Venerdì 18 dicembre, 353° giorno dell’anno, 51^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 13 giorni (bisestile)

0
759
Paolo Bertolucci, Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta con la Coppa Davis, vinta dall'Italia nel 1976

FRASE DEL GIORNO – Chi compra il superfluo, venderà il necessario. (Proverbio italiano)

SANTI DEL GIORNO – San Graziano (Gaziano) di Tours (Vescovo), Santi Rufo e Zosimo (Martiri), San Flavito (Eremita), San Malachia (Profeta), San Wunibald di Heidenheim (Vunibaldo, Abate).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1976 l’Italia vinse la Coppa Davis. Storico successo dell’Italia nella 65ª edizione della Coppa Davis, il più importante torneo per le Nazionali di tennis maschile, vinto per la prima e unica volta dagli azzurri. Delle 56 squadre iniziali, arrivarono in finale Cile e Italia. Il team azzurro, formato da Adriano Panatta, Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci e Antonio Zugarelli, capitano non giocatore Nicola Pietrangeli, vinse 4-1 fuori casa: il 17 dicembre l’Italia andò sul 2-0 con i successi di Barazzutti (7-5 4-6 7-5 6-1 su Fillol) e Panatta (6-3 6-1 6-3 su Cornejo); il giorno dopo, 18 dicembre, la coppia Panatta-Bertolucci vinse il doppio 3-6 6-3 6-2 9-7 contro Cornejo-Fillol, segnando il 3° e decisivo punto per la vittoria. Nell’ultima giornata di gare, il 19 dicembre, la vittoria di Panatta (8-6 6-4 3-6 10-8 a Fillol) e la sconfitta di Zugarelli (6-4 6-4 6-2 da Prajoux) fissarono il punteggio sul 4-1. E la celebre “Insalatiera” approdò in Italia.

NATI DEL GIORNO – Steven Spielberg (1946), Usa, regista. È uno dei migliori registi al mondo, re del cinema di fantascienza, fondatore della casa di produzione ‘Dreamworks’.
Nato a Cincinnati (Ohio), non frequentò scuole di cinema, interruppe l’università, si dedicò alla sua passione girando alcuni cortometraggi. Dopo la buona accoglienza di “Sugarland Express”, Palma d’oro a Cannes ’74, nel ’75 sfondò con “Lo squalo” (3 Oscar). Sfornò un capolavoro dopo l’altro: “Incontri ravvicinati del terzo tipo” (’77), “E.T. l’extraterrestre” (’82), “Jurassic Park” (’93), mescolando sapientemente effetti speciali e buoni sentimenti.
I riconoscimenti personali, però, arrivarono con i film drammatici: “Schindler’s List” (’93) e “Salvate il soldato Ryan” (’98), che gli regalarono 2 Oscar come “miglior regista”. Nel ’15 collaborò con i fratelli Coen, firmando la regia del thriller “Il ponte delle spie”, poi nel ’16 uscì “Il GGG-Il grande gigante gentile”, nel ’17 “The Post” e nel ’18 “Ready Player One”.
Brad Pitt (1963), Usa, attore. E’ uno degli attori più belli di Hollywood. Nato a Shawnee (Oklahoma) come William Bradley Pitt, prima del cinema fece il trasportatore di frigoriferi e l’uomo-sandwich. Dopo una serie di sit-com, telefilm e telenovelas, guadagnò la fama di ‘sex symbol’ nella scena d’amore con Geena Davis in “Thelma & Louise” (’91). Ebbe molte nomination ai Golden Globe e agli Oscar, ma l’unica statuetta la vinse come produttore con “12 anni schiavo” (’14), che portò a casa anche 1 Golde Globe (‘miglior film drammatico’) e 1 Bafta (‘miglior film’). L’unico premio per la recitazione fu il Golden Globe ’96 per “L’esercito delle 12 scimmie” (‘miglior attore non protagonista”).
Gianluca Pagliuca (1966), Italia, ex-calciatore. Bolognese, giocò per Sampdoria, Inter, Bologna ed Ascoli, con 814 presenze totali. Con la Sampdoria vinse 1 scudetto, 3 Coppe Italia, 1 Supercoppa italiana e 1 Coppa delle Coppe, arrivando alla finale di Champions League persa ai supplementari. Dopo i blucerchiati, vinse anche 1 Coppa Uefa con l’Inter.
In Nazionale (39) conquistò il bronzo ai Mondiali ’90 e l’argento a quelli del ’94.
Claudia Gerini (1971), Italia, attrice. Romana, nell’85 vinse “Miss Teenager”, conobbe Gianni Boncompagni e a lui si legò professionalmente e sentimentalmente. Nel ’91 partecipò a “Non è la Rai” ed esordì come attrice in 2 film di Carlo Verdone. Nel ’03 condusse con Pippo Baudo e Serena Autieri il Festival di Sanremo, nel ’07 presentò il Concerto del 1º Maggio da Piazza San Giovanni a Roma. Le migliori prove sul set furono  “Il mio domani”, “Il comandante e la cicogna” e “Una famiglia perfetta”. Nel ’17 vinse il David di Donatello per la ‘migliore attrice non protagonista’ di “Ammore e malavita“, nel ’19 è stata protagonista di “A mano disarmata”.
Christina Aguilera (1980), Usa, cantante. Con oltre 50 milioni di album venduti è una star della musica pop internazionale, ammirata per le doti vocali e il ‘sex appeal’. Nata a New York, figlia d’arte, pubblicò il primo album nel ’99 e fu subito trionfo: trascinato dal singolo “Genie in a Bottle”, vendette 19 milioni di copie nel mondo e vinse il 1° Grammy Award come “miglior artista emergente”. Con i 10 album pubblicati portò a casa 5 Grammy, 1 Latin Grammy e una serie infinita di premi minori. Il suo impegno umanitario contro la fame nel mondo le valse, nell’ottobre ’13, il “Muhammad Ali Award”.
Giuliano Razzoli (1984), Italia, sciatore alpino. Nato a Castelnovo ne’ Monti (RE), è uno specialista dello slalom speciale in cui vinse l’oro Olimpico a Vancouver 2010. Atleta dell’Esercito, conquistò 10 podi in Coppa del Mondo: 2 vittorie, 5 volte 2°, 3 volte 3°.

Print Friendly, PDF & Email