Venerdì 5 giugno, 157° giorno
dell’anno, 23^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 209 giorni (bisestile)

0
1103
Indimenticabile immagine di piazza Tienanmen: uno studente cinese cerca di fermare i carri armati

FRASE DEL GIORNO – La protesta degli studenti fu il pretesto che i conservatori aspettavano da tempo. (Zhao Ziyang su piazza Tienanmen)

SANTI DEL GIORNO – San Bonifacio (Vescovo e Martire), San Gualtiero (Frate ospedaliero), San Franco (Eremita), Sant’Igor di Russia (Monaco), Sant’Eutichio di Como (Vescovo).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1224 fondata l’Università di Napoli. Due i motivi che spinsero Federico II, imperatore del Sacro romano impero, a fondare l’Università degli Studi di Napoli, considerata in assoluto la prima università laica in Europa di tipo statale. Da un lato formare funzionari e giuristi che migliorassero il funzionamento dell’apparato amministrativo; dall’altro garantire la formazione culturale del popolo, evitando a quest’ultimo lunghi viaggi verso altre realtà. Oggi, a secoli di distanza, continua a formare illustri avvocati, magistrati e studiosi di diritto. Tra le personalità eccellenti che vi hanno studiato ci sono i filosofi Benedetto Croce e Giordano Bruno, San Giovanni Bosco, il medico Giuseppe Moscati e 3 ex-presidenti della Repubblica: De Nicola, Leone e Napolitano.
Nel 1989 la protesta di piazza Tienanmen. In Cina uno studente cercò di arrestare l’avanzata dei carri armati. È l’immagine storica del grande movimento di protesta che portò migliaia di studenti universitari cinesi a manifestare, in piazza Tienanmen a Pechino, contro il regime comunista, che rispose con una sanguinosa repressione militare inviando i carri armati verso la piazza nella notte del 3 giugno. Di fronte alla pacifica resistenza degli studenti, i militari non esitarono a fare fuoco mietendo centinaia di vittime, ma il numero a tutt’oggi non è quantificabile per la censura imposta dal governo comunista cinese, nonostante le pressioni internazionali.
Nel 2010 Francesca Schiavone vinse il Roland Garros. Prima vittoria italiana in uno Slam femminile e prima italiana in finale nella storia: questo fu il doppio primato della tennista milanese. Alla vigilia del torneo era numero 17 del ranking, ma nei quarti di finale superò la numero 3 WTA, Caroline Wozniacki, in semifinale si avvantaggiò del ritiro di Elena Dementieva e in finale battè 64 76 (2) Samantha Stosur, che aveva eliminato la Williams.

NATI FAMOSIFederico Garcia Lorca (1898-1936), Spagna, poeta. Tra i più insigni del ‘900 europeo e principale esponente dell’età d’argento della letteratura spagnola, con la raffinatezza e l’impeto dei suoi versi continua ad affascinare i lettori di ogni tempo. Nato a Fuente Vaqueros (Andalusia), si appassionò da piccolo a musica e arte, componendo la prima raccolta di poesia a 20 anni, senza successo. Costretto a soffocare la propria omosessualità, che gli causò lunghi periodi di depressione, nella Guerra Civile parteggiò per i repubblicani e nell’agosto del ’36 venne fucilato dalle milizie franchiste.
Massimo Cacciari (1944), Italia, filosofo. Nato a Venezia, comunista a tutto tondo, si laureò in Filosofia a Padova e divenne professore di Estetica all’Istituto di Architettura di Venezia, collaborando alla fondazione di alcune riviste di filosofia, molto note dagli anni ’60 agli anni ’80 (“Classe Operaia, “Potere Operaio”). Autore di  numerosi scritti filosofici, ebbe 2 lauree ‘honoris causa’: in Architettura (Università di Genova) e Scienze politiche (Università di Bucarest). Eletto sindaco di Venezia nel ’05, lasciò la politica attiva dopo la fine del suo mandato (’10). Nel ’16 pubblicò il saggio “Occidente senza utopie”, attualmente è docente di Pensare filosofico e metafisica presso l’Università ‘Vita-Salute San Raffaele’ di Milano, da lui fondata nel ’02 e di cui è stato pro-rettore vicario.
Stefania Sandrelli (1946), Italia, attrice. Icona sexy con grande talento, nacque a Viareggio (LU) e giovanissima partecipò a ‘Miss Italia’, vinse ‘Miss Cinema Viareggio’ ed esordì sul set a 15 anni con “Divorzio all’italiana”. Lavorò con registi d’eccezione (Bertolucci, Monicelli, Scola) ed attori internazionali (Hoffman, De Niro, Lancaster) e nei primi anni ’80 fece alcuni film del genere erotico, tra i quali “La chiave” di Tinto Brass.
Tra le pellicole recenti più importanti “L’ultimo bacio” (’01), “Un giorno perfetto” (’08) e “La prima cosa bella” (’10), mentre dal ’12 al ’15 fu protagonista della fiction TV “Una grande famiglia” (Rai). In carriera conquistò diversi riconoscimenti, tra cui il Leone d’Oro alla carriera, 3 David di Donatello, 6 Nastri d’Argento e il titolo di Cavaliere di “Ordre des Arts et des Lettres”, onorificenza francese. Nella vita privata la Sandrelli ha 2 figli: Amanda (’64), avuta da una relazione col cantante Gino Paoli, conosciuto a 16 anni, e Vito (’73), avuto dal marito, il chirurgo Nicola ‘Nicky’ Pende (’72-’76), deceduto nel ’19.

 

Print Friendly, PDF & Email