Venerdì 10 aprile, 101° giorno
dell’anno, 15^ settimana. Alla fine del 2020 mancano 265 giorni (bisestile)

0
1090
Premio Pulitzer: la medaglia d'oro (fronte-retro) assegnata al vincitore della categoria "pubblico servizio"

FRASE DEL GIORNOScrivi in modo conciso perché sia letto, in modo chiaro perché sia capito, in modo pittoresco perché sia ricordato e, soprattutto, in modo esatto perché guidi con la sua luce. (Joseph Pulitzer)

SANTI DEL GIORNO – San Terenzio e compagni (Martiri di Cartagine), Sant’Ezechiele (Profeta), San Fulberto di Chartres (Vescovo), San Palladio di Auxerre (Vescovo),  Sant’Apollonio (Martire).

EVENTI DEL GIORNO – Nel 1896 Spyridōn Louīs vinse la I maratona Olimpica.
Tra i 17 atleti alla partenza 12 erano greci, a dimostrazione dell’interesse che la gara aveva per i padroni di casa. Il pastore greco Spyridōn Louīs entrò per primo nello stadio Panathinaiko, nel tripudio di gioa di 100.000 spettatori; due esponenti della casa reale greca, il principe Costantino e il re Giorgio I, entrarono sulla pista e lo accompagnarono fino al traguardo. Così lo spirito di Olimpia rinacque con la gara in memoria dell’antica leggenda di Filippide che, secondo Erodoto, corse per 42.195 chilometri, da Maratona ad Atene, per annunciare la vittoria sui persiani, morendo stremato dalla fatica.
Nel 1991 il disastro ‘Moby Prince’. Alle 22.03 il traghetto di linea ‘Moby Prince‘ partì dal porto di Livorno in direzione Olbia. Circa 20 minuti dopo la nave finì con la prua nella pancia della petroliera Agip ‘Abruzzo’, nei cui serbatoi erano stipate 2.700 tonnellate di petrolio.
Il mare si trasformò in una larga macchia nera che prese fuoco, avvolgendo il traghetto che, come impazzito, si mise a girare in tondo in un inferno di fuoco. A bordo 140 persone: 76 passeggeri e 65 membri dell’equipaggio, agli ordini del comandante Ugo Chessa. L’unico sopravvissuto fu il mozzo napoletano Alessio Bertrand, che riuscì ad evitare le fiamme.

NATI FAMOSI – Joseph Pulitzer (1847-1911), Ungheria, editore. Nato a Makò, emigrò negli Usa a 17 anni e fu pioniere dell’editoria della carta stampata. La cospicua eredità che lasciò contribuì alla nascita (1912) della “Columbia University Graduate School of Journalism”, prima scuola di giornalismo al mondo. Nel ’17 lo stesso ateneo istituì il ‘Premio Pulitzer’, tuttora considerato il massimo riconoscimento internazionale per giornalisti.
Lee Jung Seob (1916-1956), Sud Corea, pittore. Nato a Pyeongannamdo (Nord Corea) ebbe una tormentata vita da esule e fu  protagonista della scena artistica coreana della prima metà del ‘900. Formatosi alla prestigiosa scuola d’arte Teikoku (Giappone), lavorò a Parigi dove entrò in contatto con la corrente “fauvista”, che riprese nello stile. La morte del primo figlio e lo scoppio della guerra tra le due Coree, che lo separò per sempre dalla sua famiglia, segnarono la sua produzione, rappresentata per lo più da dipinti a olio. Il suo quadro più noto, “Ox” (“bue”) è conservato al “Museum of Modern Art” di New York.
Caterina Caselli (1946), Italia, cantante e produttrice musicale. Celebrata per circa un decennio come il ‘casco d’oro’ della musica italiana, da metà anni ’70 iniziò a lavorare come ‘talent scout’: dalla sua scuderia sono usciti artisti come Andrea Bocelli, Elisa, Malika Ayane, Raphael Gualazzi e i Negramaro.
Nancy Brilli (1964), Italia, attrice. Romana doc, nata Nancy Nicoletta Lina Ortensia Brilli,
debuttò al cinema a 20 anni, fece un’esperienza a teatro, poi divenne famosa con i film “Compagni di scuola” (’88), “Piccoli equivoci” (’89) e “Italia-Germania 4-3” (’90), “Femmine contro maschi” (’11) e “Sapore di te” (’14), vincendo 1 David di Donatello e 1 Nastro d’argento. In TV recitò in “Commesse” (’99 e ’02) e “Il bello delle donne” (’01 e ’03).
Valerio Scanu (1990), Italia, cantante. Nato a La Maddalena (OT), deve tantissimo alla TV: 3° da bambino a “Canzoni Sotto L’Albero”, 1° da ragazzo a “Bravo Bravissimo“, da maggiorenne finì 2° ad “Amici” di Maria De Filippi. Scritturato dalla ‘EMI’, il disco d’esordio “Sentimento” (’09) ottenne disco di platino. L’anno dopo vinse a Sanremo con “Per tutte le volte che…”. Col 7° album “Dieci” festeggiò i 10 anni di carriera e nel gennaio ’20 arrivò 4° nel programma di Rai 1 “Il cantante mascherato”.

Print Friendly, PDF & Email