una società fondata sempre sul lavoro di ‘robot’ con sembianze umane, ma privi di anima.
Domenico ‘Mimmo’ Modugno (1928-1994), Italia, cantante. Considerato il padre dei cantautori italiani con circa 230 canzoni incise, raggiunse una popolarità immensa, legata anche al cinema (38 film), al teatro e alla TV, dove interpretò film e sceneggiati. Pugliese di Polignano a Mare (BA), divenne popolare nel ’58 vincendo il Festival di Sanremo con “Nel blu dipinto di blu”, inno dell’italianità nel mondo, conosciuta anche come “Volare”, che secondo i dati SIAE è la canzone italiana più eseguita sul pianeta dal ’58 ad oggi. Modugno trionfò all’Ariston altre 3 volte grazie a “Piove”, “Dio, come ti amo” e “Addio… addio…”, entrati con altri suoi successi nel repertorio classico della canzone italiana.  Vendette oltre 70 milioni di dischi e nell’ultimo decennio della sua vita si dedicò alla politica, diventando deputato (’87-’90) e senatore (’90-’92) del Partito Radicale. Si impegnò per i diritti dei disabili e le norme a tutela degli artisti. Nell’84 fu colpito da ictus che gli paralizzò un lato del corpo, compromettendone l’attività. Il 6 agosto ’94 morì per un infarto nella sua casa di Lampedusa e fu sepolto al Cimitero Flaminio di Roma
Dan Peterson (1936), Usa, ex-allenatore di basket e commentatore TV. Nato a Evanston (Illinois) come Daniel Lowell Peterson, si laureò insegnante di basket e iniziò ad allenare a 26 anni in America (’62-’71), poi guidò la nazionale cilena (’71-’73) e sbarcò in Italia dove sedette sulle panchine di Bologna e Milano vincendo 5 scudetti, 3 Coppe Italia, 1 Coppa dei Campioni e 1 Coppa Korac. Da fine anni ’80 è commentatore TV, con la sua caratteristica inflessione, di basket NBA, wrestling e slamball, oltre a collaborare con Gazzetta dello Sport e Sportitalia. Fu anche importante testimonial pubblicitario di thè e auto.
Gennaro Ivan Gattuso (1978), Italia, ex-calciatore e allenatore. Nato a Corigliano Calabro (CS), detto ‘Rino’ e soprannominato ‘Ringhio’ per la grinta espressa in campo, è l’allenatore del Napoli, subentrato l’11 dicembre ’19 a Carlo Ancelotti.
Giocò con Perugia, Glasgow Rangers, Salernitana, Milan e Sion (586 partite e 17 gol) vincendo 10 trofei con il Milan: 2 scudetti, 1 Coppa Italia, 2 Supercoppe italiane, 2 Champions League, 2 Supercoppe Uefa, 1 Coppa del Mondo per Club. Con la Nazionale italiana (73-1) fu Campione del mondo 2006 e vinse l’Europeo U21 nel 2000. 

Print Friendly, PDF & Email